“Mirdita” non è discutibile, la destra coglie l’occasione per promuoversi

Il festival “Mirdita, buona giornata” è indiscutibile, ma i politici di destra stanno usando questo spazio per l’autopromozione, lo scrittore e traduttore Goran Skrobonja ha valutato H1.

“Ora hanno vinto seggi in parlamento, quindi vogliono migliorare un po’ il loro sostegno nell’elettorato, e poi vanno a sentimenti e atteggiamenti estremi”, ha detto Skrobonja nello show di Novi dan.

Ha affermato che il festival, iniziato due giorni fa a Belgrado, dovrebbe fungere da ponte tra il popolo serbo e quello albanese del Kosovo.

Skrobonja, che scrive fantascienza e horror, dice di essere interessato a sapere se qualcuno in Kosovo, in albanese, sta scrivendo tali opere e se qualcuno le sta traducendo, fino a quando non gli interessa, come dice lui, “le proteste e se stessi -promozione”.

Alla domanda se esiste un “orrore più grande” di quello che sta accadendo attualmente nel mondo, risponde che un orrore immaginario non è nulla in confronto a quello.

“La cosa peggiore è che siamo completamente impotenti. Siamo in un sistema tale che semplicemente non abbiamo alcun meccanismo per influenzare in alcun modo”, ha detto.

Fiat elettrica e l’arrivo di Mercedes o Toyota – “Les village de Potemkine”

Skrobonja ha detto che i lavoratori Fiat, data la scelta di andare all’estero o di prendere il TFR, sono in una posizione molto difficile.

Ricorda che “solo sette giorni” prima che il proprietario della Fiat annunciasse il destino delle informazioni pubblicate secondo cui un’auto elettrica era stata prodotta a Kragujevac.

“Un altro “villaggio Potemkin che è durato solo sette giorni”, ha detto, aggiungendo che nuovi “villaggi Potemkin” sono stati costruiti con annunci di Mercedes o Toyota in arrivo a Injija.

Quando gli è stato chiesto se si aspettasse che lo stato proteggesse i lavoratori in qualche modo, ha detto di no.

“Non mi aspetto nulla da questo paese”, ha detto Skrobonja.

“La politica non è più quella di una volta”

Parlando della cessione del quotidiano Politika al titolare del Večernji novosti, Boban Rajić, Skrobonja ritiene che ci saranno problemi per dipendenti e politica editoriale, ma che nulla cambierà su scala più ampia.

“La politica non è quella che era per molto tempo. È stata letta regolarmente a casa mia. Siamo stati a lungo divisi su chi legge Večernje novosti, Politika Express e Politika in casa”, ha detto Skrobonja.

Tuttavia, ha smesso di leggere Politika nel 1995 e non riesce a vedere che, come dice, è stato riformato dopo l’era di Milosevic.

Ha aggiunto che le generazioni abituate alla stampa scritta se ne stanno andando, che non crede affatto che gli under 30 acquistino i giornali e che la diffusione continuerà a diminuire.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.