Sono passati 98 anni dal primo duello tra la Fiat Mefistofele e il Delage V12 “La Torpille”

Ci sono tutti i tipi di momenti memorabili nel motorsport e in un giorno come oggi, 98 anni face n’è stato uno straordinario per la Fiat e per la storia dei record di velocità: il primo duello tra la Fiat Mefistofele e la Delage V12 “La Torpille”.

Per capire cosa è successo, devi prima conoscere le circostanze in cui è nata questa vettura da corsa Fiat. Nel suo design, ha giocato un ruolo importante Ernest Eldridge, un giovane di nobile famiglia che abbandonò la scuola per combattere nella prima guerra mondiale. Le sue passioni includevano l’aviazione e gli sport motoristici, quindi si è concentrato lì dopo la guerra.

Il desiderio di realizzare qualcosa di grande era tale che gli venne un’idea: stabilire un record mondiale di velocità. Per fare questo, ha pensato di aggiungere la sua altra passione, gli aeroplani, al mix, quindi ha provato ad adattare un motore di aeroplano a un’auto.

Un’auto con il motore di un aeroplano

Questo è ciò che fece nel 1921 con a vettura associata ad un blocco da 240 cv fino a 150 km/h. Tuttavia, erano ancora necessari miglioramenti. Eldridge decise quindi di acquistare un’auto da corsa del 1907: a fiat sb4. Inoltre, è stato realizzato anche con a Blocco Fiat A.1un sei cilindri che veniva normalmente utilizzato nei bombardieri come il Caproni Ca.44.

Questa combinazione era già accattivante, ma era necessario apportare alcune modifiche. Nella parte meccanica, gli inglesi pensarono di modificare i cilindri, in modo che potessero avere quattro valvole con Candele Magneti Marelli. Allo stesso modo, per la carrozzeria, ha utilizzato un vecchio autobus londinese che era stato danneggiato.

Non c’è dubbio che la fabbricazione di questa vettura sia stata fatta a mano, ma il risultato è stato sorprendente. Al di là del cambiamento estetico, il Motore Fiat Mefistofele ora consegnato 350 CV a 1.800 giri/min, che emetteva anche un suono forte e inconfondibile. È per questo motivo che ha ricevuto il cognome con cui è conosciuto.

Con questo, l’auto aveva le qualità per battere il record di velocità e la firma di Delage, insieme al suo pilota Renè Tommaso, sfidò Ernest Eldridge. La sfida era semplice: il 5 luglio 1924, sulla Route Nationale 20 vicino ad Arpajon (Francia), i due dovettero gareggiare per battere il record di velocità. Eldridge guiderebbe la Fiat, mentre Thomas guiderebbe la Delage V12 “Il siluro”.

Entrambe le auto avevano 350 cavalli, oltre a ottimi piloti al volante. Dopotutto, René Thomas è riuscito a vincere più volte la 500 Miglia di Indianapolis. La battaglia era serrata e tutto poteva succedere.

Nel suo tentativo, il Fiat Mefistofele ha firmato una velocità di 230,55 km/h, che era un nuovo record. Tuttavia, un requisito per contare questa cifra è che l’auto abbia un meccanismo per guidare in retromarcia. L’auto italiana non ce l’aveva e, dopo la protesta di Delage, questo record non era valido.

Il giorno dopo, Thomas ha fatto il suo tentativo e ha impostato una velocità di 230,63 km/hMa la competizione non si è fermata qui. Eldridge ha aggiunto un dispositivo di rinculo alla sua auto con l’aiuto di un fabbro e il 12 luglio ha nuovamente tentato di rompere il segno. Riuscì quindi a raggiungere 234,98 km/h.

Questa volta, tutto era andato secondo le regole. Per questo il pilota e il Mefistofele sono passati alla storia. In effetti, è stato l’ultimo record di velocità battuto su strada, quindi sono ancora validi le due cifre poi segnano: 234,98 km/h – nel primo km partendo da una fermata- e 234,75 km/h – nel primo miglio partendo da una fermata-.

Lino Siciliani

"Guru del cibo. Tipico evangelista dell'alcol. Esperto di musica. Aspirante sostenitore di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.