Sport, unità e condivisione ad Orano per la 19a edizione dei Giochi del Mediterraneo

il 19 Giochi del Mediterraneo sono stati lanciati il ​​25 giugno 2022 da Orano, Algeria.

Questo evento multisport, dove più di 3.000 atleti provenienti da 26 paesi del Mediterraneo, inaugurato in una notte d’estate nel magnifico Stadio Olimpico della seconda città più grande dell’Algeria. La sede ha accolto 40.000 fortunati che hanno assistito dal vivo alla cerimonia di apertura.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza anche per assistere all’attesissimo evento sportivo e per accogliere visitatori provenienti dall’Africa e dall’Europa.

Vengo da Orano e sono venuto da Varsavia in Polonia per prendere parte ai giochi”, dice un uomo. “Per noi di Orano è motivo di orgoglio, per l’Algeria ospitare questi Giochi del Mediterraneo, è qualcosa di speciale. È grande !‘ aggiunge una giovane donna.

Una grande cerimonia di inaugurazione

È una seconda organizzazione per l’Algeria dopo i Giochi del Mediterraneo del 1975, tenuti nella capitale Algeri. Al questa edizione 2022è stata organizzata una magnifica cerimonia di apertura con centinaia di artisti, musicisti e ballerini. L’Algeria, i suoi paesaggi, la sua storia e la sua influenza sul Mediterraneo sono stati al centro di questo spettacolo di due ore che si è svolto nello stadio Miloud Adefi da Orano.

Le delegazioni dei 26 paesi partecipanti hanno sfilato in un’atmosfera pazzesca. Come vuole la tradizione, la delegazione greca, culla dei Giochi Olimpici, è stata la prima ad entrare nell’arena.

La delegazione algerina ha ricevuto una calorosa ovazione dal pubblico locale. Tra gli atleti soprattutto i pugili Imane Kehlif incoronato secondo classificato campione del mondo nella categoria 63 kg lo scorso maggio. Era molto orgogliosa di essere la portabandiera della sua delegazione alla cerimonia di apertura dei Giochi di Oran.

Sono molto felice, sono orgoglioso che il mio paese stia ospitando questi Giochi del Mediterraneo. Posso dirvi che l’intero bacino del Mediterraneo è nel mio paese. Come atleti, ci sentiamo come una famiglia. Noi atleti di biliardo, provenienti da Italia, Spagna, Egitto, Tunisia, formiamo un’unica e stessa nazione”.espresso l’atleta 23enne.

giochi di unità

Unità. Questo è il motto di questi giochi, che uniscono tre continenti, Africa, Asia ed Europa. Culture, religioni, lingue e costumi diversi si incontrano in questa competizione.

Quando lo sport conta, la condivisione è fondamentale, come ha spiegato il Presidente del Comitato Internazionale per i Giochi del Mediterraneo, David Tizzano : “C’è una grande diversità tra i popoli del Mediterraneo, ma c’è una grande unità e lo sport sta diventando un filo conduttore che unisce i giovani. Affinché emergano valori importanti che sono i pilastri del movimento sportivo, come stare insieme, scoprire nuove culture, mescolarsi con altre popolazioni; capire anche che non esiste un mondo separato e che non tutto ruota intorno a noi. Ci sono diversi mondi e ognuno ha il suo, ma è necessario unirsi“, lui dice.

punto d’incontro

Per 12 giorni gli atleti vivono in un “villaggio mediterraneoNasce per l’occasione e si estende su 39 ettari. Gli atleti dormono, mangiano, ma si allenano anche in apposite stanze. Ogni nazione ha il proprio edificio, ma se si incrociano per le strade del paese i giovani atleti possono arrivarci e connettersi tra loro nonostante culture e tradizioni diverse.

Tutti noi vogliamo vincere il D-Day, ma alla fine ci abbracciamo tutti e ci rispettiamo, e questa è la vera vittoria. Perché arriva un momento in cui la vita sportiva perde terreno, ma i rapporti umani che hai stretto con le persone con cui hai combattuto sul tatami, sul ring o altrove resistono. E dobbiamo continuare così per la prossima generazione“, Esprimere Luigi BusaKarateka italiano, sbandieratore e campione olimpico a Tokyo 2020.

soddisfazione dell’atleta

Questo evento sportivo si svolge in 37 sedi sparse per la città e dintorni. Alcune infrastrutture sono nuove di zecca, altre sono state rinnovate per gare e allenamenti. Il lavoro è durato anni e tutti sembrano contenti del risultato. In ogni caso, gli atleti all’inizio sembrano essere preoccupati.

È vero che l’organizzazione è diversa rispetto alle altre competizioni a cui partecipiamo da pallavolisti, ma per il momento siamo davvero felici di essere qui. Vogliamo scoprire tutto, divertirci e rendere felici le persone attraverso lo sport.” assicura il pallavolista e portabandiera francese, Luca Base.

Le competizioni sportive e lo spettacolo proseguiranno ad Orano fino al 6 luglio.

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.