Nocciole piemontesi? Ideale per risotti e crema di torrone

Le migliori nocciole del mondo? Li coltivano in Italia, hanno un loro fascino e i loro amanti possono lottare per loro. Dirai il nome della famosa varietà dopo la prima lezione di italiano – Nocciola Tonda Gentile Trilobata.

Nocciola Tonda Gentile Trilobata – sono le migliori nocciole del mondo

| Foto: Shutterstock

La particolarità di questa varietà risiede nel suo alto contenuto di grassi, soprattutto negli acidi grassi omega-3 e omega-6. Danno al frutto un forte aroma caratteristico e un gusto dolce e cremoso. Sono la patria della regione italiana del Piemonte, dove vengono raccolte a mano da fine agosto a ottobre. Allo stesso tempo, i raccoglitori aspettano che la noce matura cada a terra. Dal 1993 portano la Denominazione di Origine Protetta Nocciola Piemonte IGP

La fisarmonica di patate è stata inventata dagli svedesi. cucinalo

Le noci raccolte vengono essiccate, sgusciate, selezionate e poi tostate a diverse intensità, a seconda delle preferenze del trasformatore. In generale, l’equazione è che più lunga è la tostatura, più dolce sarà il gusto ottenuto e più scuro sarà il colore del prodotto.

Le noci lavorate vengono utilizzate, ad esempio, per fare delle ottime farine, da cui i pasticceri preparano dolci senza glutine. Tuttavia, la pasta di nocciole è di gran lunga l’uso più diffuso. Fa parte del vero corpus dei dolci piemontesi, delle creme e dei dolci alla crema e del gelato. Una variante salata dell’impasto è condita con il risotto nel nord Italia quando viene servita su un piatto.

Rinomata crema di torrone

Tuttavia, il prodotto più famoso della nocciola Piemonte è la crema di torrone gianduia. Inoltre contiene anche cacao, latte in polvere e zucchero. La marca di crema gianduia più conosciuta è – si – la Nutella. Tuttavia, a differenza dell’originale artigianale, questa variante industriale sostituisce in gran parte il basso contenuto di noci con olio di palma.

Originariamente pizza italiana, è uno dei piatti più apprezzati al mondo

QUIZ: Conosci i piatti della tradizione europea?

La coppia Antonio e Michaela Carlini lavorano le noci piemontesi, che importano dall’Italia, nella loro panetteria di casa a Brno. “Li usiamo per farcire le nostre pale. Sono palline di pasta sfoglia ripiene di crema al mascarpone, panna montata e solo noci o torrone”, descrive Antonio Carlini.

Un altro prodotto notevole è il Brut ma bun, che può essere paragonato a un dolce tradizionale ceco. Si tratta di un albume montato con zucchero e noci Nocciola Tonda Gentile Trilobata, che viene essiccato in forno. È senza glutine e si sposa bene con il caffè.

Antonio Carlini è una gastronomia con radici nel Piemonte settentrionale, esperta di ingredienti regionali italiani. A Brno, lui e sua moglie Michaela gestiscono una panetteria, una ristorazione e laboratori didattici, dove le persone interessate impareranno, ad esempio, a fare la vera pizza italiana. Nella nostra serie scoprirete ingredienti e piatti italiani originali.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.