I media non sono più nelle mani dello Stato, ma del SNS

Il giornalista Nedim Sejdinović ha dichiarato al portale N1, in occasione del cambio di proprietà di “Politika”, che è una conferma che la transizione mediatica in Serbia è stata completata con successo. “I media non sono più nelle mani dello stato, ma di proprietà di SNS e dei suoi magnati e magnati”, dice.

Come dice lui, i giornalisti di questi media non si lamentano, perché hanno uno stipendio regolare, che viene sempre dallo Stato, anche se indirettamente.

“Non possono preoccuparsi del loro lavoro, scrivono rapporti comunali e glorificano il governo, ma per loro è meno importante”. Sono infinitamente triste perché vivevo nella convinzione che tutto non sarebbe finito in modo banale e tragico. Errore enorme e stupidità”, ha detto Sejdinović.

Ricordiamo che l’imprenditore Miroslav Bogićević ha venduto la sua quota nella società “Politika novine i magazinei” a Boban Rajić, il proprietario di “Novosti”. Bogićević ha detto a N1 che i nuovi proprietari sono costretti a investire in Politika e che crede che la politica editoriale rimarrà la stessa.

Il proprietario è vicino a SNS e ai suoi gestori

Come si dice Nova.rs, Boban Rajić è un uomo d’affari strettamente legato al Partito progressista serbo e ai suoi alti funzionari.

Boban Rajić ha acquistato Novosti per 2,5 milioni di euro nel 2019. L’operazione è stata effettuata tramite la società “Media 026” di Vučevo vicino a Smederevo, fondata un anno prima. Nelle riviste ufficiali, Boban Rajić è indicato come proprietario al 100%.

E poi il pubblico ha sentito parlare di lui per la prima volta.

Secondo i dati del Registro delle Imprese, Rajić è proprietario di diverse società: “Rajić invest”, “Media 026” e “RCBGD”, ed è anche amministratore della società “Coka”, di cui era proprietario. fino a settembre 2019.

Si è scoperto che il giornale con una tradizione decennale è stato acquistato da qualcuno che, tra l’altro, è il proprietario della famosa osteria di Belgrado, lo zar russo.

Come rivelato dai media investigativi, Rajić è strettamente legato ai più alti funzionari del governo.

Vale a dire, la domanda di registrazione è stata presentata dall’avvocato Igor Isailović, noto anche come avvocato del ministro delle finanze Siniša Malog. È stato anche socio in affari del primo ministro Ana Brnabić e collabora anche con il noto uomo d’affari del Kosovo Zvonko Veselinović, di cui ha scritto BIRN.

Inoltre, Isailović è stato membro del consiglio di sorveglianza della società Dunav de Smederevo, di cui Boban Rajić era un direttore, scrive il portale Nova.rs.

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.