Gli archeologi dell’Italia meridionale hanno scoperto antichi elmi e resti di un tempio

Gli archeologi hanno scoperto antichi elmi di guerrieri e le rovine di un muro di mattoni dipinto nell’Italia meridionale che potrebbe aver fatto parte di un tempio dedicato alla dea Atena, hanno detto i funzionari.

Il ministro della Cultura italiano Dario Franceschini ha affermato che i resti sono stati scavati nel popolare sito archeologico di Velia, il sito di un’antica città antica nella regione della Magna Grecia abitata dai greci nell’VIII secolo a.C. .

Il sito di Velia si trova a 40 chilometri a sud-est dei resti dell’antica città di Paestum, famosa per i suoi templi greci.

Un recente scavo a Velija ha rivelato un paio di elmi in buone condizioni, i resti di un edificio, vasi con un’iscrizione greca per “sacro” e parti metalliche di oggetti che potrebbero essere armi, ha affermato il ministero.

Massimo Osana, direttore dei musei statali, che da tempo conduce gli scavi nel sito archeologico di Pompei, ha affermato che l’area esplorata a Velia contiene probabilmente reliquie di offerte ad Atene, la mitologica dea greca della guerra e della saggezza, dopo una battaglia navale chiave nel vicino Mar Tirreno.

Velia è anche conosciuta come sede dell’antica scuola filosofica greca, alla quale appartengono Parmenide e Zenone.

Parole chiave


Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.