Non ci sono prove che il vaiolo delle scimmie sia mutato

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) non ha prove che il virus del vaiolo delle scimmie sia mutato, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite, osservando che la malattia infettiva caratteristica dell’Africa centrale non sta cambiando.

Rosamund Lewis, capo della segreteria del morbillo, che fa parte del programma di risposta alle emergenze dell’OMS, ha affermato in un briefing che ci sono meno mutazioni nel virus, sebbene il sequenziamento genomico dei casi aiuterà a capire l’attuale focolaio.

Più di 100 casi sospetti e confermati nel recente focolaio del virus in Europa e Nord America non sono stati gravi, ha affermato Maria van Kerkhove dell’OMS.

“Questa è una situazione prevenibile”, ha aggiunto.

Secondo l’OMS, lo scoppio del virus è atipico perché si verifica in paesi in cui il virus non circola regolarmente.

Gli scienziati stanno cercando di capire le origini dei casi e se qualcosa è cambiato sul virus.

La malattia è caratterizzata da febbre alta, ma anche mal di testa, febbre, esaurimento, affaticamento, dolori muscolari e alla schiena, ingrossamento dei linfonodi e un’eruzione cutanea simile alla varicella.

Sebbene la malattia sia chiamata vaiolo delle scimmie, le scimmie non sembrano essere il serbatoio del virus ma, come gli esseri umani, vengono accidentalmente infettate dal contatto con altri animali e dalle loro secrezioni. La malattia può essere trasmessa da persona a persona attraverso le goccioline e il contatto con le lesioni cutanee delle persone colpite.

parole chiave


Giacinto Udinesi

"Secchione di bacon. Lettore generico. Appassionato di web. Introverso. Professionista freelance. Pensatore certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.