Guerra in Ucraina: sentimento anti-russo nella Repubblica Ceca

Ritornare a

“I vicini mi hanno fatto pressioni per tornare nella Russia di Putin perché non avrei niente da fare qui”, ha detto a MDR Igor*, 40 anni. Igor condanna l’aggressione russa, lavora a Praga da molti anni e lì si sente a casa.

Secondo le statistiche ufficiali, a febbraio nella Repubblica Ceca, che ha una popolazione di 10 milioni di abitanti, vivevano circa 45.000 russi. E per di più, molte altre persone il cui nome o accento russo suggerisce un’origine russa.

Soprattutto tra i cechi più anziani, anche prima della guerra odierna, la nazione russa era associata all’invasione della Cecoslovacchia nel 1968 da parte delle truppe del Patto di Varsavia. Una dittatura comunista aveva governato in Cecoslovacchia dal 1948. Quando nel 1968 furono fatti tentativi per riformarla, i leader sovietici a Mosca ordinarono l’invasione. Le truppe sovietiche sono poi rimaste nel paese fino all’inizio degli anni 90. L’idea che “non esce mai niente di buono dalla Russia” non è mai svanita per molte persone. “E ora il sentimento anti-russo nella società è diventato ancora più forte”, afferma Igor.

Spiegazione scritta

Il proprietario di un negozio di alimentari russo nel quartiere Stodůlky di Praga, che ospita anche un’ampia minoranza russa, ha preferito rimuovere lui stesso l’insegna “russo” dal suo negozio. Era preoccupato che qualcuno potesse sporcare o rompere la sua finestra come era successo in un altro negozio nello stesso quartiere. Si lamenta anche del fatto che le sue vendite sono diminuite nelle ultime settimane.

Se il russo Igor volesse ora acquistare un appartamento a Praga, dovrebbe soddisfare determinate condizioni da parte di alcuni venditori che non si applicano ai cechi. Alcune società hanno annunciato che chiederanno ai cittadini russi dichiarazioni scritte di condanna dell’invasione dell’Ucraina. “Immagino che non sappiano che abbiamo famiglie in Russia, che vogliamo far loro visita e che possiamo essere arrestati all’aeroporto per aver fatto una tale dichiarazione”, Mascha*, 29 anni, dalla Russia. Secondo le sue stesse parole, nelle ultime settimane ha addirittura preferito non parlare russo in pubblico per evitare scontri.

Gli avvocati ritengono che tale comportamento da parte dei venditori di case sia discriminatorio ed è improbabile che una tale richiesta si presenti in tribunale nel contesto di una vendita immobiliare. Ma il segnale è chiaro. Il difensore civico Stanislav Křeček, eletto dalla Camera dei deputati ceca, ha già messo in guardia contro le “sanzioni non autorizzate” legate al sentimento anti-russo. Finora, tuttavia, la polizia non ha registrato alcun caso di aggressione fisica, ha detto a MDR il portavoce della polizia Ondřej Moravčík.

Famiglie in Russia

I russi che vivono nella Repubblica Ceca ora sono anche sotto pressione da altre provenienze, poiché molti di loro hanno parenti in Russia. “Chiamo regolarmente mia nonna in Russia in occasione della Giornata internazionale della donna l’8 marzo. Confesso di non aver avuto il coraggio di parlarle direttamente della guerra e di chiederle la sua opinione”, ammette Kirill Ščeblykin, giovane russo di nazionalità ceca Praga.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.