Un colombiano ha simulato un rapimento per ricattare un italiano con cui aveva una relazione sentimentale

Il cittadino italiano è venuto a comprare un autocarro di lusso e ha pagato il riscatto

Questi sono brutti tempi per innamorarsi online. Dopo la visibilità acquisita dal truffatore israeliano Simon Leviev, noto come “il truffatore di Tinder”, sono stati svelati diversi casi di truffe in Colombia e nel mondo.

Un esempio è quello di un soggetto che si atteggiava a allevatore per catturare gli incauti, una facciata con cui riuscì a rubare almeno 11 milioni di pesos.

Tuttavia, nelle mani dell’ufficio del procuratore generale, un caso di amore a distanza ha cessato di essere una truffa ed è diventato una serie di crudeli estorsioni. La vittima è un italiano di 50 anni dal quale volevano rubare 120 milioni di pesos.

L’europeo ha incontrato Eber Arley Moyano Cardona, di Tolima, nato a Casablanca e dotato di grande attrattiva fisica, attraverso i social network. L’italiano non ha saputo resistere al suo fascino e ha abboccato a Moyano.

Innamorato, si è comportato con Moyano come un dolce bambino: assecondava ogni suo capriccio in cambio della sua attenzione. Secondo la radio Ondas de Ibagué, anche ilLe lasciò in eredità un lussuoso furgone Ford Edge, del valore di 161 milioni di pesos.

Qualche tempo dopo, Moyano ha affermato che il suo veicolo è stato rubato e gli chiedevano 30 milioni di pesos per il suo riscatto. Il cittadino italiano ha accettato di pagarli. Scoprendo che l’amante si fidava di lui incondizionatamente, Moyano pianificò il suo attacco finale.

Secondo l’accusa, il giovane di Tolima ha affittato una fattoria a El Salado, nella zona rurale di Ibagué, e ha convinto altre persone a fare un montaggio video: Moyano e Daniel Felipe Ocampo Olaya singhiozzavano e sarebbero picchiati da altri tre uomini —Edier Antonio Peláez Ortiz, Faber Alberto Ríos Giraldo e Juan Felipe Soto Ospina—.

Questo montaggio video è stato inviato al cittadino europeo il 21 febbraio con un messaggio in cui Gli furono richiesti 120 milioni di pesos per non porre fine alla vita del suo compagno. Successivamente hanno fatto una videochiamata per insistere sul riscatto.

l’amante italiano ha contattato GAULA dall’estero per denunciare il rapimento del suo compagno. La polizia nazionale, che prende molto sul serio i casi di rapimento, ha risolto il caso in tempi record: Moyano è stato visto lasciare il suo appartamento come tutti i giorni.

Dopo aver scoperto che si trattava di un allestimento, l’accusa li ha accusati del reato di tentata estorsione aggravata e li ha arrestati questo venerdì. Né Moyano né gli altri imputati hanno accettato le accuse alla prima udienza, ma ora hanno una misura di sicurezza intramurale e li attende un’udienza di accusa.

Le persone che erano alla prima udienza, intervistate da RCN Radio, hanno assicurato che il resto degli imputati aveva accettato di partecipare al video dell’estorsione con l’inganno: Moyano, che si presenta come influencer sui social network, ha assicurato loro che il materiale registrato lì non era altro che un contenuto scherzoso.

Accusato di complicità anche José Adán Becerra: per 240mila pesos ha affittato la fattoria Mirador del Caballo a Moyano, da dove è stato registrato il video ed è stata fatta la videochiamata, e dove lavora come caposquadra.

Tuttavia, non è stato mandato in prigione in quanto apparentemente ignaro dello scopo per cui la fattoria era stata affittata, non è vicino a Moyano e non avrebbe alcun collegamento diretto con la pianificazione e l’esecuzione dell’auto-rapimento.

CONTINUA A LEGGERE:

Dopo l’attacco informatico, Invima sarà nuovamente presente nei porti, negli aeroporti e nei valichi di frontiera
Catturano alias el Russo, capo dei sicari del Clan del Golfo e femminicidio di una bambina di sei anni

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.