Švarm: la politica di Vučić: abbandonare la Russia, ma non sembrare così

Il caporedattore del settimanale Vreme, Filip Švarm, dice di non aspettarsi tempi difficili: «sono arrivati, la Serbia, insieme al mondo intero, si è trovata in una situazione inimmaginabile prima del 24 febbraio (quando il invasione dell’Ucraina) Aggiunge che “c’è una grande crisi economica dietro la collina, temo che la guerra in Ucraina possa durare anche anni”. guerra in Ucraina o le sanzioni contro la Russia, “tutto è considerato secondo la nota del (presidente Aleksandar) Vučić”. Dice anche che “la Serbia manda il messaggio che non abbiamo valori nostri, che stiamo trattando guerra in Ucraina e la decisione strategica di entrare nell’Ue non come valori in sé, ma come qualcosa con cui scambiare”. pensa che l’attuale politica di Vučić sia quella di rinunciare alla Russia e a Putin, ma non sembra Quello.

In N1 Studio Live valuta che “questo tipo di russofilia, o meglio putinofilia, è stato creato dal partito al governo e da Vučić”.

Dice che uno dei motivi del rinvio delle sanzioni contro la Russia è che, “sebbene il SNS non abbia fatto molti riferimenti alla Russia nella campagna precedente, ma il suo lavoro passato, scrivere tabloid, ha portato la maggior parte dei suoi elettori a guardare a Russia.”

Aggiunge che il motivo è che la Serbia è completamente dipendente dalla Russia per l’energia, cioè gas e petrolio. Dice che anche Slovacchia, Ungheria e Bulgaria dipendono molto dalle fonti energetiche russe, ma sono nell’UE e troveranno molto più facili canali di approvvigionamento alternativi.

E, infine, sottolinea che «dopo tutta la politica che ha fatto, Vučić non è uno che porta cattive notizie, porta solo buone notizie, che qualcosa è diventato più economico, i prezzi della benzina si invertono.

“Ha bisogno di una sorta di alibi per voltarsi”. La Serbia si trova di fronte a un dilemma cruciale: sarà un buco nero nei Balcani o si dirigerà verso l’Ue”.

Aggiunge che “al momento guadagneranno tempo e cercheranno di mettere le mani su Putin e sulla Russia, ma non sembra così, penso che al momento sia la politica di Vučić”.

“Se la Serbia ha un posto nell’Ue, rispettiamo questi valori europei, non solo in politica estera, ma anche in quella interna”. Non puoi imporre sanzioni alla Russia da un giorno all’altro e governare come Putin nella politica interna”, valuta Švarm e aggiunge che la Serbia ha bisogno di riforme radicali per entrare nell’UE.

“Non c’è solo una questione di pressioni da parte di Bruxelles o Berlino, ma anche dei cittadini della Serbia: devono mostrare in che tipo di paese vogliono vivere”, afferma Švarm.

Sottolineando di essere sicuro che la Serbia sia sotto pressione, dice che “nessuno vuole lasciare la Serbia come potenziale filiale russa, nessuno lo vuole nemmeno in Serbia, credo”.

Pensa anche che Vučić dovrebbe iniziare a condividere la responsabilità con altri soggetti politici, perché “il suo monologo non può più sopravvivere in questo momento”.

Parlando del nuovo governo, dice “non abbiamo indicazioni su quando sarà formato il governo o chi sarà al suo interno, ora viviamo in una sorta di vuoto”.

“Non credo che il nuovo governo possa essere a lungo termine, è stato eletto quando c’era una sola realtà in Serbia e nel mondo”. Una nuova realtà attende la Serbia in Europa, nella regione e nel mondo, e un governo composto da rappresentanti del SNS e dell’SPS, che ha avuto tante fratture, non potrà svolgere pienamente il suo mandato, quindi le elezioni sono possibili tra un anno e mezzo o due”, dice Švarm.

Aggiunge anche che Vučić è colui che decide il nuovo governo, e per questo non crede che ci saranno grandi cambiamenti nel suo lavoro. Secondo lui, questo lo farà sicuramente il Sns con i partiti di minoranza, ma “bisogna vedere cosa accadrà con l’Sps, se saranno al governo”.

Sottolineando che l’SPS ha bisogno dell’SNS per formare un nuovo governo, ritiene che la questione principale sarà l’energia, tradizionalmente detenuta dall’SPS, e che questa sarà la sua condizione per entrare nel governo.

Per quanto riguarda l’opposizione e il motivo per cui non hanno annunciato nulla dopo le elezioni, dice che sono “in contrasto reciproco, si odiano, ovviamente non possono essere d’accordo su nessuna decisione”.

“La fase di attesa è cruciale, l’opposizione sa che l’atteggiamento nei confronti dell’Ucraina, le sanzioni contro la Russia sono cruciali”. Stanno aspettando e, quando succede, salteranno fuori dalla scatola come quel raccoglitore. L’opposizione deve dire cosa pensa di tutto, e penso sia molto importante che sia l’opposizione a spingere per costringere il governo ad adottare i valori europei il più rapidamente possibile. “Di certo non ce la farà badando a se stesso e restando in silenzio, come accade dopo le elezioni”, conclude Schwarm.

Guarda la conversazione completa su N1 Studio Live:

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.