Lascia che sia la Serbia a decidere, ora è il momento di fare una scelta

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Serbia, Christopher Hill, ha affermato che le scelte devono essere fatte nella vita e questo è un momento del genere e c’è solo un modo per la Serbia ed è l’Occidente e l’Unione Europea (UE). Il ministro dell’Interno Aleksandar Vulin ha risposto a Hill che non sta costringendo i serbi a scegliere perché, come ha detto, “possono essere feriti dalla nostra scelta”.

“A differenza del passato, quando in Serbia si pensava che ci fosse una terza via, che la Serbia non fosse né a est né a ovest, che fosse in qualche modo speciale, che seguisse la sua strada, ora la maggioranza dei serbi pensa c’è un modo giusto e uno sbagliato e vogliono scegliere il modo giusto, ha detto Hill al quotidiano Politika.

Come ha detto, la Serbia deve decidere se vuole avere un “esercito autosufficiente e acquistare armi da diversi paesi, o unirsi alla difesa collettiva”.

“I serbi dovrebbero deciderlo e penso che abbiano deciso che il loro futuro è in Occidente, non in un Oriente indefinito. Dico tutto questo in base a ciò che sento dalle persone ogni giorno, ma anche in base alle dichiarazioni di (serbo ) Presidente Aleksandar Vucic”, ha detto Hill.

Ha affermato che l’Ucraina e il Kosovo sono “situazioni molto diverse” e ha insistito sul fatto che quanto accaduto in Kosovo nel 1999 non dovrebbe essere collegato a ciò che sta accadendo oggi in Ucraina.

“Per quanto riguarda il Kosovo e la Serbia, sono paesi vicini. I serbi vivono in Kosovo e ci sono molte cose in Kosovo che sono importanti per la Serbia. I buoni vicini devono risolverlo. La strada giusta è il dialogo in atto in tutta l’UE e i negoziati in Bruxelles.” , ha detto Hill.

Ha detto di ritenere che tutti gli elementi debbano essere sul tavolo della trattativa, e che non si può dire “ne voglio parlare, ma non voglio parlarne”, ma che non ha ancora visto l’impegno di entrambe le parti a questo.

“Se parliamo di integrazioni euro-atlantiche, fanno anche parte di quel tavolo negoziale. Quando stai negoziando, una parte vuole una cosa, l’altra parte vuole un’altra cosa, ma devi solo parlarne. Sono scoraggiato quando vedo che una parte vuole una cosa e non vuole che ciò che l’altra parte vuole sia sul tavolo delle trattative”, ha detto Hill.

Vulin: Non chiedere ai serbi di fare una scelta, potresti essere ferito dalla nostra scelta

Il ministro dell’Interno Aleksandar Vulin ha risposto all’ambasciatore statunitense Christopher Hill che non stava chiedendo con forza ai serbi di fare una scelta perché, come ha detto, “potrebbero essere feriti dalla nostra scelta”.

“Dal 2000 al 2012, la Serbia è stata un paese su misura per l’ambasciatore Hill”. Rivolgendosi solo all’Occidente, alle porte del patto Nato, senza iniziativa per risolvere la questione del Kosovo e Metohija, senza voglia e volontà di difendere la Republika Srpska, con i resti dell’esercito e un’economia esaurita. Per la sua fedeltà a coloro che ci hanno bombardato, la Serbia è stata premiata con la dichiarazione di indipendenza del Kosovo, le estradizioni di massa al Tribunale dell’Aia, la riduzione della giurisdizione della Republika Srpska, le privatizzazioni predatorie, la disoccupazione, la povertà e l’ingiustizia sociale. “Dato che Aleksandar Vučić ha guidato la Serbia non sul sentiero occidentale, ma sul sentiero serbo, la Serbia è di nuovo uno stato, non un territorio, e Aleksandar Vučić è uno statista, non un direttore del campo nominato dall’occupante”, ha affermato il ministero dell’Interno. Affari ha detto in una nota.

Come notato, l’arroganza dell’ambasciatore americano ci ricorda che Hill era l’esecutore testamentario della Republika Srpska e della politica di sanzioni e bombardamenti della Repubblica di Serbia.

“E non vede alcun problema o senso di colpa in questo. La Serbia andrà per la sua strada e l’ambasciatore dovrebbe guidare coloro che glielo consentono. La Serbia è un paese libero e prospero e non dovrebbe scegliere per nessuno se i criteri della Serbia per determinare chi ci ha ucciso e chi no, chi ha riconosciuto il Kosovo e chi no, temo che il signor Hill non abbia nulla da dire in sua difesa”, ha detto Aleksandar Vulin.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.