È morta la fotografa mafiosa Letizia Battaglia

Letizia Battaglia, la fotografa italiana che ha documentato gli arresti dei boss mafiosi ei corpi delle loro vittime, è morta nella sua città natale siciliana, Palermo. Aveva 87 anni.

Tra le autorità che ne hanno annunciato la morte c’era il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che ha fatto la guardia accanto alla sua bara durante il funerale giovedì in municipio, il giorno dopo la sua morte. La causa della morte non è stata rivelata, ma Battaglia era da tempo alle prese con problemi di salute.

Gran parte del suo lavoro, per lo più in bianco e nero, esplorava la vita quotidiana di coloro che vivevano nei quartieri poveri di Palermo, controllati da Cosa Nostra. Battaglia ha anche fotografato siciliani comuni in momenti di tristezza e gioia.

Tra le sue fotografie c’era uno dei cadaveri di un governatore siciliano assassinato sostenuto dal fratello, che 35 anni dopo sarebbe diventato Presidente dell’Italia.

Battaglia ha ricordato come il 6 gennaio 1980 corse sul luogo della sparatoria mortale di un uomo in un’auto e iniziò a fotografarlo prima di scoprire chi fosse la vittima.

Solo poco dopo ha appreso che il morto era il governatore, Piersanti Mattarella, e che uno degli uomini che corse a trattenerlo mentre veniva tirato fuori dall’auto era suo fratello, Sergio.

Battaglia è stata interrogata su questa fotografia e ha detto che, sebbene abbia catturato la scena di una morte, ha rappresentato per lei un momento di speranza che Sergio Mattarella avesse la determinazione e il coraggio di continuare una carriera politica e di raggiungere il massimo importante sede in Italia.

Oltre alla morte per le strade di Palermo, Battaglia ha ritratto anche la sua vita. La foto sulla copertina di un libro delle sue fotografie, “Palermo amore amaro” (Amore amaro di Palermo) mostra una ragazza molto magra, quasi un’adolescente, che tiene in mano un pallone da calcio e fissa la telecamera mentre si appoggia allo schienale. in cima a un muro di graffiti nel duro quartiere di Kalsa nel 1982.

Un’altra fotografia mostra una ragazza che lava i piatti in una casa così povera che c’è un gabinetto in cucina. Altre fotografie mostrano coppie che si baciano sulla spiaggia o si baciano nei campi.

Le foto di Battaglia presentavano anche scene familiari ai palermitani, soprattutto negli anni ’80, quando la guerra tra clan mafiosi insanguinò la città. Una fotografia del 1983 mostra tre corpi, uno su un pavimento di ceramica, un altro su un divano e il terzo su una poltrona, in un appartamento dove è avvenuto un triplice omicidio.

Il y a aussi celui d’une mère âgée avec une photo de son fils, un journaliste de radio qui a osé dénoncer les gangsters locaux par leur nom et a été tué en étant attaché à une voie ferrée et explosé avec de la dynamite sur vos vestiti.

“Con le sue fotografie, Letizia Battaglia ha catturato le anime di Palermo”, ha scritto su Facebook il senatore Pietro Grasso, ex procuratore capo contro la mafia, inviando le sue condoglianze. “Quelle delle donne e delle ragazze che ha fotografato per tutta la vita, e le foto del crimine, della mafia che usava per arrivare sulla scena del crimine prima della polizia”.

Battaglia ha catturato “Il dolore delle vittime, l’arroganza dei boss mafiosi, il sangue nelle strade, i protagonisti della lotta a Cosa Nostra”, ha aggiunto Grasso.

Nacque a Palermo il 5 marzo 1935, si sposò all’età di 16 anni, ebbe tre figlie. Sulla trentina, inizia a fotografare, lavora a Milano, poi viene assunta da un giornale siciliano per lavorare a Palermo. Il lavoro di Battaglia è stato pubblicato anche dai principali settimanali italiani come L’Espresso e Panorama.

Battaglia fu vicino alla politica, ricoprendo il ruolo di assessore alla cultura per Palermo durante una delle prime amministrazioni del sindaco Orlando e di rappresentante nella legislatura regionale siciliana.

Dotato di una personalità esplosiva, eternamente giovane nell’aspetto, Battaglia, il cui cognome in italiano significa battaglia, lavorò fino agli ultimi mesi della sua vita. Una delle sue ultime commissioni è stata la copertina di 7, settimanale del Corriere della Sera. La foto mostra la cantautrice italiana di 19 anni Ariete.

In un’intervista per il libro “Palermo amore amaro”, l’intervistatrice sottolinea che alla fine non si è mai parlato di mafia.

“Beh, meglio,” rispose Battaglia. “Perché parlare sempre di loro? Esaminiamoli”.

I parenti di Battaglia dissero che le sue spoglie sarebbero state cremate e le sue ceneri disperse nel mare vicino a Palermo secondo i suoi ultimi desideri.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.