Peugeot punta sulla sicurezza. Ha sacrificato il debutto di quest’anno a Le Mans a favore del futuro

La categoria Hyperaut vuole essere la vetrina della gara di Le Mans. Delle grandi auto, tuttavia, finora ha attratto solo la divisione sportiva di Toyota e Renault sotto il nome Alpine. Un altro colosso francese, Peugeot, salterà la prestigiosa 24 ore e la partenza del World Endurance Racing Championship.

La nuova stagione del FIA WEC Endurance Championship inizia venerdì a Sebring, USA. Tuttavia, è già certo che almeno le prime tre gare, compresa la 24 Ore di Le Mans, dovranno essere completate senza il ritorno di Peugeot.

Il marchio francese ha finalmente riconsiderato i suoi piani e posticipato il debutto della nuova special, nome in codice 9X8. L’auto è infatti il ​​primo prototipo costruito “da zero” secondo le regole della categoria d’élite delle hypercar. Sia Toyota che Alpine sono auto più o meno ridisegnate della precedente categoria LMP1 e anche l’americana Glickenhaus ha un design molto conservativo.

Peugeot si è occupata del nuovo design e la nuova 9X8 ha adottato fin dall’inizio la forma non convenzionale senza spoiler posteriore.

“Sebbene molti dei progetti nella nostra competizione interna fossero molto buoni, la decisione è stata presa in tempi relativamente brevi. Ha completamente cambiato i principi della precedente generazione di auto da endurance. L’auto progettata era meno una speciale da corsa e più un’auto Peugeot”, ha affermato Matthias Hossann, capo progettista della Peugeot.

I francesi hanno assunto piloti esperti per la loro squadra, inclusi gli ex piloti di F1 Jean-Erik Vergne e Paul di Restyl. Svolgono accurati test della forcella a sei cilindri con doppio turbocompressore e motore elettrico ibrido con una potenza di 200 kW.

L’unico tentativo di macchina perfetta

È la tecnologia ibrida destinata ad attirare grandi nomi nel mondo delle gare di resistenza. Allo stesso tempo, tuttavia, le nuove tecnologie devono essere combinate con gli sforzi per ridurre al minimo i costi. Ciò significa che solo un numero molto limitato di miglioramenti può essere apportato dopo l’omologazione.

E qui sta l’ostacolo. Se ingegneri e tecnici “riuscissero” in un fondamentale difetto di progettazione, l’auto sarebbe svantaggiata rispetto alla concorrenza per molto tempo.

Nissan GTR LM Nismo Foto: Nismo

Basti pensare all’esperimento di Nissan con il motore all’anteriore della GTR LM Nismo, finito in totale cedimento sul circuito sette anni fa. E questo è un prezzo che nessuno può permettersi oggi. Nemmeno il colosso aziendale Stellantis, di cui Peugeot appartiene.

La dirigenza della serie FIA ​​WEC ha chiarito ai francesi a febbraio che se avessero voluto andare a Le Mans all’inizio di giugno, avrebbero dovuto presentarsi a Spa-Francorchamps almeno cinque settimane prima. Tuttavia, ciò ridurrebbe il prezioso tempo di preparazione.

La Peugeot ha esitato a lungo, il promotore dell’ACO ha persino posticipato la scadenza delle domande per la leggendaria 24 ore di quest’anno per colpa tua (e anche per l’incertezza che circonda la scuderia russa G-Drive). Alla fine, però, nel sobborgo parigino di Vélizy è stata presa una decisione: “Quest’anno non andremo a Le Mans”.

La concorrenza non dorme mai

La prima è attualmente prevista per la prossima gara del Campionato del Mondo a Monza, in Italia. Si svolge a luglio.

Si tratta nientemeno che di una buona reputazione. Del resto, l’ultima apparizione della Peugeot dopo il trionfo del 2009 si è conclusa proprio per problemi tecnici. Inoltre la concorrenza non dorme mai ed è impegnata a testare le proprie vetture, che saranno pronte solo per la stagione 2023.

Ciò darebbe a Porsche, Ferrari o Cadillac molto più tempo per testare le loro speciali e quindi più opportunità per identificare possibili “mosche”.

Il comportamento dei capi del dipartimento sportivo del marchio francese dimostra che anche la tattica e l’allenamento giocano un ruolo importante nel motorsport. Dopotutto, uno dei detti più popolari tra i corridori di distanza è: “Per finire primo, devi arrivare primo”.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.