Toni Servillo sottolinea il messaggio contro la guerra di “Ariaferma” | cultura e divertimento

L’attore italiano Toni Servillo, noto per il suo lavoro al fianco di Paolo Sorrentino da “La gran Belleza” al recente “Fue la mano de Dios”, lancia un messaggio contro la guerra in “Ariaferma”, un dramma carcerario scritto e diretto da Leonardo di Costanzo che arriva questo venerdì nei cinema spagnoli.

“Il film contiene un eloquente gesto di misericordia quando le parti opposte sono invitate a sedersi allo stesso tavolo e trovare un modo per stare insieme senza ricorrere alla violenza, speriamo che qualcosa del genere possa accadere nella guerra in corso”, dice in riferimento all’invasione russa dell’Ucraina.

La trama di “Ariaferma” è ambientata in un ex carcere in via di sfratto quando un ordine dell’ultimo minuto costringe dodici detenuti e una manciata di guardie a rimanere lì, una decisione presumibilmente provvisoria ma senza una data di fine che li sospende in una bolla dove le regole fondersi e dove si forgiano nuove relazioni.

Servillo, che ha dato vita sullo schermo ad alcuni dei più importanti politici dell’Italia contemporanea come Andreotti (“Il Divo”, 2008) o Berlusconi (“Silvio e altri”, 2018), è in “Ariaferma” l’ufficiale penitenziario che resta comanda e mantiene il polso dell’autorità con un boss mafioso interpretato da Silvio Orlando, un altro gigante della recitazione napoletana.

“È stato molto piacevole condividere questa esperienza con Silvio”, racconta Servillo in un’intervista telefonica, abbiamo molto in comune, abbiamo alternato carriere cinematografiche e teatrali ed è stato affascinante coincidere per la prima volta e anche con un tipo di personaggio che non abbiamo mai fatto prima”.

In effetti, il regista inizialmente aveva proposto che Servillo fosse il gangster e Orlando il funzionario. “Nelle prove precedenti, ci siamo immersi molto profondamente nello stile di vita carcerario e nel rapporto prigioniero-guardia e abbiamo immaginato che sarebbe stato più eccitante cambiare ruolo, piuttosto che il disagio di interpretare ruoli a cui non siamo abituati ci avrebbe portato a dare di più di noi stessi”.

Le riprese si sono svolte in un vero carcere abbandonato da un decennio e hanno lavorato al casting con attori non professionisti, tra cui alcuni ex detenuti. “La precedente stagione di prove ci ha permesso di conoscerci, condividere esperienze e conoscere meglio la realtà di un carcere”, spiega Servillo.

In questo senso, sottolinea la frustrazione di essere rinchiuso “senza prospettiva né speranza” e sostiene il carcere come luogo di reinserimento.

“Se il carcere non offre un’opportunità di salvataggio, il senso della vita è perso perché si trascorrono molte ore senza fare nulla, senza sapere nulla, senza prospettiva o speranza, ed è terribile, distrugge la personalità”, dice.

“Nella società civile, il carcere dovrebbe offrire ai detenuti l’opportunità di riconsiderare la propria vita, la propria personalità, di riflettere sui propri errori e di avere una nuova opportunità”, aggiunge.

La carriera di Servillo è stata legata a quella di Paolo Sorrentino sin dalla sua creazione da quando è stato protagonista del suo primo film, “Un hombre de más” (2001) ma se qualcuno dei suoi lavori è stato determinante per l’attore, è il playboy Jep Gambardella del Film vincitore dell’Oscar “La grande bellezza” (2013).

“Gambardella era un personaggio dal carattere profondamente italiano che ha avuto un enorme riconoscimento internazionale ed è un grande piacere per un attore essere riconosciuto da un personaggio che fa parte della sua stessa cultura”, dice.

L’intimità della sua relazione con Sorrentino è testimoniata dal fatto che il regista lo ha scelto per interpretare suo padre in “Era la mano di Dio” (2021), un film basato sulla sua vita.

“Il nostro rapporto non è solo professionale, va oltre, è più profondo, abbiamo vissuto molte cose insieme, fare il primo film, vincere a Cannes, un Oscar… queste sono cose che hanno significato molto per noi. uniti, si potrebbe dire che siamo cresciuti insieme”.

Madeleine Tsani

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.