Kúdela ritira la richiesta di arbitrato. Ciò pone fine all’acceso caso di presunto razzismo

Il calciatore slavo Ondřej Kúdela ha deciso di ritirare il ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (CAS) di Losanna contro una penalità di dieci partite inflitta dalla UEFA per aver insultato razzialmente un avversario nella partita dell’anno scorso a Glasgow, cosa che sta rifiutando. Il 34enne difensore vorrebbe chiudere il caso.

Lo studio legale Urban & Hejduk, in rappresentanza del giocatore, ha informato della fine dell’arbitrato internazionale.

Due giorni fa, i media britannici hanno riferito che Kúdela non sarebbe stato perseguito in Scozia lo scorso marzo per le accuse di insulto razziale contro il giocatore dei Rangers Glen Kamar come rappresaglia per gli ottavi di finale di Europa League.

Ora la nazionale ceca ha deciso di ritirare il ricorso contro il calcio di rigore sul campo sportivo. Ha perso la distanza di dieci partite l’anno scorso e ha perso il Campionato Europeo estivo, tra le altre cose.

“Oggi, d’accordo con il cliente, presenteremo un ritiro contro la decisione disciplinare della UEFA sull’arbitrato sportivo internazionale a Losanna. Rispettiamo il desiderio del cliente di porre fine alla questione”, ha affermato l’avvocato di Urban & Hejduk René Cienciala.

Kúdela ha accolto con favore l’informazione che non sarebbe stato perseguito in Scozia. “Sono contento che questa storia sia finita. L’intero caso va avanti da molto tempo, voglio solo concentrarmi sul calcio. Voglio chiuderlo per sempre, quindi dopo molte riflessioni e accordi con il club”. “Ho detto ai miei avvocati di interrompere l’arbitrato sportivo internazionale in corso”, ha confermato il calciatore.

“Grazie famiglia, Slavia e Mr. (alla testa di Slavia Jaroslav) Apprezzo davvero Tvrdík, i miei avvocati, i fan e il pubblico per il loro grande supporto in questa materia”, ha aggiunto il calciatore.

È durato quasi un anno il caso dell’accesa rappresaglia negli ottavi di finale di Europa League, in cui lo Slavia ha vinto 2-0 in trasferta. La partita è stata accompagnata da una forte partita della squadra di casa, i Rangers sono stati eliminati senza due eliminazioni e anche Kemar Roofe ha ferito gravemente il portiere del Praga Ondřej Kolář con un colpo di testa sconsiderato.

Alla fine del duello, Kúdela si è rivolta a Kamar con una delle sue flessioni, che lo ha subito accusato di insulti razzisti. La partita era finita anche dopo il fischio finale nelle viscere dello stadio, dove il centrocampista finlandese Kúdel ha attaccato, secondo Slavs. Kamara stava scontando una penalità di tre partite per il conflitto.

“Mi rendo conto che è stato un errore anche solo andare a dire qualcosa a Kamara. C’era emozione in gioco e sfortunatamente non posso riprenderla ora. Mi dispiace molto”, ha detto Kúdela.

Quando Kúdela ei suoi avvocati non hanno impugnato la sentenza che lo ha successivamente privato dell’euro alla UEFA lo scorso maggio, ha deciso di ricorrere al TAS di Losanna. A gennaio il tribunale arbitrale ha rinviato il processo ad aprile, ma non si occuperà più della vicenda dopo il ritiro del ricorso.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.