Dati e possibili cause che circondano l’epatite acuta nei bambini

Gli ultimi dati sull’incidenza dell’epatite acuta nei bambini nel Regno Unito e sulle possibili cause sono menzionati dal professore di politica sanitaria della LSE Elias Mosialos in un post su Facebook.

Al 1 gennaio 2022 sono stati registrati 114 casi di epatite acuta ad eziologia sconosciuta rilevati in bambini di età inferiore ai 16 anni. Il sig. Mosialos ha citato una relazione dell’Autorità sanitaria del Regno Unito sui progressi e lo sviluppo dello studio dell’eziologia sconosciuta dell’epatite acuta nei bambini.

Dati epidemiologici e conclusioni del rapporto

– I pazienti hanno -per lo più- sotto i 5 anni.

– I bambini hanno -prevalentemente- tra i 3 ei 5 anni (53:65,4%), con un’età media di 3 anni e il 54,3% sono femmine.

Il quadro clinico inizia spesso con sintomi simil-gastroenteriti, spesso seguiti da ittero.

– I dati disponibili mostrano che in Inghilterra 43 bambini sono guariti e 38 sono ancora in cura.

– I casi non sono correlati.

– La diffusione geografica non è limitata ad un’area, ma copre l’intero Regno Unito.

– Dieci bambini avevano bisogno di un trapianto.

Non sono stati segnalati decessi nel Regno Unito tra questi casi.

Anche sulle possibili cause dell’epatite

– Il coronavirus è stato rilevato in 10 dei 60 pazienti attualmente allo studio.

– Sette di questi bambini sono stati diagnosticati positivi al coronavirus nelle ultime 6 settimane prima di essere ricoverati in ospedale.

Quaranta dei 53 bambini testati per l’adenovirus sono risultati positivi.

L’analisi preliminare dell’adenovirus mostra che il tipo 41F è comune (11 casi sono stati identificati con successo), ma è necessario il sequenziamento dell’intero genoma da più casi prima che il tipo di virus possa essere confermato.

I livelli di DNA di adenovirus nei campioni di sangue/siero nei bambini sottoposti a trapianto di fegato erano circa 12 volte superiori rispetto a quelli che non avevano richiesto il trapianto di fegato (sebbene il tempo di campionamento varia con l’insorgenza e il peggioramento dei sintomi).

– Questionari approfonditi sull’anamnesi non hanno rivelato cause evidenti di esposizione frequente a tossine o altri fattori ambientali.

Secondo il Sig. Mosialos, gli operatori sanitari elaborano i dati sull’infezione da coronavirus e altri microrganismi e studiano le interazioni per capire se l’infezione da adenovirus nella popolazione pediatrica generale ha preceduto l’infezione da coronavirus, sia che si trattasse di coronavirus, che si tratti di 27 giorni o di un’infezione secondaria ritardata fino a 59 giorni dopo infezione da coronavirus. I dati attuali mostrano che tra ottobre 2020 e marzo 2022, sia le infezioni pregresse che quelle secondarie sono aumentate nei bambini di età inferiore ai 10 anni. (Aumenti simili sono stati osservati anche in altre infezioni infantili).

Il professore aggiunge che la connessione temporale tra epatite e infezione da coronavirus nei bambini è allo studio anche in Israele. È stato riferito che un’ampia percentuale di bambini che hanno sviluppato epatite acuta aveva contratto il coronavirus 3,5 mesi prima.

Sebbene la maggior parte dei casi segnalati si verifichi nel Regno Unito, i trapianti di fegato in bambini con epatite acuta di eziologia sconosciuta sono attualmente disponibili anche nei Paesi Bassi (3), America (2), Italia (2) e Spagna (1).

In conclusione, secondo il rapporto, le ipotesi di lavoro dei ricercatori britannici (in ordine dal più probabile al meno probabile) che utilizzano i dati attuali sono le seguenti:

1. Un fattore non ancora chiaro che colpisce i bambini piccoli che rende l’infezione da adenovirus più grave del solito o causa l’immunopatologia in questione. Questo booster può essere:

A. Sensibilità, ad esempio a causa della mancanza di una precedente esposizione all’agente patogeno durante una pandemia.

B. Pregressa infezione da coronavirus o altra infezione.

C. Infezione doppia/simultanea, ad esempio da coronavirus.

D. Esposizione a tossine, farmaci o altri agenti ambientali.

Una nuova variante di adenovirus con o senza il contributo di un agente di richiamo.

3. Un nuovo agente patogeno che agisce da solo o come coinfezione

4. Una nuova variante del coronavirus.

Ci aspettiamo nuovi e promettenti dati dettagliati di anamnesi e malattie simili da altri paesi che hanno anche identificato casi di epatite nei bambini, conclude Mosialos.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.