Verstappen e Red Bull gareggiano contro la Ferrari

Elettrizzata dalla doppietta di Imola (Italia), la Red Bull punta al 1° posto nel campionato costruttori a Miami, dove per la prima volta la F1 è visitata, e il suo pilota Max Verstappen cercherà di superare il leader Charles Leclerc ( Ferrari). .

Se Leclerc e Scuderia stanno attualmente dominando la classifica piloti e quella costruttori con 27 e 11 punti rispettivamente di vantaggio su Verstappen e Red Bull, tutti a Miami dovranno fare i conti con un nuovo layout questo fine settimana: la disciplina suprema delle corse automobilistiche non è mai stata in Atterrato in Florida. Grande perdente in casa a Imola a fine aprile, dopo il ritiro di Carlos Sainz Jr. e il ritiro di Leclerc dalla pista a una decina di giri dalla fine, costandogli il 3° posto (è finito 6°), la Ferrari deve rinunciare a le Red Bull di Verstappen e Sergio Pérez, che hanno ampiamente dominato la tappa italiana.

Davanti a migliaia di sostenitori devoti alla causa Ferrari, i piloti Red Bull avevano conquistato il 1° e il 2° posto, tanto da far dimenticare alla squadra austriaca i problemi meccanici delle gare precedenti. Con due vittorie a testa in quattro turni, Leclerc (Bahrain e Australia) e Verstappen (Arabia Saudita ed Emilia-Romagna) avrebbero potuto quasi pareggiare la partita in Coppa del Mondo… se Verstappen non si fosse dovuto ritirare due volte per problemi meccanici .

Ma quando se ne va la Red Bull, tutto vale per Verstappen: dal 5° al 2° posto in campionato al termine del GP dell’Emilia-Romagna (a Imola), il campione del mondo in carica ha dimostrato di contare per strappare la parte del leone al suo titolo difendere. Leclerc è attualmente al sicuro con un vantaggio di 27 punti. Anche se fosse stato eliminato a Miami e il suo rivale Verstappen avesse vinto la gara, avrebbe mantenuto le redini del campionato. Ma fino a quando? Leclerc, che gioca per il titolo per la prima volta nella sua carriera, sa di non avere il diritto di fare molti errori contro Verstappen.

Paura per Hamilton?

Lewis Hamilton soffre per questo duello. Alla deriva sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola, il sette volte iridato continua a lottare con le focene, la reazione che fa rimbalzare le vetture sui rettilinei dopo i cambiamenti aerodinamici della F1 in questa stagione. Segno lampante delle sue difficoltà: il pilota Mercedes ha fatto fare un giro a Verstappen a Imola. La battaglia per il titolo 2021 tra i due piloti sembra già lontana. Al punto in cui stai già spuntando il titolo? “Sono fuori, questo è certo. Non c’è dubbio su questo, ma continuerò a lavorare il più possibile per cercare di tornare in pista in un modo o nell’altro”, ha reagito al termine del round italiano, dove ha chiuso di nuovo 13° e lo ha retrocesso al 7° posto in campionato.

Il GP di Miami si svolgerà questa domenica ai Miami Gardens, a circa 30 km a nord della leggendaria Miami Beach. Il circuito di 5,41 km è costruito intorno all’Hard Rock Stadium, sede della squadra di football americano dei Miami Dolphins (il cui CEO Tom Garfinkel è il promotore del GP) e del Miami Open Tennis. Temple of Glory and Fake (un falso porto turistico è stato installato all’interno del circuito), Miami sarà la prima delle due gare americane del calendario di questa stagione. Gli Stati Uniti ospitano un GP ad Austin, in Texas, dal 2012 (previsto per il 23 ottobre di quest’anno), ma la F1 sta cercando di affermarsi più saldamente nel paese dello Zio Sam. Il prossimo anno, una terza gara che integrerà le discipline è già piena in calendario, con il Gran Premio di Las Vegas.

