Christian Eriksen dice che affrontare il Tottenham sarà “speciale” e non c’è alcun rischio nel suo ritorno al calcio | Notizie di calcio Notizie del cielo

Christian Eriksen afferma che l’incontro di sabato sera con il Tottenham sarà “speciale” e afferma che il suo ritorno al calcio dopo aver subito un arresto cardiaco a Euro 2020 non rappresenta alcun rischio.

Il regista del Brentford ha trascorso sette anni al Tottenham prima di unirsi all’attuale allenatore degli Spurs Antonio Conte all’Inter. Sotto l’italiano, Eriksen ha aiutato il club a conquistare il suo primo titolo di Serie A dal 2010.

L’incontro di sabato con il Tottenham, in diretta su Sky Sport, non è solo una riunione con il suo ex club ed ex allenatore. È anche l’ultima tappa del ritorno al calcio di Eriksen dopo il suo terribile crollo mentre giocava per la Danimarca a Euro 2020.

È un evento che piace alla metà degli anni Trenta.

In un’intervista esclusiva a Sky Sport’ Jamie Redknapp, Eriksen ha dichiarato: “Non vedo l’ora. Sarà qualcosa di speciale. Prima si tratta di calcio, poi ci sono sempre le piccole cose tra le porte. Non vedo l’ora che arrivi sabato. »

E festeggerà contro la sua ex squadra se segna? ” Probabilmente no! “

Come seguire Brentford vs Tottenham su Sky Sports

Brentford vs Tottenham è in diretta su Sky Sports Premier League dalle 17:00; Calcio d’inizio 17:30

I clienti di Sky Sports possono guardare le clip di gioco sul blog Live Match sul sito Web e sull’app di Sky Sports.

Poco dopo il fischio finale, gli highlights saranno diffusi anche sulle piattaforme digitali di Sky Sport e sul canale YouTube di Sky Sports Football.

Ovviamente, a Eriksen viene spesso chiesto degli eventi del 12 giugno, quando ha subito un arresto cardiaco nella prima partita del girone della Danimarca contro la Finlandia al Parken Stadium.

Fortunatamente, si è ripreso in ospedale e ha ricevuto un ICD [implantable cardioverter-defibrillator] che aiuterà a monitorare il suo cuore per il resto della sua vita.

Parlando dell’incidente, Eriksen ha detto: “Ricordo di essere stato attratto, ma ovviamente non ricordo di essere stato sminuito. Poi sono stato svegliato dalle persone intorno a me, ma non so davvero cosa sia successo finché non sono stato dentro. l’ospedale.

“Per me, se ci fosse un rischio, non tornerei. È stato così semplice, hanno fatto tutte le prove, sono rimasta tre mesi senza fare niente, solo con lo spirito e la famiglia [right]abituati ad essere ancora lì.

Foto:
Christian Eriksen ha incontrato Jamie Redknapp di Sky Sports

“Poi l’allenamento è iniziato a poco a poco, costruendo lentamente ma allo stesso tempo controllando ciò che potevo controllare e provando a testare il core. Ho un ICD quindi se succede qualcosa sarò al sicuro.

“Ma alla fine non c’è il rischio che io suoni di nuovo, quindi non c’è motivo per me di porre fine alla nostra vita normale perché non c’è nessun dottore che dica ‘Non dovresti farlo’, quindi è tutta un’altra Conversazione con la mia famiglia Ma è stato “bene, possiamo farlo, testarlo”. Tutti i test sono andati bene e poi è stato inutile prendere l’idea di smettere di giocare.

“Ho detto a Sabrina, la mia altra metà, di tenermi gli stivali. Il primo giorno ho anche detto alle infermiere dell’ospedale: ‘Tieni i miei stivali, non mi servono più’. Poi due giorni dopo ho cambiato idea perché è venuto il dottore e ha detto che potevo avere un ICD e se no non ci sarebbero stati limiti.

Eriksen ha trascorso sette anni al Tottenham: potrebbe entrare nel club quest'estate?
Foto:
Christian Eriksen ha trascorso sette anni al Tottenham

“Ha cambiato un po’ la mentalità rispetto ai giorni precedenti perché i primi giorni erano ‘Non giocherò più, ho bisogno di trovare qualcos’altro ed essere solo un papà.’ Poi, dopo l’annuncio dell’ICD, non potevo suonare in Italia, ma per il resto non c’erano limiti, tranne che negli aeroporti bisogna bypassare gli scanner.

“Quando si tratta di calcio, sono lo stesso. Ma mentalmente è un po’ più rilassato e prendo anche la prospettiva: ‘Sono davvero preoccupato per questa partita o sono stressato per questo e quello’. Mette davvero tutto in prospettiva che sei vivo, sei sano, quindi va tutto bene, qualunque cosa accada.”

