i serbi fanno causa alla NATO; “Le radiazioni influenzeranno la nostra salute per 40-45 miliardi di anni”

L’avvocato Srdjan Aleksic ha intentato tre cause presso l’Alta Corte di Belgrado per conto di tre agenti di polizia e riservisti che si trovavano in Kosovo e Metohija nel 1999 e successivamente hanno contratto il cancro.


Fonte: Tanjug

Deposito/RailwayFX

Secondo la causa, sono crollati a causa dei bombardamenti all’uranio impoverito del nostro paese.

In una dichiarazione a Tanjug, Aleksić ha annunciato che avrebbe intentato causa per conto dei civili del Kosovo, Metohija e della Serbia meridionale che soffrivano anche di questa malattia viziosa.

La prima causa è stata intentata il 19 gennaio dello scorso anno e altre due nuove sono state presentate mercoledì presso lo stesso tribunale per gli stessi motivi.

Tuttavia, la causa contro la NATO non è ancora iniziata, in quanto la NATO non ha ancora ricevuto la causa e non ha depositato una memoria difensiva, che il tribunale ha trasmesso loro il 25 maggio 2021, sulla base di una traduzione inglese.

Aleksic spera che in questa occasione la Corte Suprema di Belgrado agisca ai sensi del Codice di procedura civile e cerchi di intentare causa presso la NATO sia elettronicamente che tramite un’agenzia autorizzata che effettua consegne, chiama tramite una bacheca o nomina un rappresentante autorizzato. .

“Il tribunale dovrebbe farlo il prima possibile e avviare il procedimento. Abbiamo tutte le prove dalla nostra parte e spero che riusciremo in questa disputa e ci impegniamo a rispettare il patto NATO e a pagare il dovuto risarcimento ai nostri soldati che soffrono di cancro a causa dei bombardamenti all’uranio impoverito”, ha sottolineato l’avvocato.

Ha ricordato che l’avvocato italiano Angelo Tartalaia, che aveva ottenuto 253 sentenze definitive contro il Ministero della Difesa italiano, era con lui nel team legale in queste cause.

Seguendo l’esempio dell’Italia, queste cause chiedono un risarcimento di circa 100.000 euro per il cancro causato da avvelenamento con uranio impoverito. Insieme alle cause è stata presentata una proposta di mediazione, ovvero una risoluzione pacifica della controversia giudiziaria.

Oltre al risarcimento materiale, le cause chiedono anche alla Nato di ripulire l’area contaminata con uranio impoverito, ha affermato Aleksić, ricordando che “la bocca dell’Europa è piena di protezione ambientale”.

“L’uranio impoverito ha una tale radiazione che influenzerà la salute della nostra popolazione per i prossimi 40-45 miliardi di anni. La Nato è obbligata a pagare un risarcimento, a ripulire il territorio dalle munizioni lasciate sul nostro territorio ea trattare i nostri cittadini come l’Italia tratta i suoi soldati”, ha affermato un avvocato di Nis.

Finora circa 3.000 potenziali clienti hanno contattato il suo ufficio che vogliono chiedere i danni alla NATO su questa base, compresi gli albanesi del Kosovo e Metohija e della Serbia meridionale, ha spiegato.

Oltre alle persone che si trovavano personalmente nella zona avvelenate dall’uranio impoverito, anche i loro eredi hanno diritto a un risarcimento, perché molti sono già morti di cancro, ha sottolineato Aleksić.

Ha sottolineato che l’uranio impoverito è un grosso problema non solo in Serbia ma anche nella regione e che ha recentemente parlato dell’argomento in un simposio a Barcellona, ​​​​dove ha appreso che molte organizzazioni ambientaliste in tutto il mondo non si preoccupano di questo uranio impoverito kenne è stato utilizzato in Kosovo e Metohija durante i bombardamenti. 1999

A proposito, davanti ai tribunali in Serbia, Aleksic e il suo collega italiano cercheranno di provare in modo esauriente l’esistenza di un nesso causale tra avvelenamento da uranio e cancro in serbo con l’aiuto della giurisprudenza e dell’esperienza italiana nei casi in cui ha lavorato l’avvocato italiano, ma anche altre prove militari e agenti di polizia.

Aleksic ritiene che i suoi clienti si trovassero nella stessa situazione dei soldati italiani che hanno ricevuto danni da cancro ai testicoli nei tribunali del loro paese a Pristina.

Un altro soldato della JZ di Belgrado, che aveva 40 anni al momento dell’aggressione Nato, era di stanza a Prizren e soffriva di leucemia, ha precisato Aleksic, aggiungendo di aver presentato alla corte la necessaria denuncia.

Le cause sono state accompagnate da prove scritte che le autorità nazionali avevano precedentemente raccolto nel nostro Paese per le azioni contro i leader della NATO e i leader dei Paesi coinvolti nell’attentato.

Sono prima le prove del procedimento condotto nel 2000 davanti alla Corte distrettuale di Belgrado e davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia nel 2004, poi le sentenze italiane sul caso dei loro soldati schierati in missioni di mantenimento della pace nell’ex Jugoslavia tribunali, referti e cartelle cliniche.

Per il momento è prevista l’avvio di azioni cd “pilota”, ovvero l’avvio di un numero limitato di procedimenti al fine di unificare la prassi giudiziaria su tutto il territorio nazionale. Risarcimenti compresi tra 700.000 e 1 milione di euro a persona sono stati pagati dal Ministero della Difesa italiano ai soldati italiani per averli inviati in Kosovo e Metohija e in Bosnia ed Erzegovina, dove hanno contratto cannabis.

Seguici sul nostro Facebook io Instagram Lato, Twitter Account e unisciti a noi viber Comunità.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.