Mi dispiace che la politica sia stata trasferita allo sport

Il presidente del KK Partizan Ostoja Mijailović si è espresso dopo la decisione di sospendere le squadre russe dalle competizioni europee, dicendo che spera che presto si possa tornare a parlare solo di sport.

Lunedì è stata presa la decisione di sospendere le squadre russe da Eurolega ed Eurocup, a causa dell’attacco della Russia all’Ucraina.

“Mi dispiace sinceramente che la situazione politica sia stata trasferita allo sport. Gli atleti non sono e non possono essere responsabili dell’attualità. Se qualcuno conosce la sensazione di essere eliminati al tavolo verde, siamo noi in Serbia, ovvero il ex FRY, e sono sicuro che nessun vero sportivo può esserne felice”, ha scritto Mijailović.

“Non ha senso chiedersi se questa situazione andrà a beneficio di qualcuno ora, a condizioni”. Senza la politica, la Danimarca, campione d’Europa di calcio, non avrebbe nemmeno raggiunto l’Europeo del 1992. Ma sono venuti, hanno giocato lealmente e si sono meritati il ​​titolo. Spero che presto si possa parlare di nuovo solo di sport, per poi far vincere in campo i migliori”.

I club russi non sono ancora completamente eliminati dalla competizione. L’Eurolega ha annunciato che seguirà l’evolversi della situazione e che, se l’andamento della situazione non sarà favorevole, annullerà le partite delle squadre russe.

Come ricordiamo, Lokomotiva Kubanj è nel girone con il Partizan in Eurocup.

Parole chiave


Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.