E ora il Brentford è la casa calcistica di Eriksen. I nuovi arrivati ​​della Premier League hanno ingaggiato gratuitamente il regista a gennaio e gli hanno consegnato un contratto semestrale, che rafforzerà il forte contingente danese dei Bees.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

GUARDA GRATIS: gli highlights della vittoria del Brentford sul Watford in Premier League

“Il club ora è per metà danese”, ha scherzato Eriksen. “È ancora strano parlare danese tutto il giorno. Non ci ero abituato, solo dalla nazionale.

“Da quando ho avuto contatti con Thomas per la prima volta a dicembre, ho avuto una buona sensazione di tornare in pista, Thomas come allenatore, i giocatori e come hanno giocato. Mi sono allenato da solo per quattro mesi, cercando di rimettermi in forma e di esserci, ma giocando in una squadra della Premier League che non sapevo si sarebbe stabilizzata così rapidamente.

Ma sono anche grato al club, all’allenatore e allo staff del Brentford. Dal primo giorno mi hanno aiutato e cercato di ottenere il meglio da me e dalla squadra. »

Anche Eriksen ha avuto una grande influenza. Il Brentford ha vinto tutte e cinque le partite in cui Eriksen ha iniziato, con il danese che ha segnato una volta e fornito due assist.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

L’allenatore del Brentford Thomas Frank dice che non è un segreto che vuole che Christian Eriksen rimanga nel club

Non sorprende che i fan di Bees vogliano che il club lo firmi con un contratto a lungo termine ed Eriksen sta mantenendo aperte le sue opzioni.

“Quando ho firmato qui a gennaio, in realtà è tornato e ha dimostrato che sono un calciatore e posso giocare a calcio. C’era anche un periodo di prova di sei mesi. Ora ci si sente bene”, ha detto.

“Ma per il futuro, non lo so. Mi sto solo godendo il momento, ogni partita è davvero divertente. Quello che accadrà in estate sarà una decisione per me come calciatore e come padre.

“Tutto aperto. Sono stato ben curato al Brentford, mi hanno mostrato davvero tanto amore e hanno cercato di ringraziarli per quello che mi hanno mostrato. Tutte le opzioni sono aperte, a Brentford o altrove. . »

Hojbjerg: il cerchio completo di Eriksen prima dell’incontro degli Spurs

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Christian Eriksen è tornato da sogno nel calcio internazionale con il suo primo tocco di palla dopo aver subito un arresto cardiaco a Euro 2020

Il filmato del crollo di Eriksen a Euro 2020 è altrettanto scioccante ora, 10 mesi dopo, come lo era quando si è verificato questo incidente inimmaginabile. Forse lo saranno sempre, soprattutto per questi compagni di squadra, questi amici che hanno visto la quasi tragedia davanti ai loro occhi.

Né il passare del tempo ha reso facile rivisitare gli eventi strazianti, quindi il centrocampista danese del Tottenham Pierre-Emile Hojbjerg, che era a pochi metri da Eriksen in quel fatidico giorno, lo ha fatto con riluttanza.

Hojbjerg preferisce di gran lunga concentrarsi su una delle più grandi storie di rimonta che il calcio abbia mai visto. Il suo compagno di squadra Eriksen ha percorso una strada incerta di recupero per raggiungere un obiettivo che pochi avrebbero sognato sarebbe mai stato possibile.

“L’ho detto molte volte, la cosa principale è che Christian è con noi oggi”, ha detto Hojbjerg. Possa lui e la sua famiglia essere in pace con questo, che possa tornare a fare ciò che ama fare e goderselo, e che lui e la sua famiglia abbiano la pace e il conforto che meritano.

“La cosa più importante per me e per i giocatori che lo circondano è che torni a fare ciò che ama, che è qui con noi oggi, che la sua famiglia possa avere pace della mente e del cuore e che possano respirare e divertirsi così Christian gioca bene in campo, questa è la cosa più importante.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Christian Eriksen ha segnato il suo secondo gol in tante partite quante la Danimarca ha giocato contro la Serbia in un’amichevole a marzo – ed è stato un gol…

” Quella [scoring on his Denmark return against the Netherlands] quasi chiuso un po’ il cerchio, potresti quasi metterci un coperchio. Era bellissimo – francamente, era molto bello. È stato anche un gol fantastico. Era semplicemente bellissimo, davvero bello per lui, per noi.

“La partita casalinga che abbiamo giocato contro la Serbia quando ha segnato, la reazione del pubblico è stata molto speciale. Sono così felice che possiamo goderci questi momenti insieme.

“Dal punto di vista sportivo, Christian è un giocatore molto importante per il nostro Paese. Le sue qualità sono fuori dubbio e ne ha così tante che alla fine ci aiuteranno a raggiungere le nostre ambizioni come paese e come squadra.

“Lui è al centro dell’attenzione. Cristiano è un cristiano. Come prima, come adesso. Gli si addice, gli si addice. Che lo benedica, spero che continui sempre così. »

Scopri di più su Hojbjerg in vista di Brentford vs Tottenham, dal vivo qui sotto Sky Sportqui…

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.