Sale il tono tra PSG e campionato spagnolo

“Nuovi imperi”, “Bugie”, “Tebas chi? ‘: Mercoledì il tono si è inasprito tra PSG e calcio spagnolo, un’escalation alimentata dalla resa dei conti per Kylian Mbappé, dal progetto Superleague o persino dal fair play finanziario che il campionato spagnolo accusa il Paris di essersi infortunato.

La tensione è evidentemente più grande che mai dal prolungamento del contratto di Mbappé al PSG, che il presidente della Liga Javier Tebas ha definito un “insulto al calcio”, e dalla denuncia dell’ente spagnolo alla UEFA.

Il campionato spagnolo accusa Paris Saint-Germain e Manchester City di presunti non rispetto delle regole europee di equilibrio finanziario, che secondo Tebas è illustrato dal nuovo contratto di Mbappé con Mirobolant, mentre il Real Madrid, fiore all’occhiello del campionato spagnolo, corteggiava l’attaccante.

Al punto che il PSG, che si assicura di rimanere sui chiodi, ha risposto mercoledì alla stampa con la voce del loro presidente, Nasser Al-Khelaïfi.

“Tebas chi? ” ha scherzato il boss del PSG sulle colonne della Gazzetta dello Sport… mentre i due dirigenti si conoscono perfettamente e si sono incrociati alle riunioni del Comitato Esecutivo UEFA.

“Arroganza”

“È scortese fingere di dire agli altri cosa fare. Non accetto le lezioni di coloro che vedono la Champions League come una minaccia per il proprio campionato”, ha affermato Al-Khelaïfi, anche presidente della European Club Association (ECA).

Noto per le sue esplosioni verbali, Tebas ha subito risposto su Twitter.

Al-Khelaïfi “ci prende per pazzi (lui stesso non crede alle sue bugie) e viene a insegnarci lezioni, pieno di compiacimento e arroganza dei ‘nuovi ricchi'”, ha twittato il leader.

“Non ci sono regole per il PSG. Continueremo a lottare per un calcio sostenibile senza barare”, afferma.

Tebas, che è stato il capo della Liga dal 2013, è stato uno dei critici più accesi dei club sostenuti dallo stato, in particolare il Qatar per il PSG e gli Emirati Arabi Uniti per il City, che secondo lui stanno sbilanciando la competizione sportiva ed economica.

“Troppi insulti”

E il leader è abituato ad attaccare il PSG, criticando l’arrivo di Lionel Messi nel 2021 o il trasferimento da record di 222 milioni di euro di Neymar nel 2017 con la sua stessa metafora: ‘Neymar è salito sul trampolino e si è incazzato in piscina’.

Qualcosa per irritare Al-Khelaïfi. “Guarda Messi. È lo stesso: ci hanno detto che era impossibile, abbiamo finito per fare soldi con Messi”, ha difeso mercoledì il leader del Qatar sul quotidiano spagnolo Marca. “(Tebas) non ne sa niente e farebbe meglio a concentrarsi sul suo campionato, che è un po’ morto. »

Tutti quegli oltraggi verbali hanno spinto il francese Vincent Labrune, capo della Professional Football League (LFP), a scrivere alla sua controparte spagnola a fine maggio per rispondere alla “calunnia” che circondava l’estensione di Mbappé.

E in un’intervista all’AFP, il presidente UEFA Aleksander Ceferin ha cercato di fischiare la fine della pausa dicendo di essere “assolutamente in disaccordo” con Tebas e lamentando che ci sono “troppi insulti” nel calcio…

Queste tensioni riassumono una delle linee di frattura nel calcio europeo tra giganti storici come Real Madrid, FC Barcelona o Juventus Torino e le nuove potenze continentali PSG e City.

Coincidenza o meno, scopriamo che Real, Barça e Juve sono ancora coinvolti congiuntamente in un progetto privato di Superleague, la cui prima versione volatile nel 2021 ha suscitato proteste popolari e politiche e costretto i promotori a fare marcia indietro. Mentre Al-Khelaïfi aveva guidato l’opposizione al progetto, insieme a Ceferin… e Tebas!

Nonostante la Superleague sembri essere stata quasi sepolta dall’abbandono dei club inglesi lo scorso anno, il Real assicura che è ‘ancora viva’ e la controversia è stata portata alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, che l’11-12 luglio dovrà riesaminare diventare .

L’occasione per un nuovo sputo franco-spagnolo?

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.