il suo destino tiene con il fiato sospeso gli italiani

Giovane, atletico e apparentemente in buona salute prima del contagio, ha appena lasciato il reparto di terapia intensiva del Policlinico di Pavia in Lombardia.

A Roma

Da metà febbraio tutta l’Italia respira al ritmo di Mattia. Il “paziente 1” di 38 anni del coronavirus peninsulare, giovane, atletico e apparentemente in buona salute prima del contagio, ha appena lasciato il reparto di terapia intensiva del Policlinico di Pavia (Lombardia) dopo tre settimane di ricovero in respirazione artificiale . Il capogruppo Unilever con sede a Casalpusterlengo, comune lombardo di 15.000 anime, inizia un lungo cammino di guarigione. Sua moglie, incinta di otto mesi e portatrice sana del virus, è stata dimessa dall’ospedale pochi giorni fa. La sua storia, divenuta simbolo dell’epidemia, è seguita da tutti gli italiani. E il miglioramento delle condizioni di salute di Mattia è tra le rare buone notizie nella penisola, dove il numero delle vittime dell’epidemia aumenta ogni giorno e si sposta verso sud.

Tutto è iniziato il 25 gennaio, due giorni dopo che gli 11 milioni di residenti di…

Questo articolo è riservato agli abbonati. Hai ancora il 76% da scoprire.

La libertà non conosce limiti, proprio come la tua curiosità.

Continua a leggere il tuo articolo per 1€ nel primo mese

Sei già iscritto? registrazione

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.