È a Niš per amore e, grazie a lui, gli abitanti di Niš possono gustare le VERE specialità italiane

Roberto Improta è napoletano ed è stato portato in Serbia dal ruolo di manager della Fiat a Kragujevac nel 2011. Successivamente ha lavorato anche in Delta Holding. Mentre era in Serbia, ha incontrato Natalija, una ragazza di Niš che ha conquistato il suo cuore. Ha conosciuto il popolo serbo e si è integrato bene qui. Amava la Serbia e Niš, ma ha sempre voluto sentire lo spirito dell’Italia. In quale altro modo farlo se non dalla cucina, il cui odore gli ricorda sua madre e sua nonna. Grazie a lui, gli abitanti di NIS possono assaporare la cucina tradizionale italiana, di cui tutti parliamo e che ci fa venire voglia di visitare questo paese.

Ha esperienza nella ristorazione, ha già gestito con successo tre ristoranti in Grecia. Dice che il cibo è molto importante per lui, infatti nel suo paese e tra le persone a cui appartiene il cibo è la cosa più importante nella vita oltre al calcio. Ha aperto un ristorante italiano a Niš.La trattoria di Roberto che in pochissimo tempo ha conquistato il cuore di Nišli con la sua deliziosa cucina.

“Abbiamo deciso di venire a Nis, abbiamo un bambino piccolo, mi trovo bene qui con i suoi genitori. Tutti sono contenti che abbiamo aperto qualcosa del genere a Nis, perché non hai la vera cucina italiana Mi dicono: “Grazie tu, Roberto”, disse a Niske Vesti.

Dice che non c’è un segreto speciale nella loro deliziosa cucina, solo il rispetto per le tradizioni in preparazione, che sono secolari. Aggiunge che la maggior parte degli ingredienti che usano provengono dall’Italia dai principali produttori di spezie in modo tradizionale.

“L’enfasi è sulla tradizione. Usiamo farina napoletana dall’Italia, non so dirvi quale perché è un segreto, ma il nostro impasto fermenta 24 ore come facevano le nostre mamme. È particolarmente importante oggi, quando ci sono sempre più glutine- persone intolleranti”, ha detto Roberto.

Si pratica quella che viene chiamata “cottura lenta”, per cui, ad esempio, il polpo al sugo viene cotto per quasi quattro ore, il bolognese per otto ore e lo stinco per quattro ore in modo che tutte le proteine ​​vengano assorbite. La cucina italiana non si limita a pizza e pasta, sottolinea e aggiunge che dovresti provare anche altre specialità.

“Compriamo cibo in Italia perché i gusti sono diversi, e quindi anche l’esperienza culinaria è diversa. Lo stesso vale per vini e caffè, abbiamo cercato di completare l’atmosfera, di fare tutto secondo ricette originali per trasferire qui le abitudini dall’Italia.

Acquistiamo generi alimentari da piccole aziende familiari, dove il prezzo è più alto, ma la qualità non è seconda a nessuno. In Italia gli alimenti sono tutelati e la qualità è garantita. Ad esempio, se vuoi fare un certo salame, puoi farlo solo da un tipo speciale di maiale”, spiega.

In Italia tutti sono coinvolti in cucina, il cibo è una cosa molto seria, come la religione. Cibo e calcio sono le due cose più importanti per ogni italiano. Tutti cucinano, uomini compresi. Roberto aveva già antenati paterni che si occupavano dell’attività alberghiera e della cucina. Non c’è molto clamore con loro, anche per strada quando compri del cibo devi sapere che è preparato molto seriamente. Si prendono molta cura degli ingredienti, in modo che ciò che nutrono sia fresco e di buona qualità.

“Nel nostro menù hai storie sulla loro origine per tutti i piatti, per esempio una storia di carpaccio o antipasta. Usiamo una ricetta alla carbonara di 500 anni. Le lasagne che prepariamo non sono surgelate, le prepariamo tutti i giorni, se vieni ad esempio a mezzogiorno e chiedi le lasagne, ti diremo che non le abbiamo, ma le avremo più tardi, perché a quell’ora si cucinavano.

Abbiamo anche un grande pasticcere che ha imparato dai migliori chef in Italia e Francia, quindi preparerà per voi un ottimo tiramisù. Diciamo che i profitaroles che tutti pensano siano francesi sono italiani”, ha detto Roberto.

Tutto nel ristorante è opera della loro immaginazione. L’interno è stato progettato da Natalia.

“Volevamo che il ristorante avesse un’atmosfera italiana e ti facesse sentire come se fossi in Italia quando entri.” Tutto qui è unico, non è una tavola che hai visto in un catalogo e scambiato per un ristorante, ma l’abbiamo disegnata e l’hanno realizzata per noi. Abbiamo disegnato le sedie, l’immagine del Colosseo è un nostro prodotto, tutto qui è una nostra idea, niente è industriale o da catalogo”, precisa.

Roberto è sorpreso da quanto sia stato accolto da Niš, ma anche dal fatto che un numero incredibile di persone parli italiano, o abbia una predilezione per l’Italia, forse la famiglia. Spesso gli chiedono consigli, spieghi cosa c’è di specifico nel menu, vogliono sapere qualcosa di nuovo e insolito. Per il nostro portale, specifica che utilizzano anche uno dei migliori caffè in commercio, il caffè bourbon.

“Se un serbo volesse aprire un ristorante serbo in Italia, vorrebbe fare la vera cucina serba autentica, non vorrebbe mettere la mozzarella in un burek, ma il formaggio che normalmente metti lì”. L’idea è stata quella di portare qui la tradizione italiana. “Roberto non ha voluto aprire un ristorante in altre condizioni, o farà come sua madre, nonna, bisnonna, o non farà nulla”, aggiunge Natalija.

Alla fine, fanno capire con una risata che non devi preoccuparti di collo e pancia, perché la cottura lenta è il segreto delle loro linee snelle. Aggiungono che, ad esempio, una pizza margarita contiene 420 calorie, mentre un tortino ripieno da 300 grammi contiene 700 calorie, senza il panino.

Cari lettori, se volete essere aggiornati ed essere i primi a conoscere le ultime notizie da Niš, scaricate l’app Niške Vesti per androide Dove i phone.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.