Francia | “Quando vedo che Mbappé è a Madrid… mi fa male lo stomaco!”

Il centrocampista del PSG Marco Verratti ricorda ancora l’eliminazione in Champions League contro il Real Madrid e attende anche la decisione finale di Kylian Mbappé. In un’intervista ai lettori di Il pariginoil nazionale italiano ha fatto il punto sulla stagione della squadra parigina, oltre a rievocare gli episodi vissuti con il suo club e la nazionale.

Il futuro di Mbappé: “Avrà un impatto sul club qualunque cosa deciderà. È uno dei giocatori più importanti del pianeta in questo momento, quindi tutti vogliamo che rimanga qui. Ma quando parlo con lui, è più per ridere “Nel calcio, quando tu avere qualcosa in mente, quando una decisione è vicina, non ne parli molto. È una sua decisione, e io la sto aspettando, come te. Quando mi riposo e vedo le notifiche che Kylian è a Madrid, mi viene mal di pancia (ride). Anche se in seguito mi dice: “Non preoccuparti, ero in vacanza. Stiamo tutti aspettando la conoscenza”.

Se dà consigli a Mbappé di seguire: “No, perché sa cosa penso io. Non sarebbe un buon consigliere, almeno non sarebbe obiettivo. Non penserebbe al suo bene, ma a quello che stanno tutti bene qui a Parigi (ride)”.

L’affondamento contro il Real Madrid: “A questo livello, in Champions League, queste sono partite dove tutto può succedere molto velocemente. E il Real lo ha ripetuto contro Chelsea e Manchester City. Il Madrid è una squadra che è abituata a giocare queste partite e a soffrire Qui a Parigi, a volte dimentichiamo che devi soffrire per vincere. Ed è una cosa che devi capire insieme: i giocatori, la società e i tifosi. Siamo in campo, ma c’è questa atmosfera intorno a noi che significa che devi vincere sempre 3, 4 o 5-0. Ma il calcio non è più così. Non ci sono più piccole squadre in Champions”.

Se hai dormito dopo la rimozione: “È già abbastanza difficile dormire quando vinci, ma quando perdi… Ci sono persone che pensano che tu vinca molti soldi e il risultato non conta. Ma non importa. non è vero”.

Come Donnarumma ha vissuto l’eliminazione: “Ha sofferto molto. Ma per me è stato un fallo (di Benzema al primo gol). Abbiamo visto ancora contro Troyes che l’arbitro ha rifiutato un gol (di Neymar) per un fallo simile di Kylian (Mbappé) su un difensore. cui non è nemmeno caduto. Ma possiamo sbagliare tutti, noi e gli arbitri. Ma sì, Gigio ha sofferto, come tutti. Ha vinto l’Europeo, è stato il migliore del mondo, sbaglia ed è già il peggiore. Per questo, per noi giocatori, la cosa più importante, al di là delle qualità, è l’equilibrio che bisogna trovare. Altrimenti, sarai sulle montagne russe delle emozioni, e non va bene. Ecco perché dobbiamo vivere anche il calcio come una forma di intrattenimento, perché se non ci divertiamo in campo non rendiamo felici le persone”.

La delusione del gioco del PSG in questa stagione: “E’ vero che con la squadra che abbiamo potevamo fare molto meglio, soprattutto a livello di gioco. Sono qui da dieci anni e mi sono divertito spesso, ma quest’anno è stato un po’ più difficile. Spiego per i tanti cambi di rosa con almeno sei giocatori che sono arrivati. E quando si cambia molto ci vuole tempo. Klopp o Guardiola, sono cinque anni al Liverpool e al Manchester City (in realtà sette e sei anni) ) All’inizio di quest’anno eravamo a casa Abbiamo fatto una bella corsa, ci siamo divertiti di più, poi è successo quello che è successo a Madrid, abbiamo fatto tre passi indietro.

foto di Verretti.

Se potessi parlare con i fan dopo quello che è successo in questa stagione: “Non ho problemi con quello. Se è una discussione come quella di oggi, serena e rispettosa, sì. So che i tifosi spendono i loro soldi in abbonamenti, in trasferte… Quindi hanno il diritto di applaudire, di fischiare alla fine le partite, ma se vogliamo crescere insieme non dobbiamo buttare via tutto, è dura, ma il Real Madrid, una grande squadra, ci ha eliminato, immaginate che se il Villarreal ci avesse eliminato come il Bayern Monaco, non saremmo nemmeno usciti dallo stadio! Dobbiamo essere uniti per realizzare il nostro sogno. So che il Paris diventerà il miglior club del mondo. Abbiamo solo bisogno di tempo”.

La più grande ingiustizia vissuta dal PSG in Champions League: “Non ce n’è uno solo, vero? Ma la rimonta contro il Barcellona… (6-1, 8 marzo 2017). Quella notte, qualunque cosa fosse successo, avremmo perso la partita, 3 o 4-1, questo è certo. ” “Ma con un arbitro diverso e il VAR non saremmo mai stati 6-1. È l’ingiustizia più grande che abbiamo subito, è stata dura. Una partita che fa anche male è quella giocata contro il Manchester United (la sconfitta per 1-3 il 6 marzo 2019) perché è successo l’anno in cui è stato introdotto il VAR.C’è sempre qualcosa contro di noi.Senza VAR nessuno in campo avrebbe visto niente, nessuno avrebbe detto niente (sulla mano di Kimpembe in regione). .. Dai, fermiamoci a queste due ingiustizie”.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.