Di quanta acqua ha bisogno il nostro corpo?

Un essere umano può sopravvivere tre minuti senza ossigeno, trenta giorni senza cibo e solo tre giorni senza liquidi, secondo la regola d’oro. Niente funziona nel nostro corpo senza acqua. Ecco perché e quanto dovresti bere.

L’acqua costituisce circa l’80% del corpo di un neonato. Con l’aumentare dell’età, il contenuto di acqua nel corpo scende a circa il 60 percento. Le cellule adipose hanno un contenuto di acqua inferiore rispetto ad altre cellule. Pertanto, le persone in sovrappeso hanno meno acqua rispetto alle persone magre e le donne meno degli uomini.

Mantenere il nostro corpo idratato è essenziale per la sopravvivenza.

Alcuni organi contengono quantità molto grandi di acqua. Diciamo grossolanamente. Il suo vitreo è costituito per il 99% da acqua. I muscoli hanno anche un alto contenuto di liquidi di circa l’80%. Per fornire al nostro corpo nutrienti sufficienti, è prima di tutto importante bere, bere e bere di più, dicono ha detto la madre.

L’acqua è assolutamente necessaria

Il nostro corpo perde circa due litri di liquidi al giorno: attraverso la pelle, che regola la temperatura corporea, soprattutto quando fa caldo. Ma anche l’aria di riscaldamento secca ha un effetto.

I reni, che liberano il nostro corpo dalle tossine, espellono il fluido sotto forma di urina. Se non beviamo abbastanza liquidi, l’urina assume un colore giallo intenso. Se diventa marrone, è un serio segnale di avvertimento che qualcosa non va.

Il liquido viene escreto con le feci attraverso l’intestino e perdiamo anche acqua quando respiriamo sotto forma di piccole goccioline.

Dobbiamo compensare queste perdite con un’assunzione giornaliera di 1,5-2 litri di liquido. Il fabbisogno di liquidi aumenta con lo sforzo fisico, lo sport, la febbre, la febbre, il vomito e la diarrea.

Ma non deve essere sempre acqua. Anche zuppe, frutta o vari tipi di verdure fanno bene al corpo e aiutano a reintegrare la scorta.

Questo è necessario perché il nostro corpo mostra già i primi sintomi con una perdita di liquidi dall’uno al due percento. Se perde più del sette percento, la cosa diventa seria: un polso rapido o vertigini lo indicano, perché tutte le reazioni chimiche e i processi nel corpo richiedono liquidi.

Una perdita di liquidi del dodici percento può portare a shock o addirittura coma.

Il cervello ha bisogno di liquidi per proteggersi

Né il nostro cervello né il nostro midollo spinale possono funzionare senza liquidi. Abbiamo circa 140 millilitri di acqua per i nervi o il cervello – il cosiddetto liquore o liquido cerebrospinale. È un liquido trasparente che fa galleggiare il cervello nel cranio e lo protegge dalle commozioni cerebrali. Ogni giorno formiamo circa mezzo litro di questo liquido.

I primi segnali che il nostro corpo ha urgente bisogno di acqua sono mal di testa e vertigini, secchezza delle mucose della bocca e della gola ed eventualmente difficoltà a deglutire. Siamo stanchi, ci sentiamo deboli, ma spesso non associamo questo a un’assunzione insufficiente di liquidi.

Quando fa caldo e perdiamo liquidi extra attraverso la sudorazione, la circolazione può fallire e semplicemente collassiamo.

Il corpo ci dice senza mezzi termini che abbiamo urgente bisogno di bere qualcosa, perché aumenta anche la pressione sanguigna. Senza abbastanza liquidi, il sangue si addensa e interrompe la circolazione.

Più sei vecchio, meno hai sete

Più invecchiamo, meno abbiamo sete. Non è raro che le persone anziane dimentichino semplicemente di bere abbastanza liquidi.

Ciò può causare, tra le altre cose, vertigini, confusione, disturbi o perdita di coscienza. Se si verifica una grave perdita di liquidi, il medico dovrà sostituire il liquido perso con una flebo.

Tuttavia, alcune persone anziane deliberatamente non bevono abbastanza liquidi, perché quando invecchiano, molte non riescono più a controllare la loro voglia di urinare. Per paura di minzione incontrollata o di viaggi notturni troppo frequenti in bagno, molte persone bevono troppo poco liquidi.

L’alcol disidrata il corpo

In caso di diarrea o vomito, il nostro organismo ha bisogno di più del minimo di un litro e mezzo di liquidi al giorno. Se la quantità di acqua non viene reintegrata rapidamente, il corpo si asciuga. Sono necessari anche molti liquidi durante l’assunzione di determinati farmaci, come i diuretici.

E l’alcol disidrata il corpo perché ha un effetto diuretico. I reni cercano di eliminare le sostanze tossiche dal corpo, quindi spesso dobbiamo andare in bagno per liberarci dell’urina.

L’alcol interrompe il rilascio di ciò che è noto come vasopressina nell’ipotalamo. La vasopressina è un ormone che regola l’equilibrio idrico nei reni. Tuttavia, se il corpo non ha quantità sufficienti di questo importante ormone, i reni espellono troppa acqua e l’equilibrio idrico è disturbato.

Troppi liquidi possono anche essere dannosi

Se beviamo cinque o più litri di liquidi entro poche ore, questo può anche essere pericoloso per la vita e portare a iperidratazione, cioè troppa acqua nel corpo.

I reni non sono quindi più in grado di regolare ed espellere una grande quantità di liquido. Una delle peggiori conseguenze può essere l’edema cerebrale.

Nelle gare di acqua potabile vengono consumate grandi quantità di liquidi. È un grosso fardello per il corpo. Non solo i reni non possono più fare il loro lavoro, ma anche l’equilibrio salino viene distrutto. Come e se il corpo può farcela dipende dall’età, dal peso e dalla salute generale.

Giacinto Udinesi

"Secchione di bacon. Lettore generico. Appassionato di web. Introverso. Professionista freelance. Pensatore certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.