Guidiamo l’Alfa Romeo Tonale in Italia

Alfa Romeo debutta nella categoria C-SUV con il Tonale, un modello che… trabocca del DNA autentico del marchio a tutti i livelli.

In attesa della fine di quello che è oggettivamente il SUV più atteso dell’anno. IL Tono Alfa Romeodopo innumerevoli post sui social media e apparizioni sul web, “si imbarca” ufficialmente nella sua presentazione paneuropea a Milano, poco prima di intraprendere il suo viaggio verso i mercati dopo aver lasciato in massa nuova linea di produzione dello stabilimento Giambattista Vico di Stellantis a Pomigliano d’Arco (Napoli).

La cattiva notizia è che gli Alfisti devono aspettare ovunque fino a circa la fine di giugno per vederlo da vicino. Alcuni, ovviamente, quasi 4.000 persone impazienti l’hanno già ordinato… La buona notizia è che dopo esserci messi al volante, saremo d’accordo con i suoi creatori: è elegante, autentico, sportivo e innovativo in alcuni punti.

Il nome Tonale deriva dall’omonima traversata delle Alpi, mentre il SUV di taglia media dell’Alfa Romeo è ovviamente la continuazione dello Stelvio.

Tuttavia, qui poco è cambiato rispetto al prototipo presentato al Salone di Ginevra 2019, con il modello di serie che conferma che quanto si è poi sentito sull’approccio progettuale non è passato inosservato, dietro il quale si erge Alexandros Liokis, designer esterno senior dell’Alfa Romeo tonale.

Il suo design rimanda direttamente alla storia del marchio, con elementi come le caratteristiche ruote con i 5 fori tondi “quadrante telefonico”, la copertura goffrata del cruscotto “Cannocchiale”, il volante a tre razze e il profilo della luce.

Alfa Romeo Tonale con il “passato”

Con dimensioni esterne che lo portano dentro Cuore dei C-SUV (4,53 m di lunghezza, 1,84 m di larghezza e 1,6 m di altezza), il Tonale non dimentica il segnale che porta: la caratteristica “GT Line” nel suo profilo deriva dalla Giulia GT, mentre il volume è ispirato alla 8C Competizione.

La griglia anteriore triangolare (Trilobo) e la sua struttura di presa d’aria (Scudetto) lo rendono immediatamente riconoscibile su strada, sebbene il Tonale si adatti perfettamente ai giorni nostri con elementi come le luci tecniche Matrice full LED adattiva, ispirato a SZ Zagato e all’originale Proteo.

All’interno, dove cinque passeggeri vengono trasportati in modo relativamente confortevole senza essere disturbati dalla relativa pendenza del tetto, Ieri si incontra oggi con i dettagli come la caratteristica forma cannocchiale della copertura del cruscotto, che rimanda a due strumenti tondi analogici (in realtà digitali), così come le bocchette aria tonde e il volante sportivo a tre razze, che può essere dotato anche di paddle in alluminio a seconda la versione.

Inoltre, la dotazione di serie di Tonale include il nuovo sistema multimediale Alfa Romeo con sistema Android personalizzabile e aggiornamenti over-the-air. Il sistema include il pannello di visualizzazione completamente digitale 12,25 pollici e il suo touch screen principale 10.25″.

La qualità costruttiva e dei materiali è ai vertici della categoria, mentre dal punto di vista tecnologico Tonale offre una guida autonoma anche 2. I sistemi ADAS includono: Intelligent Adaptive Cruise Control, Lane Centering, Autonomous Emergency Braking, Drowsy Driver Detection, che avverte dell’affaticamento del guidatore e Blind Spot Detection, che rileva il movimento negli angoli ciechi e avverte contemporaneamente di manovre di parcheggio a 360 gradi -Camera.

Elettrizzata e “tradizionale”

La gamma di motori Tonale comprende entrambi ibrido, così come pversioni ibride lug-in, accanto a un motore diesel convenzionale. Il nuovo motore ibrido VGT (Variable-Geometry Turbo) di Stellantis fa la sua prima apparizione all’interno 160 CV, attualmente disponibile esclusivamente per Alfa Romeo. Il motore a benzina turbo da 1,5 litri funziona sul ciclo Miller ed è combinato con uno nuovo Cambio automatico a doppia frizione TCT a 7 rapporti e un motore elettrico 48V con efficienza 15 kW. Come in casi simili, il motore elettrico fornisce un movimento puramente elettrico a bassi carichi, ad esempio durante le partenze ai semafori o durante le manovre di parcheggio.

