Crisi climatica e aumento degli incendi in Grecia

Nel 2021, i vigili del fuoco hanno registrato 8.728 incendi scoppiati in tutta la Grecia, per un totale di 1.301.239 acri di aree bruciate. L’88% della superficie totale bruciata è stata causata da 13 incendi estremi (megafires) che si sono verificati nei due mesi di luglio e agosto e hanno bruciato circa 1.148.000 acri. A livello di PIL, i danni maggiori sono causati dalla distruzione di abitazioni e attività commerciali, dall’enorme perdita di capitale vegetale e animale, dai danni alle infrastrutture del Paese (es. HEDNO), ma anche dall’impatto diffuso sul turismo causato.
La stagione estiva è iniziata quest’anno con un’ondata di caldo senza precedenti che ha colpito l’Europa meridionale e occidentale, con incendi già in corso in Grecia, Germania, Spagna e Italia e che si preparano a dichiarare un’emergenza record di siccità. Considerando che l’Europa meridionale presenta un alto rischio di incendio, con il tasso di rischio che aumenta dallo 0 al 2,5% all’anno, la Grecia è una delle aree più sensibili della terra per un altro anno. Dato che gli incendi catastrofici non solo colpiscono l’ambiente e gli ecosistemi, ma hanno anche un impatto catastrofico sulla società e sull’economia, è chiaro che la chiave per ridurre al minimo il rischio di incendi estremi è un’adeguata preparazione.
Il fenomeno degli iperincendi è quindi una nuova realtà, che però non solo possiamo affrontare con il proliferare dei classici mezzi di estinzione, ma richiede anche nuovi mezzi tecnologici e pratiche applicate di antincendio forestale.
Come sottolineato dall’UNEP, incendi e cambiamenti climatici si rafforzano a vicenda. Gli incendi sono esacerbati dai cambiamenti climatici con aumento della siccità, alte temperature dell’aria, bassa umidità relativa, fulmini e forti venti, con conseguenti stagioni degli incendi più calde, più secche e più lunghe. Allo stesso tempo, il cambiamento climatico è accelerato dagli incendi, principalmente distruggendo ecosistemi sensibili e ricchi di carbonio.
Alcuni paesi sono già in prima linea nell’attuazione di queste misure, garantendo che tutti i protocolli di gestione siano costantemente integrati nella politica, nella pianificazione e nell’attuazione nazionali e che l’equilibrio tra loro sia appropriato ed efficace.
La Finlandia e l’Australia sono punti di riferimento per i loro sistemi antincendio di successo.
Morfologicamente, la Finlandia ha una fitta rete stradale e molti laghi e fiumi che impediscono la propagazione degli incendi. Ma ha anche investito in infrastrutture di gestione forestale ampliate. Ad esempio, nell’ambito del rimboschimento, le future foreste sono state suddivise in piccoli compartimenti, i cui confini sono segnati da sentieri estremamente ampi o da alberi di diverse altezze. Ciò ha comportato un minor numero di incendi poiché le fiamme di solito non si sono diffuse oltre un singolo compartimento.
L’Australia, con una morfologia e un clima radicalmente diversi, ha sviluppato un programma governativo per la gestione degli incendi (EBMP) attraverso il quale aiuta a migliorare la risposta agli incendi, trova soluzioni di prevenzione e conduce ricerche per ridurre il rischio di incendio. . Vale la pena notare che in un solo anno ha investito 42,5 milioni di dollari in attrezzature tecnologiche per la lotta antincendio, comprese flotte di droni (i cosiddetti UAV COW) e altri veicoli, tutti dotati di WiFi portatile. È interessante notare che l’uso dei droni non si limita alla sorveglianza aerea, alle immagini, ecc. inoltrate al centro di controllo operativo per prevenire e far fronte alle emergenze. È stato recentemente annunciato che hanno pilotato droni per accendere fuochi controllati. In particolare, hanno pilotato UAV dotati di dispositivi incendiari per accendere le fiamme in punti specifici su un’area di 7.413 acri. Secondo i funzionari, la tecnica dell’utilizzo di droni per accendere fuochi più piccoli come mezzo per combattere incendi molto più grandi offriva maggiore precisione e sicurezza rispetto ai metodi manuali.
Gli scienziati di tutto il mondo parlano di un aggravamento dei fenomeni, ma allo stesso tempo sottolineano che per farvi fronte occorre prestare particolare attenzione alla prevenzione sotto ogni aspetto. Ciò significa che lo Stato in Grecia non deve riscoprire ciò che quest’anno non ha funzionato bene e ha già investito in tecnologie e moderne misure preventive, ma anche nell’educazione del pubblico (con il contributo e principalmente il coordinamento e l’attivazione immediata delle comunità locali) . cooperazione strategica con altri paesi europei per poter reagire più rapidamente e in modo più completo a un fenomeno che andrà peggiorando di anno in anno.
La crisi climatica ora avrà un impatto molto maggiore sulle economie dei paesi che non sono pronti ad affrontarla nel prossimo futuro, proprio come una guerra e come si dice spesso una guerra si vince prima di iniziare – nella pianificazione.

Giacinta Lettiere

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.