Abbiamo spalancato le porte del Pavillon Faubourg Saint-Germain, un nuovo hotel a cinque stelle sulla Rive Gauche

A Parigi, il gruppo alberghiero Chevalier Paris continua la sua espansione e apre un piccolo gioiello nel 7° arrondissement. Tour privato sulle orme di James Joyce.

La sponda sinistra si risveglia! Dopo l’apertura qualche settimana fa dell’Hotel des Académies et des Arts (Indirizzi di gruppo) vicino a La Coupole, quello del ristorante Vesper Avenue Bosquet (7°), un nuovo indirizzo gourmet capitanato dallo chef Lucas Felzine, o anche il big Ritorno del Montana, ribattezzato Montana da Ticca, il club Germanopratin convertito in ristorante italiano con terrazza sul tetto, ecco il padiglione Faubourg Saint-Germain. Situata all’angolo tra rue de l’Université e rue du Pré-aux-Clercs, questa è la nuova pepita della famiglia Chevalier, che già possiede il Pavillon de la Reine, la Place des Vosges e il Pavillon des Lettres, l’a a due passi si trovano la Rue du Faubourg Saint-Honoré e l’Hôtel du Petit Moulin, nel cuore del Marais.

Il marchio indipendente Chevalier Paris ha acquisito lo sfondo e le pareti di ciascuno dei suoi hotel come tanti preferiti nel corso degli anni. Gestito dalla stessa famiglia da tre generazioni, il gruppo esprime la passione per la capitale attraverso i loro indirizzi. Jérôme Chevalier, Presidente del Gruppo, afferma: “ Oltre al quartiere, qui ci troviamo in un luogo raro, tranquillo e storico. Il ricordo di inquilini famosi come James Joyce, TS Elliot e Léo Ferré galleggia lì. Il potenziale era enorme. Come albergatore, queste cose non ti mancano. ».

Tre edifici, tre atmosfere

La lobby dell’hotel si affaccia sul salone coperto di vetro. Jérôme Galland / Photo Press

Tre edifici, tre atmosfere. Ognuno ha mantenuto la sua entrata. A 1 rue du Pré-aux-Clercs: I parigini, un bistrot chic affidato allo chef Thibault Sombardier. al numero 3, Il James Joyce, accogliente bar della letteratura. E al numero 5, ilalbergo e terme. Il progetto è stato affidato all’architetto Vincent Bastie (Le Murano, Le Mathurin, l’Apostrophe, le A, l’Hotel Petit Moulin…), accompagnato dall’interior designer Didier Benderli, che aveva già collaborato con Chevalier Paris per Le Pavillon de la Reine e Le Pavillon des Lettres. Per affermare l’unità del sito, Vincent Bastie fece una fila lungo le tre facciate. In questa prospettiva, lobby, biblioteca, bar e ristorante si susseguono, mentre Didier Benderli ha lavorato sulla scala dell’intimo, cercando di rendere straordinario l’ambiente. E funziona! Eccoci in una grande residenza parigina dove ci sentiamo a nostro agio fin dall’inizio. L’arredamento si avvolge in un comfort protettivo e ovunque gli angoli si ammorbidiscono in curve.

Dal soffitto della lobby (alto 5 metri) cade una luce sferica in alabastro (Atelier Alain Ellouz) dalla luce calda e poetica. Il tono è impostato. I bei materiali parlano il linguaggio dell’arte. Pavimento in pietra dell’Hainaut. Banco reception impiallacciato palissandro. Sfondo muro di onice. Di fronte, un soggiorno si apre al cielo grazie a un tetto in vetro modernista scoperto durante la costruzione. I mobili su misura e il mantello del camino scultoreo in stucco, opera del pittore, scultore e artigiano François Mascarello, sono evidenziati da un’enorme toile de lacca (Atelier Pc Maury) di sfumature di verde. Fattura alta. Nella lounge della biblioteca, 1.500 coperte della collezione bianca NRF di Gallimard contrastano con uno sfondo blu e convivono con oggetti preziosi. I tavolini in travertino dialogano con mobili iconici. I tappeti spessi attutiscono i passi sul pavimento. Vorremmo sederci e leggere Odisseo. Ma è tempo di scoprire le stanze.

