A spasso da Venezia a Pechino, l’avventura di un’italiana di 72 anni | Cultura e Spettacolo | Edizione America

Da Venezia a Pechino, questo è il percorso che farà a piedi Vienna Cammarota, che, a 72 anni, seguirà le orme di Marco Polo per far conoscere il patrimonio italiano, scoprire nuovi paesi e, soprattutto, mostrare a tutte le donne “che Possono sognare e ottenere ciò che vogliono.

Il suo sorprendente viaggio partirà il 26 aprile da una cornice unica: le Isole Lazzaretti, a Venezia (nord Italia), dove fu decretata la prima quarantena registrata per isolare le persone contagiate dalla peste nel XV secolo, molto prima che questo concetto venisse trasceso. in tutto il mondo a causa della pandemia di coronavirus.

Dalla casa natale di Marco Polo, Cammarota inizierà un viaggio triennale in cui seguirà le orme del famoso esploratore italiano che portò in Occidente la Via della Seta e attraverserà paesi come Serbia, Turchia, Azerbaigian, Iran, Kazakistan. e Mongolia, fino al suo arrivo nella capitale cinese, mentre un’équipe medica monitorerà a distanza le sue condizioni fisiche.

Non è il primo viaggio del veterano avventuriero italiano, che da più di trent’anni attraversa a piedi regioni come la Patagonia, l’Amazzonia, il Tibet o, la sua ultima impresa, completa il viaggio che lo scrittore tedesco Wolfgang Goethe ha attraversato L’Italia fino al momento in cui decise che la sua prossima conquista sarebbe stata quella di imitare Marco Polo.

“L’idea del viaggio mi è venuta quando ho finito il viaggio di Goethe, così ho deciso di seguire Marco Polo, perché penso che abbia scritto la storia d’Oriente con i suoi libri, un viaggio che ha influenzato molti, e continua tuttora, ” Ha aggiunto. spiegato in un’intervista a Efe.Cammarota, coordinatrice di progetti escursionistici nella regione italiana della Campaña (sud).

A 72 anni, anche se sarebbe difficile indovinare solo a guardarla, vista la sua carnagione atletica, riconosce l’emozione che la travolge all’inizio di questa avventura in cui sarà accompagnata solo dal suo grande zaino arancione, dove prende tutti i suoi effetti personali e una copia dei “Viaggi di Marco Polo” indossata e contrassegnata con tutte le sue annotazioni.

«Marco Polo è stato soprattutto un uomo coraggioso, spinto da un’insaziabile sete di conoscenza e di far conoscere», legge ad alta voce Cammarota, che, sorridendo, ammette di essere così anche lei: un Marco Polo del futuro.

L’italiana, nota nell’ambiente del turismo ambientale nel suo Paese per le sue gesta, condivide lo stesso obiettivo del Polo: “Fare conoscere nazioni che conosciamo solo sulla mappa o dai pochi turisti che vi si avventurano. , ma senza conoscerle davvero loro popoli e culture.

Cammarota manda un messaggio di pace anche nei suoi viaggi. “Quando viaggi, ti accorgi che non c’è bisogno di andare in guerra per motivi di razza o religione, perché siamo tutti fratelli”, dice.

Nonostante percorrerà migliaia di chilometri da sola, l’esperta escursionista afferma che non si sentirà sola, poiché durante il viaggio incontrerà persone dalle quali, nonostante le differenze linguistiche e culturali, imparerà, mentre la farà conoscere paese, Italia.

“Con la sua volontà trasmette il patrimonio del nostro Paese, e lo fa vivendo la realtà dei suoi piccoli centri e raccontandone le ricchezze storiche con le persone che incontra”, ha detto Rosario Santanastasio, presidente dell’Archaeoclub d’Italia. Efe., che la sosterrà durante tutto il suo viaggio.

Ma al di là dell’opera di promozione culturale del patrimonio italiano, Cammarota ha un suo obiettivo personale: “Spiegare alle donne che non è vero che non possiamo fare ciò che abbiamo programmato di fare, ma che possiamo fare qualsiasi cosa”, proclama con orgoglio.

Si rivolge anche alle nuove generazioni per ricordare loro che “devono scoprire il mondo viaggiando”, ma non solo dai principali monumenti, ma anche scoprendo ciò che li circonda e immergendosi nella vita delle città che visitano.

Guardando al futuro, oltre il suo 75esimo compleanno quando conquista Pechino, Cammarota annuncia con entusiasmo il suo nuovo obiettivo: “Se uscirò vivo dalla Cina, farò il giro del mondo.

andrea cuesta

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.