Il Real Madrid vuole offrire a Eden Hazard un nuovo ruolo: “Sarà in grado di aggiungere una nuova dimensione al suo gioco”

Un anno cruciale. Ecco come potremmo riassumere la futura stagione di Eden Hazard al Real Madrid. Liberato dalla placca della caviglia, il Brainois non avrà scuse. E, buone notizie, non lo sta cercando. Come ha detto al pubblico di Madrid alla festa dopo la vittoria della Champions League: “Io do tutto per te”. Il giocatore ha anche trovato sorrisi ai Devils mostrando alcuni pezzi del suo straordinario talento durante gli ultimi rally. Di buon auspicio.

Anche a Madrid speriamo di rivedere il grande Eden Hazard. Ma in quale ruolo? Sulla sinistra, Vinicius Jr. si è ambientato molto bene nell’ultimo anno (22 gol, 16 assist). La stagione di Benzema non ha bisogno di menzione. Le parole non possono spiegare quanto sia importante per questo reale. Ciò che resta è il diritto quasi vacante, che però corrisponde meno alle qualità del 31enne belga. Tanto più che altri elementi si sono rivelati preziosi in diversi momenti della stagione, come Rodrygo, Valverde o Asensio (diciamo dell’inizio).

Eden Hazard non partirà con l’AS ma avrà molte più possibilità rispetto allo scorso anno. Soprattutto in un ruolo insolito per lui. “Lo staff vede Hazard come un’opportunità per dare a Karim Benzema un po’ di respiro”stima il quotidiano spagnolo. “Ancelotti sa che il Mondiale richiede cautela con il francese. A dicembre compirà 35 anni e ha avuto una stagione molto difficile (3.919 minuti la scorsa stagione). In questo contesto, Eden Hazard potrebbe assumere questo nuovo ruolo”.

L’allenatore italiano è fiducioso di poter ricoprire quel ruolo a pieni voti. Perché Eden Hazard lo è “liberato da ogni peso fisico e mentale”. L’anno scorso, Jovic ha portato a termine quella missione. Ma il serbo non ha mai convinto e sta uscendo. A priori, l’altro numero nove sarà Borja Mayoral, ceduto in prestito al Getafe l’anno scorso.

Eden Hazard: “Sarò di nuovo quello che ero”

Soprattutto, Eden Hazard deve giocare attraverso la porta o attraverso la finestra. La buona notizia è che i Mondiali in Qatar stanno riempiendo il calendario. Ancelotti avrà bisogno di tutti. E il Red Devil dirà la sua. “Ho sempre detto che sarò di nuovo quello che ero”Aveva dichiarato il numero 7 durante l’area di rigore del Belgio contro la Polonia (6-1). Ecco cosa aspettano Ancelotti e tutti i madrileni.

Ma piazzarlo al numero 9 gli permetterà di diventare il grande giocatore che era? Stranamente, i numeri mostrano che ha margini di miglioramento in questa posizione. Secondo Transfermarkt, ha segnato nove gol e fornito otto assist nelle sue 30 presenze. Nel complesso, è stato decisivo ogni 124 minuti. Non così male per il profano. Ovviamente è stato determinante al Chelsea con 8 gol e 6 assist in 1.749 minuti.

Nelle merengue, invece, giocare come un falso nove non ha avuto altrettanto successo per lui. Anche se non ha avuto occasione di brillare troppo in due partite con quasi 15 minuti nelle gambe. Ancelotti in particolare non sembrava convinto di questa idea. Ma la nuova forma di Eden Hazard sembra aver rimescolato il mazzo. “Hazard sarà in grado di aggiungere una nuova dimensione al suo gioco, aprendogli più porte per trovare continuità e regolarità”.aggiungi i nostri colleghi. “Il suo baricentro basso lo rende un’incredibile protezione per la palla. Questo gli permette anche di eseguire brevi dribbling che lo sbilanciano e fanno venire il mal di testa all’avversario. Senza quei ricorrenti timori di contatto che derivano dal suo brutto infortunio alla caviglia, sarà in grado di riguadagnare quel vantaggio. L’irriverente Eden aspira a essere di nuovo Hazard e Ancelotti gli aprirà le porte in questo nuovo ruolo”.

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.