I giocatori di basket dell’USK hanno gestito la prima partita contro l’italiana Schiu – ČT Sport – televisione ceca

“Non importa se oggi è finita con due o venti punti. Se perdessimo questa partita sarebbe molto difficile vendicarsi”, ha detto l’allenatore Natália Hejková ai giornalisti dopo la partita.

“Oggi l’abbiamo rotto con una forte difensiva. Tanto di cappello ai giocatori per l’enorme sforzo che hanno fatto per completare il gioco a rotazione ravvicinata. María Condeová, che fino a quel momento non ha disputato la partita migliore, ma si è rilassata e ha portato la squadra alla vittoria”, ha aggiunto l’allenatore slovacco.

In origine, l’USK avrebbe dovuto incontrare l’ungherese Sopron nei quarti di finale. Tuttavia, dopo l’esclusione delle squadre russe a causa dell’invasione dell’Ucraina, la squadra di Praga è salita al secondo posto nel girone base, recuperando Schio dopo l’aggiustamento di Spider. I giocatori di casa hanno iniziato senza i quarterback infortunati Barbora Bálintová e Pivanya Dragana Stankovičová.

Fin dall’inizio, i campioni cechi si sono affidati al tradizionale supporto di Brionna Jones, che inizialmente ha aiutato l’11:9 in vantaggio di otto punti. Tuttavia, Schio ha tenuto il passo, ha saltato bene e inizialmente non ha lasciato scappare USK per più di tre punti.

Nel tempo, la squadra italiana ha rafforzato la propria difesa e i giocatori di casa hanno iniziato a lasciare il segno in una rotazione serrata. Nonostante Praga sia riuscita a fermare due avversari nel secondo quarto e il Jones da 12 punti sia stato sostenuto dalla distanza dal produttivo Oblaková, Schio è andato ai Taxis con un vantaggio di 41:39.

Le cariche dell’allenatore Natálie Hejková hanno continuato a preoccupare dopo una pausa in attacco e sono rimaste quattro minuti senza un tiro. I giocatori ospiti sono scappati in vantaggio di otto punti. Sandrine Gruda collezionava allora doppie doppie con 12 punti e 10 rimbalzi.

“Abbiamo parlato di come risolvere il problema. In difesa non ci siamo fatti valere fino agli ultimi cinque minuti, ma in attacco i giocatori hanno seguito un po’ meglio le istruzioni”, ha detto Hejková. Ha anche sottolineato il gioco duro dei suoi avversari.

“Alyse Thomas ha un dente ululante, quindi è chiaro che qualcuno le ha dato una gomitata. L’ha fatto, ma temevo che non sarebbe esplosa. Anche Jones ha commesso quattro falli”, ha aggiunto Hejková.

Schiu ha anche regalato i primi minuti dell’ultimo quarto e, grazie ai dieci punti, i Mestdaghs hanno preso il vantaggio di 64-52 a sei minuti dalla fine. Tuttavia, i giocatori di casa non hanno rinunciato al gioco. Conde, che ha presto riportato la squadra a dieci punti, ha smesso di tirare e ha finito per finire il turno con altri quattro punti.

L’USK ha sconfitto Schio per la quinta volta in sette partite e può vincere la quinta Final Four della storia.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.