Gli scienziati hanno spiegato come lavorare da casa può aiutare ad alleviare l’emicrania

Lavorare da casa potrebbe migliorare la qualità della vita di chi soffre di emicrania, affermano gli scienziati tedeschi.

Uno studio condotto da esperti italiani che hanno coinvolto persone affette da emicrania ha mostrato che quando lavoravano da casa durante la pandemia, le loro emicranie erano di durata più breve, meno intense e richiedevano dosi più basse di farmaci. Hanno spiegato che ciò era in parte dovuto al fatto che gli attacchi di emicrania stessi non sono durati a lungo.

“Ipotizziamo che il menzionato miglioramento sia dovuto alla distanza dal lavoro e dallo stress, oltre che all’opportunità di organizzare il proprio tempo in modo diverso”, affermano gli autori dello studio, i cui risultati sono stati pubblicati ad agosto sulla rivista Neurological Sciences.

“Studi precedenti hanno dimostrato che orari di lavoro flessibili sono la parte migliore del telelavoro perché consentono alle persone di svolgere il proprio lavoro in base alle proprie esigenze e ai ritmi circadiani”, affermano gli scienziati.

Questo è molto importante per le persone che soffrono di emicrania e lavorano da casa per evitare l’esposizione a fattori che possono intensificare e prolungare gli attacchi di emicrania.

Secondo i risultati dello studio italiano, la Società tedesca dei neurologi DGN sottolinea che è già noto che lo stress e il rumore sono forti fattori scatenanti dell’emicrania.

Entrambi non possono essere evitati, soprattutto quando le persone lavorano in uffici open space.

Se le persone che soffrono di emicrania sono in grado di interrompere il lavoro e fare una pausa non appena l’emicrania si sviluppa, potrebbe aiutare a ridurre l’intensità e la durata del dolore, riferisce Index.hr.

Questo modo di lavorare, anche se il tasso di infezione diminuisce, potrebbe aiutare molto tutti i malati di emicrania, secondo i neurologi DGN.

parole chiave


Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.