Tutti i colori del telegiornale di Bruxelles

Vestita con i colori dell’Ucraina, una giacca gialla e una maglia blu, Ursula von der Layen ha annunciato la notizia, cosa che non è avvenuta venerdì, che la Commissione europea ha raccomandato all’UE di concedere all’Ucraina lo status di candidato. Anche la Moldova era nella lista, ma in qualche modo è sfuggita al radar del pubblico. Mustuluk è stato rubato il giorno prima dai presidenti della Commissione Europea, Olaf Scholz, Emanuel Macron e Mario Draghi. Il Cancelliere tedesco, il Presidente francese e il Primo Ministro italiano si sono recati a Kiev con il treno notturno, che è diventato un mezzo di trasporto regolare per i leader mondiali, portando la notizia a Vladimir Zelensky. Il giorno dopo, il primo ministro britannico Boris Johnson si è incontrato lì allo stesso modo.

NEGOZIATI O GUERRA – LA DOMANDA E’ ORA: Tuttavia, la notizia, come spesso accade quando viene portata dai leader occidentali, è stata cucita con un’aggiunta. Con tutta la solidarietà con l’Ucraina, i più influenti politici occidentali hanno chiesto a Zelensky di tornare al tavolo dei negoziati con la Russia. Gli sembra che la richiesta non sia stata del tutto di suo gradimento. Ora avrebbe preferito che i suoi ospiti gli portassero un mazzo di chiavi per i carri armati. Tuttavia, nonostante il grido di “Gloria all’Ucraina”, con il quale ha voluto ancora rafforzare la sua solidarietà con gli ucraini, Scholz è rimasto spietato. Non ha promesso all’ospite le armi a lungo raggio richieste dal momento in cui si svolgeranno le battaglie decisive per il Donbass.

Il più grande sostenitore del dialogo con Mosca è Macron. Non lo ha nascosto nemmeno a kyiv, dove ha annunciato la possibilità di andare a negoziare con Vladimir Putin, ma con certi gesti del presidente russo ha detto che non sarebbe andato “così”.

Zelensky gli ha chiesto se Putin fosse “pronto a sentire qualcosa”.

Alcuni hanno sentito la sua recente dichiarazione secondo cui “è fondamentale non umiliare il presidente russo”.

E poiché sempre di più, soprattutto dopo la dichiarazione dell’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, si parla se l’Ucraina debba fare concessioni territoriali alla Russia, Macron ha detto a Kiev che spetta all’Ucraina decidere in merito e ha affermato che Francia e Germania lo faranno non tenere colloqui di tregua con la Russia invece che con l’Ucraina.

VOLANO LE PORTE DELLE CASE INVERNALI: l’Europa è stata colpita da un’ondata di caldo prima del solito, ma molte persone nell’Europa occidentale hanno a che fare con immagini invernali. Preoccupazione si insinuò tra tedeschi, francesi, italiani, austriaci, slovacchi… e molti altri, per i quali “Gazprom” iniziò lentamente a chiudere i rubinetti, uno dopo l’altro. Ovviamente, non erano pronti per una rappresaglia di Mosca così forte, anche se hanno annunciato subito una serie di sanzioni. Attualmente hanno consegnato sei di questi pacchetti. Tuttavia, non hanno impedito alla Russia di vendere ciò di cui aveva bisogno: il gas. Il Primo Ministro italiano era così arrabbiato che ha detto che “Gazprom” stava mentendo quando ha detto che le consegne erano state ridotte per motivi tecnici. C’è panico anche negli Stati Uniti, anche se gli Stati Uniti hanno continuato a importare gas e petrolio russi. “La Russia fornisce stabilità ai suoi amici”, ha detto il direttore di Gazprom Alexei Miller.

SONO UNA SPIA, DI CUI SONO ORGOGLIOSO: Mentre le sanzioni sono tornate in Europa come un boomerang, in molti paesi, un po’ noiosi per gli “standard” balcanici, è iniziata la “cucina”. Così, il servizio di sicurezza norvegese, emblematico del PST, ha deciso di “mettere a tacere” gli scontenti di non attraversare il confine e “radicalizzare”. Secondo la ricetta “Balkan Spy”, hanno invitato i cittadini ad alzare il telefono e denunciare un vicino, parente o conoscente se conoscono qualcuno che critica la crisi e ne accusa potenti politici. Quindi, se osi esprimere pubblicamente la tua frustrazione per bollette elettriche elevate, carburante costoso e continuare a sostenere che la colpa è di chi detiene il potere, rischi che la polizia segreta bussi alla tua porta.

Molti norvegesi esprimono la loro frustrazione per l’aumento dei prezzi, che abbassa il livello alto a cui sono abituati, sui social media, dove chiamano i politici “traditori, bugiardi, imbroglioni, mascalzoni…”. Fino ad allora, anche la corte reale si lamentava della bolletta della luce.

‘GIUSTIZIA’ PER ASANG: Se la forte insoddisfazione per la bolletta dell’elettricità può finire dietro le sbarre, come potrebbe ancora Julian Assange lamentarsi. Sebbene molto attesa, la decisione della Gran Bretagna di estradare in America il fondatore di “Wikileaks” ha rattristato gran parte del mondo. Sebbene siano state presentate 18 accuse contro di lui negli Stati Uniti e debba affrontare 175 anni di prigione, la Gran Bretagna ha deciso di estradarlo sulla base del fatto che “non hanno ritenuto la sua estradizione punitiva, ingiusta o incompatibile con i suoi diritti umani, compreso il suo diritto a un processo equo e la libertà di espressione”.

Negli ultimi 12 anni, da quando ha iniziato a pubblicare dispacci militari e diplomatici segreti che hanno svelato i giochi dietro le quinte delle potenze mondiali, Assange è diventato un simbolo di resistenza per coloro che plasmano la vita di milioni di persone sul pianeta. Alla fine, ha dovuto lottare per la sua vita. Ultima tappa: l’America. Quello da cui ha intrapreso il percorso che ha segnato la storia.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.