Italia, le ragioni di un clamoroso fiasco

Un euro mal digerito, capolista in bancarotta e più in generale un calcio che non riesce a cambiare… L’Italia ha fallito per il secondo anno consecutivo agli spareggi di Coppa del Mondo per una serie di motivi, giovedì contro la Macedonia del Nord (0 -1).

Un euro molto mal digerito

Nessuno – forse nemmeno i giocatori – ci credeva o quasi. Eppure, con sorpresa di tutti, l’Italia ha vinto gli Europei la scorsa estate quando non aveva proprio la generazione migliore della sua storia. Pochi mesi dopo, con questo fallimento nelle semifinali play-off dei Mondiali 2022 contro la Macedonia del Nord (0:1), la disillusione è totale. La squadra è andata in pezzi dall’inizio della partita internazionale lo scorso settembre. La Nazionale ha ottenuto quattro pareggi in cinque partite di qualificazione, incluso un preoccupante pareggio in Irlanda (0-0) per finire. Una prestazione scadente significa secondo posto e spareggi. Il grande successo contro la Lituania (5-0) e contro il Belgio (2-1) per il 3° posto in Nations League hanno creato illusioni nel cuore di questa stagione, in cui l’imbattibilità della squadra dopo 37 partite contro la Spagna (2 : 1) .

Leader falliti

Non asciugherà le lacrime ma Marco Verratti è unanimemente salutato come il miglior giocatore d’Italia contro la Macedonia del Nord (0-1). L’ambiente parigino è stato uno dei pochi dirigenti a livello. Tra le gocce si inserisce anche Alessandro Florenzi. Per il resto, la Nazionale non poteva contare sui vecchi veterani Giorgio Chiellini (entrato nel secondo periodo) e Leonardo Bonucci, fisicamente deboli. Nella corsa al Pallone d’Oro, Jorginho attraversa momenti dolorosi nella selezione. I suoi due rigori sbagliati contro la Svizzera (in casa e fuori) nella fase a gironi sono molto costosi. Rimarrà “ossessionato” dai suoi errori, ha confidato. Giovedì è soprattutto l’attacco che ha peccato nell’ultimo gesto, come il capitano di una serata Ciro Immobile (32 anni), che brilla sia in selezione che in società (21 gol in 25 partite di Serie A con la Lazio). Lo stesso Lorenzo Insigne è pesantemente criticato questo venerdì mattina. La Gazzetta, molto feroce, lo trova quindi sulla soglia del Canada (firma con Toronto).

Club in declino in Europa

In una tale crisi, la parola di Arrigo Sacchi (75) – che è considerato una leggenda, un profeta o un mentore del calcio italiano – è immancabilmente ricercata. Per lui, questa nuova catastrofe sembrava quasi inevitabile. “Quello che è successo a Palermo contro la Macedonia succede alle squadre di club da 12 anni”, ha detto. Gazzetta dello Sport. Non abbiamo vinto nulla in Europa dal 2010, dopo l’Inter in Champions League con Mourinho. Vincere l’Europeo è stata una splendida eccezione per la quale dobbiamo essere grati perché ci ha regalato un trofeo meritato e una bella partita”. Dall’incoronazione dell’Inter, la Juventus ha giocato bene in due finali di campionato (2015 e 2017), ma la vecchia signora rimane agli ottavi con tre eliminazioni consecutive.

Lo indicava il livello della Serie A

Questi ripetuti fallimenti in Europa sono dovuti al calo dei livelli in Serie A. Sacchi pensa ancora che il ritmo delle partite sia “ridicolo”. “Provate a vedere una partita in Inghilterra, Spagna o Germania”, lancia l’uomo che ha allenato il grande Milan (1987-1991). I giocatori camminano molto più velocemente, si abituano al livello europeo nelle loro nazioni. Qui gli arbitri fischiano troppo, le azioni sono sempre interrotte. Come si gioca in questo modo? Ripeto: siamo indietro, e non solo nel calcio. Amo il calcio e soprattutto quello italiano, ma a dire il vero non ci sono idee. In primo luogo, dobbiamo insegnare ai bambini a giocare, insomma non sempre contiamo sul salvatore della patria, che può venire anche dall’estero.

Un giovane acquario asciutto?

Nonostante le promesse del Sassuolo o dell’Atalanta Bergamo, l’Italia non ha vere stelle al momento. In un campionato in cui gli anziani hanno sempre avuto il sopravvento, l’allenamento è fondamentale. Il saggio Sacchi sta ancora lanciando l’allarme sul modo in cui funzionano i club. Continuiamo a comprare stranieri per i nostri club e anche le sezioni giovanili sono piene di giovani provenienti dall’estero: siamo sicuri che questa sia la strada giusta o, al contrario, non c’è? Il vero problema? chiede.(…) Le sezioni giovanili sono piene di stranieri comprati come se fossero scorte di frutta e verdura, i club sono indebitati, le squadre fuori dall’Italia non vincono niente e nessuno alza la voce per dire niente? correre, costruire centri federali, sostenere la crescita dei giovani. Non lo facciamo. Perché?”

Si conclude con un finale terribile. “Il calcio italiano soffre di arretratezza culturale, non ci sono nuove idee, dice. Altre nazioni si stanno evolvendo e noi siamo sessant’anni fa. Lo dico chiaramente: i meno colpevoli di questa situazione sono i giocatori e l’allenatore. Ecco che Il problema è ‘istituzionale'”.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.