Il presidente della Serie A assicura che il fallimento dell’Italia forzerà un profondo cambiamento nel calcio nazionale

Laurent Casinipresidente del Una serie d’Italia, ha definito un “fallimento” l’assenza per la seconda volta consecutiva del squadra italiana ai Mondiali e ha sottolineato che ciò significherebbe un “profondo cambiamento” nel calcio italiano.

Con l’eliminazione italiana, il leader ha assicurato che era giunto il momento di cambiare le basi del calcio in Italia e pianificare meglio il futuro. “La mancata qualificazione alle finali dei Mondiali è un fallimento per tutto il calcio italiano che dovrebbe indurre tutti a una seria riflessione ea un profondo cambiamento del nostro sistema.ha commentato Casini.

Sacchi Arrigomitico allenatore d’Italia e che ha portato la sua squadra alla finale del 1994 Coppa del Mondo negli Stati Unitid’accordo con le parole del presidente della Serie A, sottolineando che non è colpa dei giocatori, ma delle basi del calcio per avere un modello retrogrado e senza nuove idee.

Non abbiamo vinto nulla in Europa dal 2010, dopo l’Inter Champions League di Mourinho. La nazionale del Campionato Europeo è stata una meravigliosa eccezione di cui tutti dovremmo essere grati perché ci ha regalato un trofeo vinto con merito e buon gioco. Continuiamo a comprare stranieri per i nostri club, e anche i settori giovanili sono pieni di ragazzi dall’estero.ha commentato l’ex allenatore Sacchi per La Gazzetta dello Sport.

“Spero che non cerchi di risolvere tutto licenziando l’allenatore. Il problema è più grave, molto più grave. Il calcio italiano soffre di un’arretratezza culturale, non ci sono nuove idee. Altre nazioni si stanno evolvendo e noi siamo rimasti a 60. Lo dirò chiaramente: i giocatori e l’allenatore sono i meno colpevoli di questa situazione. Qui il problema è “istituzionale”, ha aggiunto.

Anche se la Federcalcio italiana attenderà di fare un bilancio del ciclo dei Mondiali, questo determinerà il futuro di Roberto Mancini all’interno dell’Azzurra sono previsti cambiamenti drastici anche all’interno della Serie A italiana.

Potresti essere interessato:

Dal 1958 al 2018: le grandi squadre che sono rimaste senza un Mondiale

In Italia associano Carlo Ancelotti in sostituzione di Roberto Mancini dopo l’eliminazione dell’Italia ai playoff

La tragedia! La Macedonia del Nord lascia la nazionale italiana senza un Mondiale

Arduino Genovesi

"Tipico comunicatore. Appassionato di Twitter esasperante e umile. Amante degli zombi. Fanatico del web sottilmente affascinante. Giocatore. Appassionato di birra professionista."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.