Paul Pogba: il centrocampista del Manchester United deve ancora decidere il prossimo club tra gli interessi di Real Madrid e Barcellona | Notizie Centro trasferimenti – Reuters

Paul Pogba deve ancora decidere il suo prossimo club mentre si prepara a lasciare il Manchester United quando il suo contratto scadrà alla fine della stagione.

Pogba non ha ricevuto un’offerta di contratto dallo United dalla scorsa estate e lascerà l’Old Trafford per la seconda volta a parametro zero.

Una miriade di club più grandi d’Europa sono interessati al 29enne, tra cui Real Madrid, Barcellona, ​​​​​​​​Paris Saint-Germain e Juventus.

Giovedì 28 aprile, ore 19:00


Calcio d’inizio 19:45


Sky notizie sportive è stato detto che la decisione finale di Pogba sulla sua prossima mossa sarebbe stata una “decisione calcistica” e la permanenza in Premier League non è stata esclusa dal nazionale francese.

Se Pogba va in un club europeo, è improbabile che gli vengano offerti più soldi di quanto lo United fosse disposto a pagare quando gli hanno offerto un nuovo contratto la scorsa estate.

Sky Sport ha riferito la scorsa settimana che Pogba era stato ferito dalla reazione dei fan dello United, che lo hanno fischiato quando è stato sostituito nella vittoria per 3-2 sul Norwich all’inizio di questo mese.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Eric Djemba-Djemba pensa che Paul Pogba non abbia mostrato tutto il suo potenziale al Manchester United

Ralf Rangnick, allenatore ad interim dello United, ha dichiarato dopo la partita: “Non credo che abbia senso andare contro una persona o un giocatore in particolare e prenderlo di mira”.

Pogba è stato anche sostituito per infortunio nella vittoria per 4-0 dello United sul Liverpool la scorsa settimana e salterà il resto della stagione, il che significa che probabilmente ha giocato la sua ultima partita con il club.

Pogba è arrivato per la prima volta allo United da Le Havre da adolescente nel 2009, ma ha annullato il suo contratto prima di entrare in prima squadra, che si è unito alla Juventus.

Il centrocampista si è unito allo United nel 2016 per un record mondiale da club italiano, vincendo Coppa di Lega ed Europa League alla sua prima stagione all’Old Trafford.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Paul Pogba sembrava essere stato fischiato da alcuni tifosi del Manchester United mentre lasciava il campo a tempo pieno

Ma mentre da allora ha vinto la Coppa del Mondo e la Nations League con la Francia, altri trofei a livello di club gli sono sfuggiti.

Pogba era apparso in precedenza verso la fine del mandato di Jose Mourinho come allenatore sull’orlo dell’uscita dallo United dopo il deterioramento della loro relazione.

Mourinho ha impedito a Pogba di dirigere il club mentre il duo è stato anche filmato durante l’allenamento.

Tuttavia, Mourinho è stato esonerato pochi mesi dopo e Pogba è stato riportato in rosa da Ole Gunnar Solskjaer.

Gli infortuni hanno limitato Pogba a sole 21 partenze in tutte le competizioni in questa stagione e lui e il club concluderanno ancora una volta la stagione a mani vuote.

Rangnick: “Difficile dire” perché Pogba stesse lottando

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video più accessibile

GUARDA GRATIS: gli highlights della vittoria dell’Arsenal sul Manchester United

La scorsa settimana Rangnick ha ammesso che è improbabile che Pogba rinnovi il suo contratto con lo United e ha detto che lui e altri allenatori avrebbero difficoltà a spiegare perché il campione del mondo ha lottato per la coerenza all’Old Trafford.

Alla domanda se fosse giusto definire Pogba “enigmatico”, Rangnick ha risposto: “Non ha senso parlarne, al momento è infortunato.

Ma penso che sia un giocatore che ha vinto il Mondiale con la Francia. Sappiamo tutti che potenziale ha e che buon giocatore può essere.

“Ma come molti altri giocatori, ha lottato per sostenere le sue migliori prestazioni in campo per le partite dello United. Non era solo questa stagione o le ultime due settimane. Per quanto posso ricordare, era così anche negli anni precedenti”.

Rangnick ha detto che è “difficile dire” perché è così. “Se io o altri allenatori lo avessimo saputo, probabilmente sarebbe stato più facile cambiarlo”, ha aggiunto.

“Ma in questo momento non ha senso pensarci. Allo stato attuale, non rinnoverà il contratto. È molto probabile che non ci sarà la prossima stagione”.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.