Alla base della gamma c’è una versione con layout e prestazioni simili 130 CV, mentre una versione sarà posizionata in alto verso la fine dell’anno Plug-in Hybrid Q4con le prestazioni 275 CV, Accelerazione 0-100 km/h a 6,2 dl. e autonomia per spostamenti puramente elettrici fino a 80 km in ambito urbano (oltre 60 km in condizioni miste). Sopra, da un motore turbo a benzina 1,3 litri e 180 cv Spostare le ruote anteriori e una Motore elettrico da 95 cv montato sull’asse posteriore. L’ibrida plug-in Tonale Q4 sarà in grado di trasmettere la trazione a tutte e quattro le ruote, indipendentemente dal livello di carica della batteria.

La gamma di motori Tonale si completa di uno 1,6 litri diesel, con le prestazioni 130 CV e 320 Nm coppiache si abbina al cambio automatico a sei marce doppia frizione Alfa Romeo TCT.

In termini di caratteristiche tecniche individuali, l’impianto frenante ha il Sistema frenante integrato per ridurre lo spazio di frenata e comprende pinze Brembo a quattro pistoncini con dischi ventilati all’anteriore e dischi pieni al posteriore.

Nella zona delle sospensioni, dove Alfa Romeo ha reclutato il team di sviluppo di Giulia GTA, GTAm e 4C per la personalizzazione, Tonale “indossa”. MacPherson si pavoneggia tutte le ruote e ammortizzatori FSD (Frequency Selective Damping) sviluppati in collaborazione con coni. Ad eccezione della Q4 ibrida plug-in, la trazione viene trasmessa alle ruote anteriori e, a seconda delle versioni, può essere controllata da un differenziale a slittamento limitato a controllo elettronico.

“Tradizionalmente” tutte le versioni di Tonale hanno driver personalizzabili tramite il sistema DNA.

Intorno al Lago di Como

Soprattutto in relazione alla versione ibrida da 160 CV, l’unica disponibile alla presentazione del Tonale Chassis a controllo elettronico “Dual Stage Valve” con due opzioni di funzionamento (Comfort, Sport).

Sulle strade del sempre trafficato Lago di Como, la prima cosa che un guidatore nota al volante di un Tonale è la sensazione di un’auto leggermente più grande della realtà, a causa delle strade soffocanti e strette e allo stesso tempo dell’ampia carreggiata (1.585 mm anteriore / 1.577 mm posteriore). La posizione di guida è probabilmente più bassa rispetto alla Cupra Formentor… pronta per la battaglia, ma grazie agli ottimi sedili in termini di supporto laterale si adatta comunque a qualsiasi tipo di corporatura.

Lo stile di Tonale lo “trovi” fin dai primi passi con le sue proprietà sospensione a maglia, che è sicuramente il suo marchio di fabbrica. Ruote e carrozzeria sono in costante contatto tra loro, mentre l’asse posteriore è insoddisfatto solo in caso di gravi difetti.

Abbiamo una riserva su questo sistema di controllo, che, sebbene abbastanza veloce e informativo, “dà” una sensazione fluida alle basse velocità, cosa che ora confermeremo sul suolo greco. Diamo un’occhiata al “rasoio” dello Stelvio destinato a fallire…

Nel complesso, si distingue principalmente il totale di 1,5 litri la sua elasticità e meno l’esplosività quando la trasmissione alleggerisce il conducente nella guida normale e su strada aperta. La discesa di due relazioni spesso si fa sentire sotto pressione, ma i cambiamenti si fanno rapidamente e non c’è motivo di ricorrere alle pagaie.

La briscola tonale è la effetto frenante, così come il consumo, che durante questo breve contatto “si è seduto” a 7 litri.

Giacinta Lettiere

"Evangelista zombi malvagio. Esperto di pancetta. Fanatico dell'alcol. Aspirante pensatore. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.