record di pubblico

Alimentata da queste nuove gare americane, la F1 non è mai stata così popolare negli Stati Uniti. In un paese in cui il motorsport è ben consolidato con le discipline di casa IndyCar e Nascar, la F1 gioca da tempo “Ti amo, nemmeno io” con l’America. Ma negli ultimi anni la luna di miele è stata confermata. Tuttavia, nel programma di F1 dal 1959, gli Stati Uniti sono stati assenti dal calendario in diverse occasioni. Ma dopo essere tornata ad Austin dal 2012, la F1 vivrà un nuovo playground a Miami con il risultato di un successo commerciale: i sedili sono tutti venduti (a prezzi alti)… in meno dell’una!

La svolta risale al 2017, quando il gruppo americano Liberty Media acquisì i diritti commerciali della F1, facendo degli Stati Uniti uno dei suoi mercati prioritari. La disciplina è stata modernizzata, ringiovanita, tramite i social media e Netflix con la serie Drive to Survive. Di conseguenza, il numero di spettatori nella terra dello zio Sam ha raggiunto il massimo storico nel 2021. La stagione ha attirato una media di 934.000 spettatori per gara, il 54% in più rispetto al 2020 e ben al di sopra del record precedente (748.000 nel 1995). Il GP degli Stati Uniti ha accolto il record di 400.000 spettatori nel 2021 e, nonostante la differenza di orario (trasmissione mattutina), ha registrato il miglior pubblico dell’anno con una media di 1,2 milioni di spettatori su ABC. Quasi un milione di americani ha assistito all’epico finale del duello tra Max Verstappen e Lewis Hamilton ad Abu Dhabi, rispetto ai 523.000 del 2020 della stessa gara.

Circuiti europei a rischio

Il calendario colonizza, il pubblico convince, restano solo attori “made in USA”. Perché attualmente la F1 ha un solo team americano – l’umile Haas, l’ultima nel 2021 – e nessun pilota. L’ultimo, intitolato American, risale al 1978, con protagonista Mario Andretti. La dinastia Andretti intende far risplendere il proprio nome anche in F1, poiché il figlio Michael Andretti, ex pilota di F1 di breve durata e proprietario dell’omonimo team IndyCar, vuole sfondare nel campionato con una nuova squadra. Forse includendo un pilota americano, Colton Herta, che è diventato il più giovane vincitore di una gara IndyCar nel 2019.

Ma questa conquista dell’Occidente non è stata priva di turbolenze. Alcuni circuiti storici europei sono in pericolo. Il GP di Francia, Monaco o Belgio non ha ancora firmato con la F1 per il 2023. In competizione con i nuovi arrivati ​​dall’America, dall’Asia e dal Medio Oriente, questi circuiti vedono l’idea di alternarsi ogni due anni per evitare di scomparire del tutto.

Audi e Porsche si impegnano

Audi e Porsche, invece, hanno deciso di entrare in F1. Le trattative tra i due marchi per le partnership per la partecipazione alla competizione automobilistica più prestigiosa sono oggetto di speculazioni da diversi mesi, con i preparativi di Porsche un po’ più avanzati. La Porsche, che non ha mai gareggiato in F1 ma ha lavorato con la Red Bull nel Campionato del Mondo Rally, non ha annunciato come intende partecipare alla competizione. Secondo quanto riferito, intende sviluppare una partnership a lungo termine con la Red Bull Racing Team. Audi, nel frattempo, è pronta a offrire al produttore britannico di auto sportive di lusso McLaren circa $ 556,30 milioni per entrare in Formula 1.

Fonti: agenzie

Elettrizzata dalla doppietta di Imola (Italia), la Red Bull punta al 1° posto nel campionato costruttori a Miami, dove per la prima volta la F1 è visitata, e il suo pilota Max Verstappen cercherà di superare il leader Charles Leclerc ( Ferrari). . e la Scuderia domina attualmente la classifica piloti e quella costruttori con rispettivamente 27 e 11 punti davanti a Verstappen…

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.