la bella prima di Montpellier, caduta in finale di Castres

L’MHR ha finalmente alzato lo scudo da Brennus dominando Castres nella finale di venerdì (29-10) allo Stade de France.

Rappresentante speciale per lo Stade de France

Nella storia. Infine. Il Montpellier è diventato il 28° club francese ad avere il proprio nome inciso nella parte inferiore dell’iconico scudo Brennus allo Stade de France venerdì sera. Una prima con il modo. Dominando Castres Olympique 29-10, l’MHR ha effettivamente segnato il divario più ampio nella finale della Top 14 dal suo inizio nel 2005-2006 e il trionfo del Biarritz Olympique sullo Stade Toulousain 40-13 Quattro anni dopo aver dominato quella finale per il CO 29 a 13, la vendetta è appetibile per una squadra dell’Hérault che è tornata da lontano. Torna in pista Philippe Saint-André che, dopo averlo salvato dalla retrocessione in cinque mesi la scorsa stagione, lo ha nominato campione di Francia.

L’inizio dell’incendio della MHR

L’interminabile presentazione dei 46 giocatori davanti al Presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, ha fatto temere un calo della tensione al calcio d’inizio: i corpi si raffreddano, la determinazione svanisce. Divenne subito evidente che questo lungo protocollo aveva gravato sui Castres più dei residenti di Montpellier. Dodici minuti dopo il calcio d’inizio, il compagno di squadra del capitano Yacouba Camara era già caduto in porta tre volte: Arthur Vincent (5e) sfruttando un errore sfavorevole; Florin Verhaeghe al potere durante una serie di mazze (10e); Anthony Bouthier al termine di una grande azione da tre quarti e un ultimo cross alla cieca di Arthur Vincent. Aggiungiamo un rigore di Paillaugue e al 20e Il Minute Montpellier era già in vantaggio per 20-0 contro l’eliminato Castres.

Castres è sfortunato

È iniziato il 5e Minuto. Geoffrey Palis tenta un piccolo over per la sua ala dopo un lungo calcio. Completamente svitato. La palla è stata recuperata dai residenti di Montpellier per una prima meta che ha atterrato Castres. Poi è presto il campione di CO, l’argentino Benjamin Urdapilleta, a zoppicare profondamente. Il mezzo volante stringe i denti, sussulta per il dolore, si attacca alla difesa ma finisce per gettare la spugna al 13e Minuto. I guaritori sono impegnati con la sua caviglia sinistra, cercando di rimetterlo in piedi. Il giovane Antoine Zeghdar entra in gioco per una squadra rinnovata. Si ferma sulla fascia, Palis si infila nel 15, il difensore Julien Dumora prende il sopravvento. Solitamente metronomo al piede, sbaglia un rigore alle corde (15e), ha colpito una palla morta con una penalità (17e) prima di vedere finalmente lo spettacolo il 34 aprilee (20-3). Ma ora l’edificio è traballante.

La Resistenza Montpellier

MHR è in vantaggio di 23:3 all’intervallo grazie a un altro rigore di Benoît Paillaugue. Ma Guilhem Guirado ha perso, la cui ultima partita della sua lunga carriera è durata 27 minuti. Vittima di un KO dopo che la testa ha colpito la spalla del capitano del CO, Mathieu Babillot, l’ex tallonatore del XV di Francia, non ha rispettato il protocollo di commozione cerebrale… Castres, che deve fare una rimonta eroica, abbandona l’attacco del campo opposto. Campeggia lungo nei 22 metri di Montpellier. Gioca tutti i rigori a mano. E ha tagliato tre volte la linea di porta. Vanitoso.

Al 50esimoe minuto è Arthur Vincent che fa scivolare la mano sotto la palla e rilancia Julien Dumora per evitare che si appiattisca. Al 57esimoe Nel minuto, il pilastro in sostituzione di Wayan de Benedittis, imbarazzato dai difensori, fa scivolare il pallone in avanti. Un minuto dopo, Chilacava della Georgia prova a mettere la palla in porta, ma un gruppo di avversari lo ferma. Venti minuti di dominio soffocante ma sterile. Il muro della MHR non cede. Respingi gli attacchi, contro i palloncini imprecisi, manda a casa i Castres. E con la prima incursione in campo avversario, l’esordiente italiano Paolo Garbisi offre alla sua squadra altri tre punti. 26-3 a dodici minuti dalla fine. Fijian Botitu finirà per usare un rimbalzo economico su una partita lunga per salvare l’onore (26-10, 74°).e). Ma il campione del mondo sudafricano Handré Pollard avrà l’ultima parola. Un rigore finale per un successo innegabile, 29 a 10.

GUARDA ANCHE – Questo venerdì Lionel Messi ha festeggiato il suo 35esimo compleanno

Casimiro Napolitani

"Comunicatore. Studioso professionista del caffè. Fanatico della cultura pop esasperante e umile. Studente devoto. Amichevole drogato di social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.