L’unità del governo italiano, in gioco dopo le elezioni presidenziali

La festa è finita. Dopo un mese in cui tutta l’attività politica italiana ha ruotato attorno all’elezione del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha già prestato giuramento per la seconda volta in una pomposa cerimonia alla Camera dei Deputati in cui ha fatto appello alla dignità dell’Italia per uscire dalla crisi. E questo significa che il presidente del Consiglio Mario Draghi è tornato al lavoro: i partiti italiani hanno deciso che la cosa migliore per il Paese è che continui a portare avanti le riforme necessarie per il piano di ripresa a capo dell’esecutivo.

Il cambio di scena si è manifestato con la batteria di azioni annunciata questa settimana dopo il letargo. Draghi non ha perso tempo e la prima cosa che ha fatto lunedì è stata convocare i suoi ministri per adottare nuove misure sanitarie, come prolungare la mascherina in strada fino all’11 febbraio o prolungare la chiusura dei locali notturni. Inoltre, li ha esortati a indicare i compiti in ogni portafoglio per raggiungere, entro il 30 giugno, i 45 obiettivi del piano europeo per ricevere un’altra busta di 24,1 miliardi di euro.

Anche sulla sinistra non stanno meglio, con un duro scontro tra Di Maio e Conte nel M5E

Tuttavia, l’ex presidente della Banca centrale europea non ha affatto un compito facile. L’eredità delle difficili trattative per assicurare la rielezione di Mattarella è un panorama politico profondamente fratturato, che potrebbe minacciare la stabilità dell’esecutivo nei prossimi mesi. L’unità di governo ha sofferto già questa settimana, quando la Lega, che ha tre ministri di governo, ha rifiutato di approvare nuove disposizioni di quarantena nelle scuole perché le riteneva discriminatorie nei confronti dei bambini non vaccinati.

Nel breve, Draghi ha beneficiato dell’elezione di Mattarella perché è apparso chiaro che non c’è alternativa possibile al suo governo. Ma l’anno prossimo la legislatura finisce e i nervi pre-elettorali iniziano a fiorire. Il presidente del Consiglio dovrebbe approfittare di un panorama relativamente tranquillo fino all’estate per imporre il suo comando. Poi comincerà la campagna e nemmeno Draghi non può garantire che non si aprano più crisi.

I ministri della Lega si ribellano rifiutandosi di votare sulle disposizioni sanitarie

La prima vittima collaterale è stata la coalizione di destra, composta da Lega di Matteo Salvini, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni e Forza Italia di Berlusconi. Meloni, l’unico ad opporsi al voto di Mattarella, considerava morto il blocco che governa insieme in gran parte delle regioni del Paese gran parte dei consigli comunali e che in teoria dovrebbe presentarsi insieme alle prossime elezioni legislative. Nel tentativo di monopolizzarlo, Salvini ha proposto questa settimana la creazione di una federazione con i berlusconiani per avere più peso nell’esecutivo, una nuova coalizione sullo stile del modello americano.

I primi sondaggi dopo il voto del presidente indicano che i Fratelli d’Italia otterrebbero già più voti (18,5%) della Lega (17,2%). Questa è una brutta notizia per Draghi. Tutto indica che Salvini continuerà le sue crisi populiste per prendere le distanze da Meloni.

Salvini ha annunciato una federazione di destra per competere con i Fratelli d’Italia

Anche a sinistra non va meglio. Le elezioni presidenziali hanno messo in luce la fragilità dell’alleanza tra Partito Democratico (PD) e Movimento 5 Stelle (M5E). Nel grillini c’è una guerra aperta tra Luigi di Maio, ministro degli Esteri, e il leader del partito, Giuseppe Conte, che, secondo alcuni analisti pessimisti, potrebbe portare una parte del partito a lasciare l’esecutivo.

“Saranno mesi difficili”, ha predetto un deputato del Pd dopo il giuramento di Mattarella. “Draghi voleva fare il presidente e ha commesso il grave errore di non specificare chi lo avrebbe sostituito come presidente del Consiglio. È stato un suo errore”.

Non c’è da stupirsi che con l’agenda che lo attende, l’ex banchiere abbia voluto essere promosso capo dello Stato. All’orizzonte si profilano riforme pensionistiche e fiscali, che aumenteranno le divisioni ideologiche all’interno dell’esecutivo. Questa è sicuramente una delle poche volte in cui qualcuno ti ha portato via il lavoro che volevi. In questo fu sconfitto.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.