Ex comandante della KFOR: in Kosovo, una scintilla può causare conflitti a catena


L’ex comandante della Kfor, il generale italiano Salvatore Farina, ha avvertito che “in Kosovo una scintilla può causare conflitti a catena” e ha sottolineato che “ora la cosa più importante è evitare conflitti interetnici provocati o incidenti che porterebbero a un’escalation”.

Il generale Farina ha detto al quotidiano italiano “Corriere della Sera”, affermando che “le attuali tensioni in Kosovo si stanno verificando in una situazione internazionale molto diversa”.

Ha anche detto che “non crede che Pristina o Belgrado siano determinate a provocare, ma alcune misure dovrebbero essere più misurate, quindi è già accettabile che Pristina abbia accettato di posticipare le scadenze e cercare una soluzione più adeguata”.

Alla domanda se c’è il pericolo di un conflitto più ampio, il generale Farina sottolinea che “se non c’è provocazione, non c’è pericolo immediato, ma bisogna agire per prevenirlo e non alimentare mai le fiamme… il tempo non può tornare indietro 23 anni.” , anche il mondo di oggi non può permetterlo”.

Alla domanda se ci fosse la Russia dietro le attuali tensioni in Kosovo, l’ex comandante della KFOR ha risposto che non avevano prove e che “sebbene le relazioni tra Belgrado e Mosca siano ottime e la Cina abbia una notevole influenza, ciò non significa che non ci siano provocazioni concrete “.

Alla domanda “quindi cosa si dovrebbe fare”, il generale italiano ha sottolineato che “dobbiamo guardare al futuro”.

“Quando ho terminato il mio comando della KFOR nel 2014, ho scritto un rapporto in cui ho presentato che dovrebbe essere redatto un piano per il prossimo decennio”, ha detto.

“Sia la comunità etnica serba che la comunità albanese sono guidate da buone intenzioni, vogliono vivere in pace e sicurezza, ma c’è anche chi fa il male”, ha aggiunto, sottolineando che il processo che sta portando l’insieme dei Balcani occidentali verso l’Unione europea deve ora essere accelerata.

L’ex comandante della KFOR ritiene che questa missione abbia svolto un prezioso “lavoro imparziale” in Kosovo, compreso l’attuale contingente italiano di 600 soldati il ​​cui comandante assumerà il comando della KFOR da settembre.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.