F1 retrò, già 40 anni: Imola 1982, il crack

L’inizio della stagione 1982, una delle più folli e tragiche della storia della Formula 1, fu segnato da nuove liti sportive e politiche. Alla Ferrari le prestazioni della monoposto e del turbo hanno dato speranza alla Tifosi… ma l’inizio della tragedia è avvenuto proprio a Imola.

politica se ci tieni

Nel 1982 la politica entra più che mai dietro le quinte della Formula 1, come abbiamo visto all’inizio della stagione con il famoso sciopero dei piloti. Anche se gli Accordi di Concorde firmati nel 1981 dovessero seppellire l’ascia di guerra, la resa dei conti è tra il potere sportivo, incarnato dalla FISA di Jean-Marie Balestre, e la FOCA, la federazione delle squadre, rappresentata da Bernie Ecclestone, che si sta affermando come un imprenditore chiave ha , continua F1.

Il gruppo è chiaramente diviso tra i team dei costruttori, soprannominati “legalisti” per le loro politiche pro-FISA, come Renault, Ferrari e Alfa Romeo, e i team “FOCA”, schierati dietro Ecclestone, dove la maggior parte degli artigiani e degli inglesi sono squadre come McLaren, Arrows, Williams e Tyrrell. Questi ultimi sono preoccupati perché, privi di ingenti risorse finanziarie, non potranno competere con i team costruttori che hanno intrapreso la costosa avventura della Turbo. Questa tecnologia non è ancora del tutto affidabile, ma la Renault sta guadagnando slancio dal 1979 mentre la Ferrari la sta padroneggiando con due vittorie nel 1981.

Ecclestone è anche intelligente, perché nonostante abbia sempre guidato la fionda anti-turbo – principalmente per motivi politici – si è rivolto alla BMW affinché la casa di Monaco gli fornisse dei 4 cilindri turbo per la sua squadra Brabham… I team indipendenti non avevano altra scelta che per compensare innovando – da qui l’avvento dei monoscafi in carbonio -… o addirittura ricorrendo all’imbroglio!

Prendimi se ci riesci!

Nel 1981 la più intelligente, Brabham in testa, compensò il divieto delle minigonne scorrevoli ad effetto suolo con un sistema di martinetti idraulici che portava a terra l’auto in movimento, ma ripristinava l’altezza da terra prescritta da ferma per evitare sanzioni. Nel 1982 vogliono competere ingrassando e falsificando la FISA. Williams installa un serbatoio dell’acqua vuoto sulla sua monoposto, permettendo alla vettura di scendere al di sotto del peso minimo, che viene poi riempito a fine gara prima delle verifiche tecniche per ingannare i controlli. Brabham e Arrows imitano lo schema, che non è stato scoperto da molto dalle autorità. Al Gran Premio del Brasile Nelson Piquet (Brabham) vinse davanti a Keke Rosberg (Williams), ma Ferrari e Renault fecero appello alla Corte d’Appello della FIA, che il 19 aprile si pronuncia a loro favore, squalificando le due monoposto.

decente

Due giorni dopo, Jean-Marie Balestre, presidente della FISA, ha chiesto la squalifica per altri singoli britannici accusati anche di barare, provocando un Broca dalle squadre dell’FOCA. Spinti da Bernie Ecclestone, annunciano un vero e proprio boicottaggio del Gran Premio di San Marino a Imola! Anche Ligier, che si era appoggiato maggiormente al lato legalistico per cercare di ottenere un motore Renault, ha cambiato idea. Solo Tyrrell farà il viaggio… perché ha appena firmato un accordo di sponsorizzazione con il marchio italiano di elettrodomestici Candy. Boicottare un Gran Premio a Imola è davvero brutto!

Ecclestone ha incontrato Enzo Ferrari per cercare di raggiungere un accordo, ma invano, e determinato a far deragliare la gara, ha usato il suo ruolo di promotore del campionato, potere conferitogli dagli Accordi di Concorde per vietare tutte le trasmissioni televisive. A parte il fatto che la RAI reagisce e riprende la trasmissione in Eurovision, aggirando così l’ukase di “Zio Bernie”. Ad aumentare ulteriormente la tensione, va anche ricordato che Balestre ha fatto arrabbiare i costruttori che sono comunque stati nel suo campo dall’inizio della guerra FISA/FOCA: in nome della sicurezza, l’autoritario leader francese vuole imporre limiti al consumo di carburante per il 1983, che equivale a voler strozzare i motori turbo… motori su cui i produttori legalitari hanno investito molto per anni! Così Balestre riesce a unire tutti contro se stesso!!!

La Ferrari torna a correre

Proviamo a tornare allo sport. Dopo una stagione disastrosa del 1980, la Ferrari iniziò ad alzare la testa. Nel 1981, nonostante un telaio obsoleto, il vorticoso Gilles Villeneuve fece miracoli con la 126K grazie all’apparizione di un potentissimo V6 turbo Ferrari che gli permise di vincere a Monaco e in Spagna. Il Quebecois ha accolto come nuovo compagno di squadra il francese Didier Pironi, che in precedenza eccelleva alla Ligier. La prima stagione in rosso del francese è stata difficile. Arrivato in una squadra che faceva la campagna per il “piccolo principe” Gilles, Pironi ha segnato solo pochi punti e non ha brillato. I critici della stampa italiana si spingono fino a mettere in dubbio la sua presenza alla Scuderia, ma Pironi, determinato e laborioso, sta facendo progressi e conservando la fiducia di Enzo Ferrari. Il contrasto caratteriale con il focoso Villeneuve è forte, ma i due uomini vanno d’accordo. La Ferrari sembra spingere questa emulazione.

