sci e snowboard. In pista con le squadre francesi a Les Deux-Alpes

Come sempre a quest’ora, la sveglia è suonata molto presto. Molto presto. Ci vuole sempre tempo per salire in cima al ghiacciaio delle Deux-Alpes con il Jandry Express. I Blues passano in vantaggio davanti agli allenatori in formazione dell’ENSA, l’orda di giovani dei club italiani. Primi in fila, sono atterrati sulle alte vette a oltre 3200 m prima delle 7 del mattino, con in lontananza la vista del Monte Bianco. Per trovare le migliori condizioni possibili, anche quando il caldo ha distrutto il fondo del ghiacciaio.

I corridoi di formazione vengono rapidamente allestiti uno accanto all’altro per l’intera larghezza. Le Alpi accelerano il movimento. I colossi del gruppo tecnico, Clara Direz e Coralie Frasse-Sombet, hanno allegramente prestato la loro gigantesca pista a Matthieu Bailet, venuto a “torcere” e domare le sue nuove coppie di Head, sotto l’occhio vigile di Yannick Bertrand, l’allenatore del gruppo velocità.

In una ripresa ritardata, Tessa Worley sta continuando la sua formazione nella porta accanto. Casualmente. Offrirà due passaggi in versione accelerata senza le enormi porte di fine mattinata. “Sono davvero felice di essere qui”, si entusiasma la Bornandine, vincitrice del Giant Globe della scorsa stagione, che a fine luglio farà la sua “buona guarigione” a Cervinia (Italia).

“Ho dovuto tendere alcuni muscoli e rimettermi gli scarponi da sci. “Gli basteranno due giorni (martedì e mercoledì). Come i suoi partner, Tessa Worley continuerà lunedì con la preparazione fisica, un tema estivo comune.

Gruppi femminili quasi completi

Anche il gruppo velocità femminile non è da meno con un SuperG a 50 m in pista. “Cerchiamo di trascrivere il lavoro fisico sugli sci, ma è difficile dire che useremo questo sci in inverno”, sottolinea Marco Viale, il capogruppo, rilassato quando vede Romane Miradoli e Laura Gauché smontare quella che dura una terza settimana lo stage. Tocchiamo la neve, è sempre interessante, anche se non indispensabile. »

Mentre il belga Armand Marchant si è invitato con le giovani del Comitato Savoiardo, in gioco le nuove donne così come il girone femminile B. Le maniche si susseguono. anche le istruzioni.

Cyril Vieux, leader del gruppo velocità B, è arrivato con un’unità leggera: Louis Tuaire, reduce dall’infortunio al ginocchio, e Victor Schuller, che sta spingendo al limite con i suoi nuovi sci Atomic. Solo questa settimana ha rilevato la sede anche il gruppo tecnologico della Coppa dei Campioni. Questo mercoledì, le truppe di Sébastien Brenier hanno concluso la loro seconda giornata con lo slalom in programma e piccoli obiettivi. Giovedì sarà fantastico. E nel pomeriggio il beach volley. “Veniamo da quattro settimane di “preparazione” al CNE di Albertville”, precisa Guerlain Favre. Ma è ancora buono. »

Tutti a bordo

Un po’ più a sinistra (affacciato sulla vallata) si trova lo Snowpark, parco giochi per gli specialisti di skicross e snowboard cross per la loro ultima settimana sul ghiacciaio del Dauphiné.

Con i corsi completati per l’apertura del prossimo Mondiale per entrambe le discipline, i Blues stanno lavorando sulle partenze sulla linea di partenza e su un boarder (accorciato da settimane di allenamento con gli Heat). “È una lunghezza molto rara su un ghiacciaio”, ha detto Chloé Trespeuch, la campionessa olimpica di snowboard cross. Fa ancora bene alle gambe! Potremmo fare tempi sul giro e gare di bob a quattro. »

Anche Michel Lucatelli, ex e nuovo boss dello ski cross, sta seguendo da vicino i Blues, senza Nicolas Raffort (colpito al ginocchio) e i due tauliers Bastien Midol e Terence Tchiknavorian, rimasti in preparazione fisica questa settimana. Con Fabien Bertrand, Freestyle Director, ha provato un nuovo strumento di lavoro, un sistema video per registrare tutti i passaggi e vederli in tempo reale. Sylvain Miaillier, una nuova aggiunta alla squadra, si è rapidamente fatto un nome.

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.