Nadia Zyncenko, giornalista di origine ucraina, parla della guerra russo-ucraina: “Per me è devastante”

Nadia Zyncenko è nata in Italia ma è figlia di ucraini. Vive in Argentina dal 1948

Sono un po’ scosso da ieri sera“, è la prima cosa che dice Nadia Zyncenkocon voce rotta piena di lacrime, di fronte al richiamo di programma televisivo. La giornalista specializzata in meteorologia, che ha lavorato per più di 25 anni nella televisione pubblica -nel 2018 è stata improvvisamente ritirata dalla dirigenza Macrista-, è nato in una città di Napoli, in Italia, ma ha radici ucraine. Per questo la guerra russo-ucraina lo colpisce molto da vicino, alla radice.

“Ieri sera siamo rimasti svegli fino a tardi con mio marito a guardare cose diverse in TV e io ero così scioccato di fronte a questo fatto, a questa preoccupazione… Uff, povera gente: le decisioni passano di un altro livello e le persone sono molto sacrificate“, pensa Nadia prima di raccontare il racconto della sua vita, attraversata anche dalla guerra.

I miei genitori erano ucraini. Provengono dai villaggi vicini, molto vicini a kyiv, ma non si sono incontrati in Ucraina. Si sono conosciuti nel dopoguerra, a Roma. E lì sono nato. Mia madre è stata trasferita all’ospedale delle Nazioni Unite a Bagnoli, un piccolo villaggio di pescatori di Napoli, per la mia nascita. Avevo meno di due mesi quando mia madre venne qui con me. E poi ho preso la nazionalità argentina “, dice che si stabilì nel paese intorno al 1948.

“I miei genitori erano ucraini.  Provengono dai villaggi vicini, molto vicini a kyiv, ma non si sono incontrati in Ucraina.  Si sono conosciuti nel dopoguerra, a Roma"Nadia Zyncenko ha detto a Teleshow
“I miei genitori erano ucraini. Provengono dai villaggi vicini, molto vicini a kyiv, ma non si sono incontrati in Ucraina. Si sono incontrati dopo la guerra, a Roma”, ha detto a Teleshow Nadia Zyncenko

“Mio padre aveva due sorelle e un fratello, erano quattro. Davanti ai suoi occhi, da adolescente, la sua sorellina morì di fame. È quello (Iosif) Stalin mandò l’esercito e prese le mucche, i maiali, la patata, la barbabietola, il cavolo… E sua sorella morì di fame. Allora sua sorella maggiore, che aveva già due bambini, gli disse: “Ascolta, fratello, devi andare perché non c’è cibo. Così si fermò, si nascose sotto il sedile di un treno che andava a Mosca, perché suo fratello, che era più grande, lavorava già lì. Ecco qua”, ricorda Nadia del passato di suo padre. “Così succede a causa del dolore di mio padre, vedendo morire sua sorella. È molto incasinato, sai?dice e la sua voce si incrina di nuovo.

A sua volta mia madre aveva 15 o 16 anni ei tedeschi la portarono ai lavori forzati. Ha trascorso quasi quattro anni come prigioniera. La guerra finisce e lui arriva in Italia, dove incontra mio padre”, dice dall’altra parte del suo albero genealogico. Nonostante la tragedia nei suoi geni, Nadia dice che “i miei genitori non provavano odio o risentimento. “Questa è la guerra”, mi hanno detto. Non sono le persone che decidono”.

Nadia ha visitato per la prima volta l’Ucraina alla fine degli anni ’80, “al tempo di (Mikhail) Gorbaciov”. E ha conosciuto parte della sua famiglia. “È lì che ho sentito parlare del fratello di mia nonna, un uomo che ha perso due dei suoi tre figli su un campo di battaglia. Hanno combattuto corpo a corpo. E quando il comunismo è arrivato in Ucraina, hanno spiegato alla gente che dovevano lavorare nelle fattorie collettive. Ora, quando ho viaggiato, mi è stato detto che dovevano svolgere un’attività privata. Quindi quest’uomo disse: ‘Nadia, cosa vuoi da noi?‘” ricorda il giornalista.

“Vengo dal mondo occidentale, dalla libertà… Ho comprato un biglietto e se i russi me lo permettessero, potrei andare a trovare la mia famiglia. Andavo, venivo, qui nel mio paese, potevo andare in qualsiasi provincia. ‘E com’è?’, mi hanno chiesto“, account.

Per più di 25 anni, Nadia Zyncenko è stata giornalista specializzata in meteorologia presso la televisione pubblica.  È stata ritirata nel 2018 dalla dirigenza macrista
Per più di 25 anni, Nadia Zyncenko è stata giornalista specializzata in meteorologia presso la televisione pubblica. È stata ritirata nel 2018 dalla dirigenza macrista

“Avevo pochissima famiglia rimasta lì dopo Chernobyl. Ho una nipote che mi chiama di tanto in tanto, ma una volta all’anno.. Guardano l’Occidente: i giovani guardano il tenore di vita, perché ricevono notizie su come vivono le persone. Vivono in modo molto diverso, anche in Ucraina”, dice Nadia e ripensa ad alta voce di fronte alla guerra. “Dobbiamo uccidere? Più sofferenza? Capisco che le cose vanno diversamente, che la lotta è chi è il più bello di questo pianeta.. Ma per favore, un po’ di umanità”, chiede.

“Poiché entrambi i popoli sono slavi, entrambi hanno un valore molto forte: la patria. Prima viene la madrepatria, poi la madre stessa. E per la madrepatria danno la vita. Quindi immagino che ci saranno molte morti qui. Di nuovo. Altre mamme che piangono, donne che ricostruiscono il paese… Uff, cosa vuoi che ti dica. Per me è devastante“, chiude Nadia con il cuore spezzato e le lacrime come un groppo in gola.

CONTINUA A LEGGERE:

Mirtha Legrand ha ricordato una storia d’amore sconosciuta: “Avevo un ragazzo di Cordova”
L’intenso crossover tra Florencia Peña e Analía Franchín quando hanno discusso dell’invasione russa dell’Ucraina
Gimena Accardi ha mostrato come è risultata la sua spalla: “È stato un post-operatorio doloroso”

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.