“Non ci sono ancora le condizioni per un cessate il fuoco in Ucraina”

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha parlato con il presidente russo Vladimir Putin. (foto AFP)

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto al primo ministro italiano Mario Draghi che “le condizioni non sono ancora mature” per un cessate il fuoco in Ucraina, cinque settimane dopo l’inizio dell’invasione russa, secondo il primo ministro italiano.

Durante un incontro con corrispondenti dei media esteri accreditati a Roma, il Presidente del Consiglio Draghi ha riferito che mercoledì ha discusso con Putin in una telefonata dell’idea di “parlare di pace” infine dopo i progressi nei colloqui tra Russia e Ucraina.

In questo contesto, il presidente russo ha fatto sapere che al momento “non sono mature le condizioni per un cessate il fuoco”, ha dichiarato Draghi.

Durante il suo dialogo con i media di tutto il mondo, tra cui Télam, Draghi ha anche difeso le sanzioni economiche contro la Russia e ha avvertito che “la pace si raggiunge se l’Ucraina si difende”approvando implicitamente la fornitura di armi dall’Occidente a Kiev.

Il primo ministro italiano Mario Draghi parla con il presidente russo Vladimir Putin Foto AFP
Il primo ministro italiano Mario Draghi ha parlato con il presidente russo Vladimir Putin. (foto AFP)

Dopo il suo primo colloquio telefonico con Putin dall’inizio della guerra, Draghi ha aggiunto oggi che “l’Italia è stata richiesta come garante da Russia e Ucraina per agire su eventuali clausole negoziali” se i colloqui di pace dovessero prosperare.

“Potrebbero esserci e penso che ci saranno garanzie che forniranno le condizioni per i negoziati, ovvero la pace, il tipo di neutralità che l’Ucraina dovrebbe esaminare, lo stato delle regioni del Donbass e le leggi che lo confermano”, ha aggiunto.

“In realtà, Le posizioni dei due partiti si sono un po’ avvicinate, ma rimango prudente perché c’è ancora molto scetticismo”. Draghi in posa.

In ogni caso, il presidente del Consiglio italiano ha sottolineato l’istituzione nelle ultime ore di un corridoio umanitario a Mariupol per evacuare i civili intrappolati in questa città del sud-est dell’Ucraina assediata dall’esercito russo.

Lo ha aggiunto Draghi Putin ha confermato che le società europee con contratti in corso continueranno a pagare il gas russo in “euro o dollari” e non in rublianche se i media europei hanno riferito pochi istanti dopo che Mosca avrebbe iniziato a chiedere pagamenti nella sua valuta nazionale da “paesi ostili” domani.

“Putin ha sottolineato che questa è una concessione solo alle società europee”, ha detto Draghi, riferendosi a uno dei passaggi della conversazione di 40 minuti che ha avuto con il presidente russo.

Inoltre, secondo Draghi, le esportazioni di gas della Russia verso l’Europa “non sono in pericolo”, anche se diversi paesi del continente hanno già avviato colloqui per cercare di ridurre la loro dipendenza dal greggio di Mosca.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.