Scade l’ultimatum russo ai difensori del Mariupol, nuovo colpo vicino a Kiev

Gli ultimi difensori ucraini di Mariupol domenica sembravano aver ignorato l’ultimatum della Russia, che li invitava a deporre le armi ed evacuare questo porto strategico nel sud-est dell’Ucraina, la cui cattura segnerebbe una vittoria fondamentale per Mosca.

Le forze russe hanno anche annunciato di aver bombardato una nuova fabbrica di armi vicino a Kiev per il terzo giorno consecutivo domenica, rendendosi conto della loro minaccia di intensificare i loro attacchi contro la capitale ucraina dopo che l’ammiraglia della loro flotta era stata distrutta in mare.

Mentre gli ucraini celebrano la Domenica delle Palme, Papa Francesco ha invitato i leader a “ascoltare il grido di pace del popolo” in questa “Pasqua di guerra”, riferendosi ancora una volta all’Ucraina “martirizzata”.

A Mariupol, che le forze armate russe controllano quasi completamente dopo pesanti combattimenti, ad eccezione di una sacca di resistenza, la situazione è “disumana”, ha affermato sabato sera il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.

Ha invitato l’Occidente a fornire “immediatamente” le armi pesanti che sono state richieste per settimane e ha minacciato di interrompere i negoziati di pace con Mosca se gli ultimi soldati ucraini a Mariupol fossero stati “eliminati”.

Il ministero della Difesa russo aveva ordinato agli ultimi militanti ucraini rintanati nel complesso metallurgico dell’Azovstal di porre fine ai combattimenti entro le 6:00 ora di Mosca (03:00 GMT) di domenica e di evacuare il sito prima delle 13:00 (1000 GMT).

“Tutti coloro che hanno rinunciato alle armi avranno la vita salvata”, ha assicurato il ministero su Telegram. “È la sua unica possibilità.”

Ma l’ultimatum è scaduto e Mosca ha accusato Kiev di vietare i “negoziati per la resa” delle sue truppe, secondo il ministero della Difesa russo.

Domenica mattina presto, lo stato maggiore ucraino ha indicato che gli attacchi aerei sulla città erano stati effettuati dai russi, in particolare dalla regione di Donetsk. Ha anche menzionato “operazioni d’assalto vicino al porto” senza ulteriori dettagli.

La presa di questa città sarebbe un’importante vittoria per i russi, in quanto consentirebbe loro di consolidare le loro conquiste territoriali sulla costa lungo il Mar d’Azov, fondendo la regione del Donbass, parzialmente controllata dai loro sostenitori, con quella di Mosca annessa Crimea aderire nel 2014.

– Putin “crede di vincere la guerra” –

Secondo il cancelliere austriaco Karl Nehammer, che lunedì ha incontrato Vladimir Putin a Mosca, il presidente russo crede di vincere la guerra scatenata dall’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio.

“Penso che ora sia nella sua logica di guerra”, ha detto Nehammer in un’intervista con la NBC, estratti di cui sono stati rilasciati sabato. “Penso che pensi di vincere la guerra.”

Da parte sua, il premier italiano Mario Draghi, in un’intervista di domenica al quotidiano Il Corriere della Sera, ha deplorato l’apparente inefficacia del “dialogo” con Vladimir Putin e ha osservato che questi contatti non hanno impedito lo “spaventoso”. Ucraina.

“La situazione a Mariupol rimane quanto più grave possibile. Semplicemente disumano”, ha detto Volodymyr Zelenskyy in un videomessaggio.

Secondo lui, ci sono solo “due opzioni”: o gli occidentali forniscano immediatamente armi pesanti per aiutarlo a revocare l’assedio di Mariupol, casa di 441.000 persone prima dell’invasione del 24 febbraio, oppure lo aiutino a negoziare la cessazione dei combattimenti per raggiungere .

– Civili affamati –

“Non c’è cibo, acqua, medicine”, ha detto entusiasta dei media, accusando i russi di “rifiutarsi” di allestire corridoi umanitari.

Secondo il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale David Beasley, più di 100.000 civili a Mariupol sono a rischio di fame perché mancano anche di acqua e di una fonte di calore.

Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk domenica ha chiesto l’apertura di una via di evacuazione per i soldati feriti da Mariupol.

Allo stesso tempo, ha annunciato la sospensione dei corridoi umanitari per l’evacuazione dei civili dall’Ucraina orientale, a causa del mancato raggiungimento di un accordo di cessate il fuoco con l’esercito russo.

Nella regione di Kiev, il ministero della Difesa russo ha annunciato domenica di aver lanciato missili ad alta precisione contro una fabbrica di munizioni vicino a Brovary.

Il sindaco di Brovary Igor Sapojko ha affermato nelle prime ore di domenica che “alcune infrastrutture sono state colpite”.

Negli ultimi tre giorni, dopo aver distrutto l’incrociatore Moskva nel Mar Nero, le forze russe hanno effettuato diversi attacchi a fabbriche militari a Kiev e nell’area circostante.

Gli ucraini affermano di aver causato l’affondamento grazie ai loro missili antinave Nettuno. Il Pentagono è d’accordo, affermando che la nave russa è stata colpita da due missili ucraini giovedì.

Una versione che le autorità russe non hanno ufficialmente avallato e che si limita a evocare un incendio che ha provocato l’esplosione di munizioni a bordo dell’edificio, affondato poche ore dopo durante il traino.

Tuttavia, Mosca ha messo in guardia dall’intensificare i suoi scioperi contro la capitale ucraina.

Un attacco russo venerdì ha colpito un complesso nella regione di Kiev che produce razzi Neptun.

E sabato, una persona è stata uccisa e “diverse” hanno richiesto il ricovero in ospedale dopo che un complesso industriale nel distretto di Darnytsky alla periferia di Kiev, che produce principalmente carri armati, è stato attaccato, ha detto il sindaco della capitale Vitali Klitschko.

Kiev e i suoi dintorni erano rimasti relativamente illesi dai bombardamenti da quando l’esercito russo si era ritirato dall’area alla fine di marzo, ma la perdita del fiume Moscova ha acceso l’ira di Mosca.

Nella regione di Odessa, nell’Ucraina meridionale, “le difese antiaeree russe hanno abbattuto un aereo da trasporto militare ucraino che trasportava una grande quantità di armi spedite in Ucraina dai paesi occidentali”, ha confermato sabato il ministero della Difesa russo.

– Prega “per la vittoria” –

A Kramatorsk, nell’Ucraina orientale, circa 40 fedeli, per lo più donne, hanno assistito alla liturgia della Domenica delle Palme presso la Chiesa ortodossa Svyato Pokrovsky, ha riferito un giornalista dell’AFP.

“È dura, molto dura e spaventosa in questo momento”, ha detto una donna mentre arrivava davanti all’edificio di mattoni rossi con quattro cupole dorate. “Dobbiamo pregare per i nostri soldati perché abbiano forza e fede, questo è necessario”, ha aggiunto, rifiutando di dare il suo nome.

Anche a Lemberg, nell’ovest del Paese, relativamente poco toccato dai combattimenti, i fedeli hanno celebrato la Domenica delle Palme. Natalia Borysiuk, una donna di 29 anni che lavora nel settore dell’informatica, teneva un mazzo di salici e grano legato con un nastro blu e giallo, i colori della bandiera ucraina. Ha detto di essere venuta a pregare per “pace e vittoria”.

Quasi cinque milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina dal 24 febbraio, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, aggiungendo che altre 40.200 persone sono fuggite dal loro Paese nelle ultime 24 ore.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.