Questa stagione 1982, la Ferrari era un perdente atteso con una nuova monoposto, la 126C2, più moderna della precedente. La Ferrari è finalmente passata al telaio monoscocca in composito grazie all’ingaggio dell’inglese Harvey Postelthwhaite, una vera rivoluzione decisa dallo stesso Enzo Ferrari per dare una scossa alla Scuderia conservatrice. Tuttavia, l’inizio della stagione è stato disastroso poiché problemi di affidabilità hanno impedito alla Ferrari di guadagnare punti alla fine del Tour americano. A Long Beach, la Ferrari ha persino provocato la FISA con l’installazione di una doppia ala illegale, che ha portato alla squalifica di Villeneuve.

la strana Ferrari a doppia ala fai-da-te. Un’altra era!

La Bruch Villeneuve/Pironi

Ad Imola sono immatricolate solo 14 vetture. Le Renault hanno preso la prima fila con Arnoux in pole davanti a Prost. I Lyoners hanno migliorato di 5 secondi il tempo della pole del 1981, segno di strepitosi progressi in singolare. Villeneuve e Pironi sono in agguato. La gara si preannuncia un duello franco-italiano in un’atmosfera ancora altrettanto calda.

Arnoux ha preso il comando al via, ma Villeneuve e Pironi hanno rapidamente superato Prost, che si è ritirato al 7° giro per un guasto al motore. Arnoux e Villeneuve hanno poi lottato alla grande con Pironi come terzo uomo. I due intrepidi piloti, che si conoscono bene e si erano incontrati in un memorabile duello tre anni prima a Digione, si sono scambiati il ​​comando in più occasioni. Improvvisamente, al giro 45, la Renault V6 del francese è esplosa di nuovo alla curva del Tamburello. I Tifosi sono pazzi!

A soli 15 giri dalla fine, la Ferrari ha un’opportunità unica per una doppietta. In vetta, a 46 anni, Villeneuve cede brevemente il controllo a Pironie Round dopo un piccolo errore, ma il canadese ha risposto. Tre giri dopo, nonostante l’opposizione del compagno di squadra, ha ripreso palla a Tosa, utilizzando una forte frenata. Al prossimo turno, il 50°e, lo stand Ferrari ha poi teso un cartello “SLOW” ai due piloti. Si tratta di risparmiare i meccanici e probabilmente calmare lo zelo dei due uomini. Sprecare un doppelganger in una collisione sarebbe piuttosto ridicolo. Ma cosa capiscono i piloti?

Un duello tra fratelli

Per Villeneuve lo “SLOW” è chiaro: bisogna cronometrare e bloccare le posizioni per salvare la meccanica ei consumi, che potrebbero essere un problema negli ultimi giri. Questo ovviamente non è il parere di Pironi. A 52e ancora una volta i francesi attaccarono e tornarono in testa. All’epoca Villeneuve pensava che il suo compagno di squadra avrebbe dato spettacolo, ma dovette rapidamente cambiare idea: no, stava davvero lottando con lui per la vittoria ed era determinato a finire davanti a lui. Villeneuve torna alla carica. La lotta è dura. Le corsie sono strette, le porte si chiudono, Pironi non si arrende. Il Quebecer è tornato in testa, ma all’ultimo giro Pironi si è vendicato di Tosa accorciando la traiettoria ea scapito della rocambolesca frenata del compagno di squadra. Non riesce a staccare la testa e vince la sua prima gara con la Ferrari.

Mentre gli spalti esultano, il podio regala uno spettacolo maestoso: se Didier Pironi sta giustamente assaporando una vittoria conquistata con la forza del polso, Gilles Villeneuve, a mascella serrata, indossa la maschera di un uomo che si sente tradito. Convinto che l’istruzione “SLOW” richiedesse uno status quo delle posizioni, non ha capito il “perfido” attacco di Pironi. Per lui l’amicizia è rotta, calpestata. “Pensavo di avere un ragazzo. Mi sbagliavo, sono solo uno stupido. Questa gara mi permette di scoprire Pironi sotto i suoi veri colori. Ha fatto una stupida guerra contro di me” spiega il Quebecer alla stampa. Pironi si difende e risponde che ai suoi occhi l’istruzione SLOW non era un ordine di congelamento delle posizioni. “Abbiamo un contratto di parità alla Ferrari e non c’è nessuna clausola che mi dice di essere sempre secondo. Avevo il diritto di tentare la fortuna e vincere. » Il francese ha il supporto del ds Marco Piccinini, il quale conferma che il pannello SLOW era un ordine di far riposare i meccanici e nient’altro. Un nuovo “puntura” per Villeneuve che il sostegno di Enzo Ferrari non conforta né lenisce. La lotta ora sarà spietata. Il meccanismo della tragedia è inesorabilmente impegnato.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.