La guerra civile greca del 1824, Mazower e Manios

Di Manolis Kapsis

In circostanze normali l’avrei liquidata come un’altra sciocchezza di sinistra. Ma ora che sono giunto alla fine dell’ottimo libro di Marc Mazower La rivoluzione greca (Alexandria-Verlag), l’attacco di Mani alla guerra civile del 1824 e coloro che ci hanno governato da allora mi hanno colpito come interessante… che la sinistra e una storiografia marxista di sinistra che ha interpretato, e forse continua a interpretare, la rivoluzione greca.

Partiamo dal presupposto che il rapporto di Nikos Manios porti al fatto che nella guerra civile del 1824 l’Esecutivo e il Parlamento, ora nelle mani degli armatori Hydra – che si erano alleati con Mavrokordatos – esaurirono i fondi dei primi prestiti Rinforzati dalla Gran Bretagna , riuscii a sottomettere i capi di Moria con l’aiuto dei Roumelioti-Armatolos e assumere la guida piena e innegabile della battaglia. Quindi assumiamo che la lettura di sinistra della guerra civile e del suo esito riguardi i “grandi interessi” degli armatori Hydraic con i Koundouriotides nel ruolo principale, rinforzati con i soldi del centro capitalista, con i combattenti puri e innocenti di Like Kolo e Notaras, caddero in conflitto e imposero la loro versione occidentale della rivoluzione. È un’espressione di ciò che la storiografia di sinistra ha chiamato post-dittatura come la rivoluzione greca “tradita”, quando le élite locali e la leadership hanno preso il controllo della xenocrazia ladra. In seguito avrebbero imposto agli stranieri la filosofia, la percezione e la cultura del popolo al nuovo stato greco e alle istituzioni democratiche occidentali.

La realtà, ovviamente, come hanno dimostrato altri storici – un po’ più diligenti di Nikos Manios – era molto più complessa. Il conflitto non era tra combattenti puri e innocenti e le élite locali che volevano continuare a sfruttare il comune contadino greco. Del resto, quando il bottino non cadeva in tempo dal governatore, i ladri – i cui feroci ritratti ci hanno accompagnato per anni nelle nostre aule scolastiche ed erano ovviamente al di sopra di ogni critica – hanno tenuto il bottino a spese del relativo ordine contadino della armi che avevano al lavoro. Alcuni erano davvero il terrore e la paura dei comuni greci.

Con l’aiuto dello storico Mavrogordatos, che ci ha aiutato a comprendere le dinamiche della guerra civile nella formazione dello stato-nazione, fenomeno che si verifica in molti altri paesi europei in questo periodo, periodo in cui nacque il nazionalismo (vedi Italia e Irlanda ) e non è affatto una particolarità greca … è diventato chiaro che il conflitto riguardava ovviamente il potere e le entrate che ne derivavano. Ma nessuna delle due parti aveva il “vantaggio morale”. Alcuni hanno dato il massimo nella lotta e sono morti sul tappeto al momento del rilascio.

Fu a questo punto, però, che divennero chiari i diversi orientamenti delle due parti. Vogliono un’organizzazione della lotta più occidentale con un esercito regolare e strutture governative. Non perché siano modernizzatori ideologici, ma perché ne traggono vantaggio. La gente di Hydra, ad esempio, vuole tassare le altre isole a favore della propria flotta. Non preferiscono avere il monopolio della lotta, vogliono che la direzione della rivoluzione rimanga nelle mani dei leader per mantenere le conquiste. Quale potere manterrebbe Petrobeis Mavromichalis se altri riscuotessero tasse o produzione agricola. Come avrebbe mantenuto il suo esercito privato, che voleva chiamare Re di Sparta?

In effetti, penso che dopo il fallimento del 2009 e l’indignazione per il percorso occidentale del Paese nell’Europa Unita, con la rinascita di vari miti sulla democrazia diretta delle comunità greche durante l’occupazione turca e altre storie, molti hanno visto le due parti con occhi completamente diversi. . Molti hanno visto il piano di Alexandros Mavrokordatos per le prime strutture di governo ei suoi tentativi di formare un esercito nazionale regolare con occhi diversi. Ma quello che sicuramente tratteniamo è che la controversia riguardava il potere e le entrate che derivano dal potere. È stata una lotta tra due parti, i politici da una parte e le carovane dall’altra, come dice Nikos Manios. Due schieramenti con interessi diversi. Nessuno aveva un vantaggio morale. Posizionarsi a favore di ladri e uomini armati e sostenere che erano i combattenti spietati e puri che sono caduti vittime delle élite è semplicemente un’idealizzazione. E una costruzione fantastica della storia che vedrà poi i legami tra i ladri e i guerriglieri dell’ELAS

Fortunatamente, e non per caso, è emerso uno stato greco moderno con istituzioni democratiche e moderne, che ha finalmente e irrevocabilmente introdotto la Grecia nel mondo occidentale.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.