L’auto elettrica salverà tutti i posti di lavoro in “Fiat”

I lavoratori della “Fiat” avranno solo due giorni lavorativi a maggio, poi andranno in ferie, visto che non rientreranno prima di settembre. Se avranno un lavoro in autunno e se ci sarà lavoro per i 2.070 dipendenti delle linee di produzione dell’auto elettrica, che sarà prodotta a Kragujevac dal 2024, sono le domande con cui si lasciano in vacanza”. La notizia che “Stelantis” sta licenziando 480 lavoratori in Italia aumenta la loro ansia.

I rappresentanti della joint venture “Fiat” e “Peugeot” hanno concordato con i sindacati che quest’anno lo stabilimento “Mirafiori” di Torino, che produce il modello elettrico “500 NU”, lascerà volontariamente 480 lavoratori iscritti al sindacato italiano FIM – ICFTU ha annunciato lunedì. .

Stelantis ha già raggiunto un accordo simile con i sindacati a febbraio per quanto riguarda oltre 700 esuberi volontari, per un totale di 1.200 posti di lavoro quest’anno in Italia, riferisce Reuters.

Davide Provenzano, responsabile FIM-Cisl per la Regione Torino, ha affermato che nonostante la scadenza per i licenziamenti volontari sia la fine dell’anno, c’è un ulteriore incentivo di 20.000 euro (21.000 dollari) per chi lascia l’azienda prima del 30 settembre. .

Un portavoce di Stelantis, che attualmente impiega circa 50.000 dipendenti in Italia, ha confermato l’accordo di licenziamento, dicendo che l’azienda non ha rilasciato commenti.

Zoran Miljković, vicepresidente del sindacato indipendente della fabbrica “Fiat Plastic” di Kragujevac, che appartiene al “Gruppo Fiat”, esprime preoccupazione per questa notizia. Hanno inviato una richiesta alla direzione della “Fiat” in Serbia e in Italia di preservare tutti i posti di lavoro a Kragujevac e di spiegare loro se, quanti e dove i lavoratori saranno assunti nel prossimo anno e mezzo.

– L’alta delegazione di “Stelantis”, che ha visitato la Serbia la scorsa settimana e ha annunciato che inizierà la produzione di una nuova vettura, non ha incontrato nessuno di “Fiat Plastic”. È stata un’occasione per parlare e trovare una soluzione ai problemi dei lavoratori, in sciopero da fine febbraio 2021 – osserva Miljković.

Pensa che sia positivo che sia stato firmato un contratto per la produzione di un modello elettrico a Kragujevac, ma ci sono molte incognite. Secondo lui, è certo che seguirà il periodo di preparazione all’annunciato avvio della produzione di veicoli elettrici nella seconda metà del 2024. Si aspetta che si faccia ben poco in quest’anno e mezzo, con sei o sette mesi di congedo retribuito. Miljković dice che i lavoratori “Fiat” di Kragujevac lavoreranno solo due giorni a maggio, poi saranno mandati in congedo retribuito fino a settembre.

– Temo che ci vorranno meno lavoratori per produrre un veicolo elettrico – ritiene Miljković. Aggiunge che i lavoratori di “Fiat Plastic” sono in sciopero da febbraio 2021, chiedendo al datore di lavoro di riportare i loro salari ai livelli del 2020 e di pareggiare le ferie pagate con i colleghi della consociata “Fiat Chrysler Cars Serbia”.(FCA), ovvero il 65% dello stipendio.

Precisa inoltre che gli scioperanti non avevano diritto al bonus, e che i lavoratori della “Fiat Plastic”, a differenza dei colleghi di Fca, non hanno beneficiato di un aumento della base per uno stipendio di 1.500 dinari lordi dal 1° gennaio.

Il giorno in cui Carlos Tavares, direttore di “Stelantis” e Aleksandar Vučić, presidente della Serbia, hanno concordato che la produzione di modelli di auto elettriche in Serbia sarebbe iniziata tra due anni, tutti i lavoratori hanno ricevuto un bonus di efficienza di 10.000 dinari ciascuno.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.