Qual è l’afasia di cui soffre l’attore hollywoodiano Bruce Willis ed è curabile?

La star di Hollywood Bruce Willis ha annunciato tramite il suo account Instagram che si ritirerà dalla recitazione dopo che gli è stata diagnosticata l’afasia, un disturbo del linguaggio che colpisce la sua capacità di comunicare. Cos’è questa malattia, perché appare e può essere curata?

Secondo il logopedista Dott. Natasa Cabarkapa è afasia, un disturbo del linguaggio e del linguaggio causato da una lesione cerebrale.

“C’è un problema con la comunicazione linguistica, la scarsa memorizzazione delle parole, la memoria uditiva e verbale, la lettura e la scrittura. Le lesioni che possono portare all’afasia includono lesioni del sistema nervoso centrale come ictus, lesioni alla testa aperte o chiuse e vari tumori che premono su alcune parti del cervello e causano vari problemi”, ha affermato. Nuovo giorno dott Khabarkapa.

Il medico ha sottolineato che, secondo alcune ricerche, questo disturbo è più comune negli uomini che nelle donne.

Nel caso di Bruce Willis in particolare, non si sa cosa abbia causato questo disturbo. dott Chabarkapa dice che ci sono dati secondo cui ultimamente ha avuto problemi a ricordare i testi dei suoi ruoli e questo era uno dei segni che stava succedendo qualcosa. Dopo di che, gli è stata diagnosticata l’afasia.

tipi di afasia

Afasia di Brock (motore) – Raramente si presenta in forma pura e quindi è una lesione cerebrale molto stretta e precisa. L’afasia di Brock è caratterizzata da: riduzione dell’espressione linguistica, una persona comprende il linguaggio, può leggere dentro di sé ma non può esprimersi con il linguaggio, il linguaggio è confuso e intermittente, disartrico, grammaticalmente organizzato e telegrafico.

I disturbi sono: leggere ad alta voce, scrivere e ripetere. Il paziente è consapevole della condizione e questo lo infastidisce. Con l’afasia motoria, il paziente comprende tutto ciò che gli viene detto o letto. La comprensione del linguaggio è preservata, ma il parlare spontaneo, cioè la formazione del pensiero linguistico, è ostacolato.

Afasia di Wernicke (sensoriale) – raramente si presenta nella sua forma pura. C’è un malinteso primario. A questo punto va notato che non si tratta di ridurre il livello di intelligenza generale. In questo caso, il disturbo della comprensione è caratterizzato dal fatto che il paziente: non capisce il parlato, parla in modo fluente e ben articolato, la sintassi è preservata, ma l’impressione generale è che il discorso sia vuoto, anche la lettura ad alta voce, la ripetizione e la denominazione sono difficili .

Nell’afasia sensoriale, il paziente non ha problemi con il linguaggio, ma manca il significato del linguaggio, quindi il paziente stesso non sa cosa ha effettivamente detto. Non capire la lingua, sia la tua che quella di qualcun altro, porta all’uso di parole prive di significato.

Afasia conduttiva (sensorimotoria) – si verifica a seguito dell’interruzione delle connessioni anatomiche tra le parti sensoriali e motorie del cervello. Le caratteristiche di questa afasia sono: linguaggio per lo più fluente, disordine di denominazione, incapacità di ripetere le parole, comprensione parziale preservata, lettura possibile ma non ad alta voce. Il paziente di solito è consapevole del problema e cerca di risolverlo.

Afasia globale – Questa è la forma più comune di afasia. Si verifica principalmente a seguito di un ictus dopo un’occlusione del ramo principale dell’arteria cerebrale. Le caratteristiche sono: il paziente non parla, non capisce la lingua, non legge, non scrive, non ripete parole, non nomina l’oggetto visto, si trova sul sito stetoscopio.

L’afasia è curabile?

L’afasia richiede il lavoro di squadra. Dopo il medico e tutte le visite mediche, l’équipe comprende un fisioterapista e un logopedista.

“Il logopedista valuta la natura dell’afasia e sulla base di ciò crea un trattamento di logopedia e continua a lavorare con una persona che ha questo problema”, spiega il medico.

Continua dicendo che parte di questa squadra è anche una famiglia che svolge un ruolo importante nell’aiutare a gestire le attività quotidiane di una persona con afasia.

“La cosa principale per questo disturbo è la comunicazione verbale, quindi le persone che lavorano dove la parola o il linguaggio sono lo strumento principale del lavoro non possono fare quel lavoro”, ha concluso il dott. Khabarkapa per H1.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.