Un’altra BCE, un’altra Italia IL DAILY

Mario Draghi non è diventato Presidente dell’Italia, ma rimane Primo Ministro e ha ancora il potere e l’influenza per portare avanti il ​​suo programma nell’ultimo anno del suo mandato.

Dopo sei giorni di votazioni caotiche e deliberazioni dietro le quinte, il parlamento italiano ha deciso di lasciare il presidente in carica Sergio Matarella al capo dello Stato. Nel tentativo di sbloccare la situazione e salvare la situazione, lo stesso Mario Draghi, che fino ad allora era stato considerato il favorito per la presidenza del Paese, chiamò il presidente 80enne e lo convinse a rinviare il suo ormai ben pubblicizzato piano pensionistico. Lo sviluppo inaspettato ha mostrato che il 74enne ex presidente della Bce non ha l’esperienza per gestire i conflitti politici a Roma. Quanto ha sofferto diventerà chiaro nelle prossime settimane mentre tenterà di portare avanti i suoi piani per riorganizzare l’economia italiana.

I recenti sviluppi hanno dimostrato che l’ex presidente della BCE non ha esperienza nella gestione dei conflitti politici a Roma.

Indipendentemente da come tutto ciò influisca sui suoi piani, gli investitori apprezzeranno il risultato. Lo spread obbligazionario italiano è sceso ieri di 10 punti base a 123 punti. Al momento dell’insediamento del nuovo presidente, lo spread sui titoli italiani si era allargato a 140 pb. Come sottolinea Mizuho Securities, la rielezione di Matarella segna un capovolgimento dell’incertezza politica.

Nonostante tutte le interruzioni causate dall’intero processo, Draghi controllerà la terza economia dell’eurozona per un altro anno. Da quando è entrato in carica un anno fa, Draghi ha iniziato ad attuare misure per affrontare i problemi economici dell’Italia che potrebbero aiutare il Paese a uscire da decenni di difficoltà economiche. L’Italia deve attuarlo e presentare all’UE profonde riforme strutturali per erogare oltre 200 miliardi di euro dal recovery fund. Nel frattempo, alcuni partiti politici hanno da tempo minacciato di bloccare il processo con le loro controversie prima delle elezioni federali.

I sostenitori di Draghi affermano che i partiti chiave della coalizione di governo sono stati colpiti in quanto non hanno trovato un’alternativa a Matarella e quindi si concentreranno principalmente sul tentativo di rettificare i piani del Primo Ministro italiano piuttosto che opporvisi. Anche Matteo Salvini, leader della Lega, ha detto che il dramma politico della presidenza non deve interferire con la politica del governo.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.