In Italia, Sáblíková festeggia. È sempre gentile e cordiale ed è molto apprezzata dalla gente di Collalba

Se oggi Martina Sáblíková tenterà un’altra medaglia olimpica nei 5000 metri, incrocerà le dita in una città italiana. Klobenstein in Alto Adige è la seconda patria del miracolo del pattinaggio di velocità ceco. Da lì è andata in missione a Pechino.

Anche se quest’anno ha riportato uno spiacevole infortunio sulla pista di casa quando si è tagliata la coscia da pattinatrice dopo la caduta, non lo ha mollato nemmeno dopo una breve degenza in un ospedale di Bolzano e lì ha completato il suo allenamento completo. Anche questo testimonia l’affetto reciproco senza precedenti.

Roman Trojen, manager di lunga data dell’arena locale del Renon, ricorda la prima volta che si è ricordato di Sáblíková.

“Lo so esattamente. Abbiamo avuto il nostro primo campionato europeo qui nel 2007. Più tardi ho scoperto che si era allenata qui prima, ma non la conoscevo. Ma all’improvviso ne ha vinte tre e cinque, oltre ai record del corso che non ha mai più mancato”, sorride.

Da allora, Sáblíková ha vinto tre medaglie d’oro olimpiche e ventuno titoli mondiali, diventando uno dei più grandi pattinatori di velocità di tutti i tempi. Ma il manager dello stadio del ghiaccio ricorda e apprezza che non è cambiato molto.

“Direi che è ancora in piedi. È sempre gentile e amichevole, il che penso la dice lunga sul personaggio”.

“Non ha nemmeno requisiti speciali. Vuole solo un gelato veloce e un bel tempo. E noi possiamo occuparcene. Anche adesso, dopo essere tornata dall’ospedale, non voleva niente in più. Siamo rimasti sorpresi dalla rapidità con cui è riuscita a tornare al lavoro”, ammira il pilota di Vysočina.

Campus di Collalbo, la seconda casa di Martina Sáblíková Foto: archivio

Collalbo, in tedesco Klobenstein, è un quartiere essenziale del Renon. Si trova a pochi chilometri a nord-est del capoluogo altoatesino, Bolzano, come capolinea della funivia del Rittnerbahn a scartamento ridotto. In passato fu scelto come luogo di escursioni dai nobili bolzanini o dall’eminente psicanalista Sigmund Freud.

Situato ad un’altitudine compresa tra 1.100 e 1.200 metri sul livello del mare, l’altopiano locale offre le piramidi di argilla con cappelli di pietra, le rovine di Castelpietro, ma anche splendide viste sul panorama montano circostante, uniche a livello locale. In inverno è possibile utilizzare il comprensorio sciistico per famiglie Corno del Renon con 15 km di piste o piste da sci di fondo e una pista da slittino.

Sáblíková e il suo team vivono sempre nello stesso posto negli appartamenti dello Spöglerhotel e di solito hanno un programma specifico. “Si prendono cura di se stessi e non sono nemmeno sicuro di quanto tempo libero abbiano tra la preparazione sul ghiaccio e quella a terra. Ma sicuramente vanno qui almeno per passeggiare, prendere aria e godersi gli splendidi dintorni”, afferma il regista Trojen.

“Questa è una questione che mi sta a cuore. Ho vinto la mia prima gara della mia carriera qui. Sono davvero felice di poter tornare qui, allenarmi e correre qui”, ricorda di tanto in tanto il pattinatore di velocità.

“Non passo nemmeno così tanto tempo a casa qui. Vado in Repubblica Ceca solo per lavarmi e portare con me altre cose. Le persone qui sono simpatiche e la natura locale è una benedizione”, dice.

Ha fatto amicizia qui per molti anni. Lorenz Weenter, l’uomo di ghiaccio indoor che gestisce anche il club locale, è probabilmente il più vicino. In estate di solito si incontrano per un barbecue insieme. Infine, anche le competenze linguistiche contribuiscono a buone relazioni. “Parliamo tedesco e Martin lo parla molto bene”, la elogia il locale.

L’anno scorso si è allenata anche con la nazionale italiana, in particolare con la loro stella Francesca Lollobrigida. “Si incontravano spesso qui, a volte aiutando con il materiale. A Pechino, intanto, l’italiano, che ha festeggiato l’argento nel trio, è stato felice che Sáblíková sia finito nella posizione di patata.

Le persone di Collalba e della zona circostante conoscono già bene la star ceca e altri membri del suo team e apprezzano il loro duro lavoro e il loro successo. “Spesso pedalano sul Corno del Renon al mattino, te ne accorgi subito”, mostra Weenter.

Non c’è da stupirsi che abbia già ricevuto un premio dal club di pattinaggio locale per i suoi servizi alla regione e questo sport. “Siamo molto orgogliosi che una personalità così importante si senta a casa qui”, conferma Trojen. “E stiamo tutti incrociando le dita per lei alle Olimpiadi in Cina”, aggiunge.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.