Codici haussmanniani e bolle di modernità

Il lusso è nei dettagli qui. Jérôme Galland / Photo Press

Sulle scale, gli artigiani danno gli ultimi ritocchi alla pittura. Il nuovissimo ascensore profuma di essenza di legno e ci aspetta per portarci in alcune delle 47 camere e suite. Racchiudono tutti i codici di una confortevole casa haussmanniana: parquet a spina di pesce, soffitti altissimi, modanature, mobili in legno pregiato, pannelli in tessuto teso per riscoprire la tradizionale lavorazione del legno…

Lato tecnologico, l’essenziale è discreto ed efficiente, la TV è nascosta da uno specchio e le prese USB sono perfettamente posizionate. Efficiente. Il comfort è onnipresente, evidente. Ma in fondo siamo in un hotel a cinque stelle. Dietro le porte scorrevoli, i bagni sono bolle di modernità. Il pavimento in terrazzo apporta un cambiamento visivo all’ambiente grafico. Alle pareti, i pannelli ceramici interrotti da linee nere – come gli arredi – riprendono la geometria della copertura in vetro. Ci piacciono particolarmente i doppi lavelli incastonati in un mobile su misura in legno e ottone spazzolato. Un’estetica chic e retrò che si ritrova anche in copriletti, specchi o applique.

GUIDA NELLE IMMAGINI

Visita guidata del padiglione Faubourg Saint-Germain

Alla presentazione (10)

Al piano interrato, nelle antiche cantine che un tempo ospitavano il Quod Libet, sono stati ricavati di fortuna un cabaret del dopoguerra con pareti rivestite di pannelli e ornato di giornali, una piscina che ricorda un bagno turco, una spa, una palestra e una sala yoga piattaforma, dove Léo Ferré ha iniziato la sua carriera. Sul lato decorativo, la marmorizzazione del granito di Macauba riprodotta sul gres porcellanato si compone con il tadelakt marocchino. Ancora bello. In termini di trattamenti, gli ospiti possono usufruire di due cabine per rilassarsi dopo un’intensa giornata esplorando Parigi prima di concedersi un cocktail al James Joyce Bar. Stile diverso, atmosfera diversa. Piani dei tavoli in quarzite, divani e poltrone in velluto blu notte o rosa cipria, un grande tappeto in bronzo… Alle pareti, pannelli in legno Sanfoot color avana, posati come onde di intarsio, reagiscono ai tessuti broccati in stile giapponese. Tutto è fatto per farti sentire a tuo agio prima di cena. Questa è una buona cosa, il James Joyce è ospitato nella continuità del ristorante.

A tavola !

Lo chef Thibault Sombardier. Jérôme Galland / Photo Press

Ed è un omaggio al lavoro I dublinesi James Joyce (ancora lui) che il ristorante dell’hotel si chiama Les Parisiens. Un nome ben scelto che rispecchia la filosofia culinaria dello chef Thibault Sombardier. Nel piatto, questo 30enne di Lione, formato da Marc Meneau, Bernard Constantin, Alain Dutournier e Yannick Alléno, annuncia un menu di alta bistronomia francese: trota dell’Ile de France alla gravlax, vol-au-vent, supremo di pollame giallo delle Landes, pasta sfoglia di vitello alla Orloff, mezza aragosta bretone gratinata o sogliola di una piccola nave Meunière. Quello era il piatto. Sulle pareti delle tre sale, che accolgono 55 posti a sedere, lo stucco è lavorato come il velluto, che contrasta con gli intradossi in noce. Le finestre all’inglese, che devono aprirsi completamente nelle belle giornate in attesa di un terrazzo, sono accompagnate da lunghi cilindri di alabastro destinati a diffondere una calda luce. La luce. Torneremo su questo. E se il lusso fosse semplice come un raggio di sole?

Hotel Pavilion Faubourg Saint Germain & Spa, 5, rue du Pré-aux-Clercs, 75007 Parigi. Tale. : 01 42 61 01 51. Camere Classic a partire da € 350.

Ristorante I pariginiaperto dal martedì al sabato dalle 12:00 alle 14:15 e dalle 19:00 alle 22:15. Biglietti da € 60.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.