Marathon du Mont-Blanc 2022: nuovo percorso, nuovi favoriti

La tappa 2 della Golden Trail World Series si svolge questa domenica a Chamonix per una replica della maratona del Monte Bianco che segna una pietra miliare: un nuovo percorso che contrappone i favoriti della giornata l’uno all’altro in una gara aperta.

Kilian Jornet e Stian Angermund, assenti dalla squadra maschile. Nienke Brinkman e Maude Mathys riposano per le donne. Il gruppo di testa della Marathon du Mont-Blanc, questa domenica da Chamonix, dovrebbe essere carico di nervosismo. E con una buona ragione: la seconda tappa della Golden Trail World Series sembra essere particolarmente aperta a uomini e donne quest’anno.

C’è sicuramente un favorito tra gli uomini. Davide Magnini è stato premiato con un impressionante 2° posto alla Zegama-Aizkorri lo scorso maggio, dietro un intoccabile Kilian Jornet e davanti a un gruppo di altissima qualità. Inoltre il giovane è già apparso sulle tracce del massiccio del Monte Bianco. L’italiano ha vinto l’edizione 2019 della gara. Al suo fianco, il titolare della GTWS con le migliori possibilità di podio tricolore, c’è l’indispensabile Thibault Baronian, 6° a Zegama-Aizkorri.

Per le medaglie dobbiamo guardare anche Jonathan Albon. Il campione del mondo di trail running 2019 fa il suo debutto al GTWS di Chamonix. Hanno potuto fare l’impresa anche tre corridori africani: Petro Mamu (Eritrea), ex vincitore di Sierre-Zinal, squalificato anche lui per 9 mesi nel 2018 per doping (si era dichiarato negligenza dopo aver assunto un farmaco contenente fenoterolo), il marocchino Elhousine Elazzaoui, terza a Zegama-Aizkorri quest’anno, e il keniano Robert Pkenboi Matayengo, quinto a Zegama-Aizkorri per il suo primo trail europeo, saranno nel gruppo.

Un arrivo per le strade di Chamonix

La gara femminile è particolarmente aperta in quanto mancano i due tenori GTWS. In cima al pronostico, la francese Anaïs Sabrié, terza a Chamonix lo scorso anno, potrebbe aggiungere una prima vittoria GTWS alla sua lista. Ma per questo servono due forti iberici, Sara Alonso e Sheila Avilès, e un’italiana, Fabiola Conti.

Una cosa è certa, questa edizione della Mont Blanc Marathon sarà diversa dalle altre: per la prima volta nella sua storia, la gara di domenica arriverà nelle strade di Chamonix e non a Planpraz come le precedenti edizioni. Una variazione che non incide sulle dimensioni della gara, visto che il percorso è ancora di 42 km per 2,54 m di dislivello. Gli atleti sperano in un clima più mite rispetto a questo venerdì: l’organizzazione ha dovuto annullare la 90 km del Monte Bianco a causa dei forti temporali che stanno colpendo Chamonix.

leggi anche

Tutte le notizie sul trail running

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.